Non Categorizzato 21 Maggio 2020 13:18

I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»

Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri

di Giuseppe Mele, Presidente Simpe

Durante la pandemia di Covid-19, abbiamo potuto constatare che il SSN si è basato finora sul concetto di cura del paziente, per quanto ci riguarda, di cura del bambino. L’emergenza ci ha insegnato, al contrario, che non si può continuare a mettere al centro il singolo, ma è necessario pensare alla comunità.

Per questo, nella gestione della fase 2 e 3, torna l’esigenza di fare diagnosi di coronavirus: bisogna andare a ricercare i paucisintomatici e gli asintomatici e i bambini sono tra questi, e sono tanti: tra il 42 ed il 47% dei bimbi raramente presentano dei sintomi particolari di malattia. Quindi dobbiamo iniziare a pensare a una pediatria di comunità: l’idea è quella di avere degli spazi che siano distrettuali, territoriali, per fare diagnosi più che curare, e individuare così per tempo tutti i paucisintomatici o gli asintomatici in modo da ridurre l’incidenza della circolazione del virus.

Oltre a questo, però, credo che si debba iniziare a pensare a degli spazi dedicati al Covid, con personale specializzato e protetto che possa fare la diagnosi in tempi brevissimi. Creiamo le condizioni perché il territorio diventi il secondo pilastro della sanità perché l’ospedale deve avere altri compiti: ormai il 60-70% dei pazienti Covid sono a casa e allora bisogna creare le condizioni perché questa situazione posso essere gestita correttamente.

A scuola, poi, l’educazione sanitaria, l’educazione civica del bambino, devono avere un ruolo fondamentale e quindi anche la pediatria in questo senso deve avere possibilità e spazio di manovra.

Infine, per noi pediatri, sarebbe importante poter fare i vaccini nel proprio ambulatorio ed è giusto che un pediatra possa prescriverli. Noi abbiamo creato delle unità territoriali pediatriche che possono essere una risposta organizzativa più coerente alla gestione della fase 2 e soprattutto della fase 3.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Long Covid pediatrico: 2 adolescenti su 10 soffrono di disturbi psico-somatici, ansia e depressione
Midulla (pneumologo): «Tra i piccoli pazienti, almeno finora, non sono stati rilevati effetti a lungo termine sulla salute polmonare, cardiaca e neurologica. Follow-up attivo in 30 centri italiani»
di Isabella Faggiano
Vaccini Covid, arrivano i rinforzi: nella campagna anche odontoiatri, pediatri e farmacie
Con l'approvazione del Dl Sostegni, rientrano tra i vaccinatori nuove categorie: infermieri e odontoiatri negli hub senza conflitto di interessi, i pediatri copriranno i caregiver. In farmacia nuovi spazi, ma Fnomceo chiede la presenza di un medico
Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»
La proposta della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale: «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico con due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il pediatra»
di Federica Bosco
Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS
Missaglia (SIMPeF): «Disponibili ad applicare il protocollo se ATS mette a disposizione personale e logistica quando necessario»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...