Sanità internazionale 28 Maggio 2019

In Europa c’è un ospedale transfrontaliero, condiviso da Francia e Spagna

In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono […]

Immagine articolo

In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono tutti d’accordo: questo progetto da 31 milioni di euro, sovvenzionato per il 60% dall’Unione Europea e finanziato ogni anno dalla Catalogna e dalla Francia rispettivamente per il 60% ed il 40%, è una «opportunità straordinaria» e un «laboratorio» per altre esperienze di cooperazione transfrontaliera in Europa.

A 1200 metri d’altitudine, l’ospedale ha cambiato la vita dei 32mila abitanti della regione montuosa della Cerdagna. Prima della sua apertura, nel 2014, i pazienti francesi per i quali le cure del medico di famiglia non erano sufficienti dovevano arrivare fino a Perpignano, a due ore di strada, per incontrare una struttura ospedaliera. Un tragitto particolarmente difficoltoso nella stagione invernale, quando la neve cade copiosa nella regione.

E proprio per questo sono frequenti i tipici incidenti di montagna, soprattutto fratture sugli sci. Non è allora un caso che oggi l’ospedale di Cerdagna sia un centro specializzato in medicina dello sport di montagna riconosciuto a livello internazionale.

L’ospedale conta 32 camere, un reparto d’urgenza e uno di maternità in cui lo scorso anno sono nati 151 bambini, una risonanza magnetica, un laboratorio d’analisi e quattro blocchi operatori. Il 40% del personale è francese e il 60% è spagnolo. «Abbiamo gli stessi bisogni e le stesse risorse – spiega a France 3 Edouard Carreras, primario del reparto pediatrico d’urgenza e rianimazione -. Il problema a volte è coordinare il tutto, ma è una bella cooperazione».

LEGGI ANCHE: PARTE DA FINLANDIA ED ESTONIA LA E-PRESCRIPTION, LA “RICETTA MEDICA EUROPEA”. ENTRO IL 2021 SARA’ ATTIVA IN TUTTA LA UE

Articoli correlati
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Francia, mille primari si dimettono per «salvare l’ospedale pubblico»
Tagli, turni massacranti e salari bassi i motivi della protesta
Spagna, medici rianimano donna dopo sei ore di arresto cardiaco: il caso fa il giro del mondo
L’ipotermia della donna, una inglese residente a Barcellona, ha contribuito a proteggerla. Tuttavia non è record: l’arresto cardiaco più lungo è durato 8 ore e 40 minuti
Scandalo in Francia, test clinici selvaggi su oltre 350 malati di Parkinson e Alzheimer
«Siamo ai confini della ciarlataneria – ha commentato il ministro della Sanità Buzyn -. Si è abusato della fiducia dei pazienti. Si tratta di un fatto gravissimo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano