Ambiente 21 Luglio 2022 15:35

Caldo killer, Balzanelli (SIS 118): «Attenti all’esaurimento da calore»

Il presidente SIS 118: «Chi ne è vittima si sente completamente sfinito. Tra i sintomi: cefalea persistente, accompagnata da nausea, vomito, diarrea, con una perdita significativa di liquidi ed elettroliti. Per le forme che non vengono trattate tempestivamente la mortalità sale fino all’80%»

Caldo killer, Balzanelli (SIS 118): «Attenti all’esaurimento da calore»

L’estate 2022 potrebbe essere tra le stagioni più calde di sempre, con temperature superiori alle medie stagionali su buona parte sia dell’Italia, che dell’Europa. A preannunciarlo, già due mesi fa, è stato l’ECMWF, il Centro europeo per le previsioni meteorologiche, mettendo in allerta soprattutto le fasce più fragili della popolazione.

I “mali” da calore

«Le elevate temperature possono essere una vera e propria minaccia per il nostro organismo – avverte Mario Balzanelli, presidente della Società Italiana Sistema (SIS) 118 -. Nel migliore dei casi rappresentano comunque uno stress, dal quale il nostro organismo non sempre riesce a difendersi, soprattutto se le temperature aumentano di molti gradi da un giorno all’altro. Di solito, infatti, per non accusare eccessivamente il colpo, avremmo bisogno di almeno 7-10 giorni per adattarci ad al caldo».

A causa di temperature molto elevate, e a seconda del grado di difficoltà con cui il nostro corpo vi si adatta, possono insorgere patologie di maggiore o minore entità. «Si va dai crampi da calore, che si localizzano prevalentemente all’altezza dei polpacci o delle cosce, al calo della pressione arteriosa, alle tetanie (come spasmi muscolari), fino alla sincope, ovvero la perdita dei sensi», spiega Balzanelli.

L’esaurimento da calore

Il quadro si complica ulteriormente di fronte al cosiddetto esaurimento da calore. «Chi ne è vittima si sente completamente sfinito. Di solito ha anche una cefalea persistente, accompagnata da nausea, vomito e, talvolta, diarrea. La temperatura cutanea raramente superare i 40 gradi, ma si manifesta una perdita significativa di liquidi ed elettroliti, che vanno necessariamente e tempestivamente reintegrati. In questi casi – sottolinea il presidente SIS 118 – la mortalità oscilla dal 10% (per le forme che vengono trattate tempestivamente) all’80% (laddove il colpo di calore non venga riconosciuto in tempo e quindi trattato)».

Il colpo di calore può essere correlato all’esercizio fisico, ma anche manifestarsi quando il soggetto non sta compiendo alcuna attività motoria. «In situazioni di elevata gravità la vita è realmente in pericolo: c’è una disfunzione multiorganica e multisistemica, con un coinvolgimento del sistema nervoso centrale, tanto che possono comparire convulsioni, spesso precedute da stati deliranti e confusionali. Nei casi più estremi il soggetto può anche andare in coma», commenta Balzanelli.

Attenti all’anidrosi

La cessazione della sudorazione è uno dei principali campanelli di allarme: «Se posizionando una mano sotto l’ascella dell’individuo colto da malore si percepisce la totale assenza di sudore, ovvero l’anidrosi, non c’è tempo da perdere. La mancanza di sudorazione indica che la persona si trova in una condizione di paralisi funzionale dell’organismo: il suo corpo non riesce più a scambiare il calore con l’ambiente esterno. Si tratta di una situazione gravissima – sottolinea lo specialista – in cui è necessario attivarsi immediatamente sia chiamando il 118, che compiendo alcune manovre di primo soccorso, in attesa del medico e del personale sanitario».

Il primo soccorso

La prima cosa da fare è spostare il paziente in un luogo fresco e ventilato, per poi procedere alle manovre di raffreddamento, il cosiddetto cooling. «Questo processo deve durare circa 20 munti – dice il presidente del SIS 118 -. Se si ha a disposizione una vasca con acqua a temperatura ambiente allora sarà molto utile immergervi l’individuo colto da malore, lasciando fuori solo il capo. In alternativa, trovare delle fonti di freddo, da bottiglie d’acqua a sacchetti di ghiaccio, da posizionare in zone strategiche come l’inguine, le ascelle, i due lati del collo e il capo».

Farmaci e dieta, ecco come cambiano in estate

Attenzione ai farmaci. «Tutti coloro che seguono delle terapie farmacologiche devono rimodulare il dosaggio, sotto stretto controllo medico, in base alla stagione in corso – aggiunge Balzanelli -. Medicinali per la regolazione della pressione arteriosa o i diuretici sono solo due esempi dei trattamenti che devono essere modificati durante l’estate».

Ci sono poi consigli validi per tutti, che si tratti di persone fragili o in perfetta salute. «Evitare di esporsi al sole nelle ore calde, coprirsi il capo con un cappello, preferibilmente bianco, bagnare la testa, in particolare la nuca, mangiare poco e spesso e non bere alcolici», dice lo specialista. Idratarsi è fondamentale, ma l’acqua non basta. Si possono scegliere delle bevande ricche di sali minerali in commercio, oppure optare per il fai da te: «Un litro d’acqua, 4-5 cucchiai di zucchero, un cucchiaino di sale, 5-6 limoni spremuti. È un vero toccasana. Provare per credere», assicura Balzanelli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
Ecco perché non ci si tuffa “di pancia”
Balzanelli (SIS 118): «Se ci si tuffa in acque fredde, quando il nostro corpo è eccessivamente cado, l’impatto tra l’addome o i genitali e l’acqua può causare la sindrome da idrocuzione, capace di ridurre drasticamente la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa, fino ad esiti letali»
Insonnia estiva: cause e rimedi di un disturbo che il Covid ha peggiorato
Sono oltre 18 milioni gli italiani che lamentano disturbi del sonno, in particolare durante l’estate
Badacare, arriva la piattaforma che permette di trovare la badante ideale
Una Startup torinese ha messo a punto un portale con oltre 7000 bandati qualificate per non commettere errori nella scelta delle figure professionali cui affidare la gestione dei propri parenti anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale