Sanità internazionale 22 Agosto 2017 09:40

Trapiantato il primo esofago artificiale negli Usa: è opera di due ricercatori italiani

Costruire un esofago in materiale sintetico; rivestirlo di cellule staminali del paziente; aspettare che intorno alla struttura ricresca il nuovo tessuto esofageo; rimuovere l’impalcatura artificiale che ha fatto da “binario” per la formazione del nuovo organo e salvare una vita. È quanto compiuto da due ricercatori italiani, Fabio Triolo (Direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università […]

Costruire un esofago in materiale sintetico; rivestirlo di cellule staminali del paziente; aspettare che intorno alla struttura ricresca il nuovo tessuto esofageo; rimuovere l’impalcatura artificiale che ha fatto da “binario” per la formazione del nuovo organo e salvare una vita. È quanto compiuto da due ricercatori italiani, Fabio Triolo (Direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università del Texas, a Houston) e Saverio La Francesca (Presidente di Biostage, l’azienda biotech che ha inventato la tecnologia), che seguendo questa procedura e mettendo in pratica anni di studi, ricerche e tentativi, hanno trapiantato il primo esofago artificiale su un paziente statunitense di 75 anni: malato di tumore ai polmoni, al cuore e all’esofago, ora, a detta dei medici, sta meglio. La zona esofagea colpita dal tumore è infatti stata rimossa e sostituita con quella artificiale. Come raccontato da Repubblica , dopo aver ottenuto l’approvazione dell’Fda (Food and drug administration) e visti gli ottimi risultati del primo intervento, i due ricercatori si dicono pronti a provare la nuova tecnologia anche su altri pazienti. Si stima che siano quasi mezzo milione l’anno i casi di tumore dell’esofago nel mondo, a cui si aggiungono altre malattie che compromettono la funzionalità dell’organo. I buoni risultati di questa nuova tecnica potrebbero quindi essere di fondamentale importanza per tante persone, che oggi vengono per lo più curate riutilizzando e reimpiantando una porzione di stomaco o di intestino nella zona esofagea; soluzioni che tuttavia possono portare a complicazioni importanti. Inoltre, la tecnica potrà essere utilizzata anche per salvare tanti bambini nati con malformazioni genetiche, per i quali le opzioni terapeutiche sono scarse. Tuttavia, sottolineano gli stessi ricercatori, è ancora necessario del tempo per perfezionare la tecnica, mentre la Biostage, l’azienda che ha creato l’organo artificiale, sta lavorando sulla possibilità di utilizzare una tecnica simile per il trapianto della trachea. Tuttavia siamo ancora molto lontani dal poter creare organi più complessi quali cuore, reni o polmoni.

Articoli correlati
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
Trapianti a cuore fermo: in Italia sono il 5%, ma potrebbero dimezzare le liste di attesa
Cardillo (CNT): «La diffusione dei trapianti a cuore fermo stenta a decollare perché più complessi da gestire e organizzare di quelli a cuore battente (per morte cerebrale)». A Roma il primo caso del Policlinico Umberto I
Riforma IRCCS: così cambia la ricerca sanitaria. Ma ancora lontana la stabilizzazione dei precari
Alla Camera il primo via libera in commissione Affari sociali, ora la legge delega è attesa in Aula. Per il riconoscimento degli IRCCS sarà data priorità al criterio di localizzazione territoriale. Sarà garantita la comprovata competenza e professionalità anche manageriale dei componenti degli organismi governo degli IRCCS pubblici e degli organi scientifici degli IRCCS privati
di Francesco Torre
Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici
L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»
Il futuro della ricerca passa per le nanotecnologie. La storia di Angelo Accardo, cervello in fuga
Il professor Angelo Accardo, “nanotecnologo” della Delft University of Technology (TU Delft) in Olanda e cervello in fuga, lavora alla creazione di micro-ambienti cellulari ingegnerizzati che tentano di imitare il tessuto cerebrale umano. Tali microstrutture biomimetiche possono portare a importanti sviluppi nel campo delle malattie del neurosviluppo e dei tumori del cervello
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali