Sanità internazionale 19 Aprile 2022 14:39

Sull’Isola di Giava il 99% della popolazione ha anticorpi contro Covid-19

Sull’isola di Giava quasi tutta la popolazione ha sviluppato anticorpi contro Covid-19 grazie probabilmente a vaccinazioni ed a infezioni precedenti

Sull’Isola di Giava il 99% della popolazione ha anticorpi contro Covid-19

Quasi tutti gli abitanti dell’Isola di Giava hanno sviluppato anticorpi contro Covid-19. A dirlo è l’ultima indagine commissionata dal governo indonesiano. A rendere l’isola più popolosa dell’Indonesia libera dal Covid sarebbe stata una combinazione di infezioni precedenti e campagne di vaccinazione.

Anticorpi nella popolazione in crescita grazie anche ai richiami vaccinali

Lo studio è stato condotto lo scorso marzo dall’Università dell’Indonesia su 2.100 abitanti di Giava, isola che in totale ospita 150 milioni di persone, e Bali, la principale destinazione turistica dell’Indonesia. I risultati hanno rivelato che il 99,2% delle persone aveva anticorpi Covid, un aumento di 6 punti percentuali rispetto all’ultimo sondaggio di dicembre. L’epidemiologo dell’Università dell’Indonesia che ha condotto l’indagine per conto del ministero della salute, Pandu Riono, ha detto che i livelli di anticorpi nell’ultimo sondaggio erano più alti a causa di un più ampio numero di richiami vaccinali, poiché i destinatari avevano una protezione più forte.

Le infezioni da Omicron sono diminuite velocemente in Indonesia

Il numero di casi giornalieri in Indonesia è diminuito in modo significativo dal picco di febbraio determinato dalla variante Omicron. Circa il 60% dei suoi 270 milioni di persone è stato vaccinato contro il Covid. Gli anticorpi più forti potrebbero spiegare la velocità con cui le infezioni della variante Omicron sono diminuite in Indonesia, ha dichiarato Riono, lo scienziato a capo della ricerca.

Le misure restrittive sono state recentemente allentate

La più grande nazione al mondo a maggioranza musulmana ha recentemente allentato molte delle sue restrizioni sulla pandemia, inclusa la rinuncia alla quarantena per i turisti stranieri e la revoca del divieto di due anni alla tradizione dell’esodo di massa durante le festività natalizie musulmane di Eid al-Fitr. Il ministro della Salute Budi Gunadi Sadikin ha affermato che proprio questa ricerca ministeriale è stato un fattore a favore dell’allentamento delle misure di sicurezza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Disturbi spettro autistico. Associazioni e Società Scientifiche scrivono al Ministro Schillaci

Nella lettera si sottolinea come sia "indispensabile affrontare le criticità più volte evidenziate da operatori e famiglie nell’ambito di tutti i disturbi del neurosviluppo, quale ...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.