Sanità internazionale 28 Maggio 2019

In Europa c’è un ospedale transfrontaliero, condiviso da Francia e Spagna

In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono […]

Immagine articolo

In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono tutti d’accordo: questo progetto da 31 milioni di euro, sovvenzionato per il 60% dall’Unione Europea e finanziato ogni anno dalla Catalogna e dalla Francia rispettivamente per il 60% ed il 40%, è una «opportunità straordinaria» e un «laboratorio» per altre esperienze di cooperazione transfrontaliera in Europa.

A 1200 metri d’altitudine, l’ospedale ha cambiato la vita dei 32mila abitanti della regione montuosa della Cerdagna. Prima della sua apertura, nel 2014, i pazienti francesi per i quali le cure del medico di famiglia non erano sufficienti dovevano arrivare fino a Perpignano, a due ore di strada, per incontrare una struttura ospedaliera. Un tragitto particolarmente difficoltoso nella stagione invernale, quando la neve cade copiosa nella regione.

E proprio per questo sono frequenti i tipici incidenti di montagna, soprattutto fratture sugli sci. Non è allora un caso che oggi l’ospedale di Cerdagna sia un centro specializzato in medicina dello sport di montagna riconosciuto a livello internazionale.

L’ospedale conta 32 camere, un reparto d’urgenza e uno di maternità in cui lo scorso anno sono nati 151 bambini, una risonanza magnetica, un laboratorio d’analisi e quattro blocchi operatori. Il 40% del personale è francese e il 60% è spagnolo. «Abbiamo gli stessi bisogni e le stesse risorse – spiega a France 3 Edouard Carreras, primario del reparto pediatrico d’urgenza e rianimazione -. Il problema a volte è coordinare il tutto, ma è una bella cooperazione».

LEGGI ANCHE: PARTE DA FINLANDIA ED ESTONIA LA E-PRESCRIPTION, LA “RICETTA MEDICA EUROPEA”. ENTRO IL 2021 SARA’ ATTIVA IN TUTTA LA UE

Articoli correlati
Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»
Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus
Quarantena a 7 giorni, gli infettivologi: «Aggraverà la situazione. Eliminare doppio tampone»
Dalla Simit arriva il no alla mini-quarantena francese. Per gli esperti non garantisce sicurezza nel tornare alle attività quotidiane. Prof. Nicastri: «Eliminare il doppio tampone per alleggerire i laboratori»
Covid-19, Oms segnala l’aumento di casi più grande da inizio epidemia. Preoccupano Francia e Spagna
Quasi due milioni di nuovi contagi in una settimana nel mondo. In cima restano Americhe e India, ma in Europa si teme la seconda ondata
Speranza annuncia: «Obbligo di tampone per chi arriva da Parigi e zone rosse in Francia»
Lo ha comunicato su Facebook il ministro Speranza: tampone o test se si arriva dalla Francia. Da giorni oltre 10 mila contagi al giorno. «Italia sta meglio di altri Paesi ma serve prudenza»
Francia, il governo concede l’aumento dei salari agli operatori sanitari per 8 miliardi di euro
Dopo mesi di lotte con i sindacati il governo francese ha detto sì all'aumento dei salari per gli attori della lotta al coronavirus. 450 i milioni riservati ai medici del settore pubblico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...