Sanità internazionale 24 Settembre 2019

Scandalo in Francia, test clinici selvaggi su oltre 350 malati di Parkinson e Alzheimer

«Siamo ai confini della ciarlataneria – ha commentato il ministro della Sanità Buzyn -. Si è abusato della fiducia dei pazienti. Si tratta di un fatto gravissimo»

Una sperimentazione illegale di molecole dagli effetti sconosciuti su 350 malati di Parkinson e Alzheimer. È lo scandalo emerso in Francia, che ha portato l’agenzia del farmaco d’Oltralpe a bloccare i test e la ministra della Sanità Agnès Buzyn a dirsi «inorridita» e ad annunciare pesanti sanzioni.

I malati venivano reclutati dal “Josefa Fund” e ricevevano i farmaci derivanti della melatonina sotto forma di cerotti cutanei. Passavano la notte in un’abbazia vicino a Poitiers e il giorno dopo venivano sottoposti a prelievi di sangue.

L’agenzia del farmaco francese ha precisato in una nota di non aver autorizzato la sperimentazione di queste sostanze, «di cui qualità, effetti e tolleranza non sono conosciuti» e quindi potenzialmente pericolose per i partecipanti. Ha quindi chiesto al presidente del “Josefa Fund”, il professor Jean-Bernard Fourtillan, di «interrompere immediatamente la sperimentazione e di informare subito ogni partecipante del divieto». Il professore e i suoi collaboratori rischiano una multa di 15mila euro e oltre un anno di prigione.

«Siamo ai confini della ciarlataneria – ha commentato il ministro Buzyn -. Si è abusato della fiducia dei pazienti. Si tratta di un fatto gravissimo».

Al Fondo Josefa sono stati ceduti i diritti di proprietà intellettuali dei brevetti di farmaci basati sulle molecole al centro della sperimentazione illegale. Una definizione contestata dal vicepresidente del Fondo, Henri Joyeux, già in contrasto con la comunità scientifica per le sue posizioni antivax, secondo il quale l’attività svolta con i pazienti «non ha niente a che fare con test sperimentali».

LEGGI ANCHE: IN EUROPA C’È UN OSPEDALE TRANSFRONTALIERO, CONDIVISO DA FRANCIA E SPAGNA

Articoli correlati
Malattie neurodegenerative, calcio e colpi di testa sul banco degli imputati. Cosa c’è di vero
I risultati di una ricerca condotta dall’Università di Glasgow associano la pratica agonistica di sport di contatto a un maggior rischio di sviluppare demenza, Sla e Parkinson. L’intervista al neurologo Massimo Napolitano (Ospedale Cardarelli di Napoli)
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Francia, mille primari si dimettono per «salvare l’ospedale pubblico»
Tagli, turni massacranti e salari bassi i motivi della protesta
Costruito il primo neurone artificiale, servirà a combattere l’Alzheimer
In silicio, il neurone hi-tech risponde ai segnali del sistema nervoso e segna un passo in avanti verso la possibilità di riparare circuiti nervosi e ripristinare funzioni perdute
Parkinson, Sottosegretario Sileri: «Diagnosi è ‘tsunami’, supportare caregiver e familiari»
«L’arrivo della diagnosi di Parkinson è come uno tsunami che travolge non solo il paziente, ma anche chi gli sta accanto. Un misto di paura, ansia e disperazione per una patologia progressiva, difficile e subdola nei suoi sintomi e nella sua evoluzione. Tutte le nostre azioni dunque devono essere volte a supportare il caregiver famigliare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...