Sanità internazionale 15 Febbraio 2016 16:30

Sanità internazionale

Zika, task force europea per un vaccino

Aedes aegypti, è questo il nome della zanzara vettore di malattie quali dengue, febbre gialla e chikungunya, ma soprattutto del famigerato virus Zika, causa di un’epidemia di portata mondiale, sempre più al centro dell’attenzione mediatica. Al momento, il Paese più colpito dal virus è il Brasile, con più di un milione di contagi da aprile 2015 ad oggi, seguito dalla Colombia. I sintomi sono apparentemente poco allarmanti: di solito febbre per una settimana e sfoghi cutanei; a preoccupare sono gli oltre 400 casi di microcefalia registrati (grave malformazione neurologica pre-parto che comporta una significativa riduzione del volume del cranio e del cervello nei neonati), più altri 3670 in attesa di conferma, che sembrano strettamente e irrimediabilmente correlati al virus. Il 30 gennaio scorso, il Ministero della Salute brasiliano ha riferito di 4.783 casi di microcefalia e/o malformazioni del sistema nervoso centrale, con 76 morti infantili. Inoltre, il virus potrebbe aver causato anche un caso di una malattia neurologica in un adulto statunitense. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato lo stato di emergenza, preoccupato dal rapido aumento dei contagi che potrebbe raggiungere quota 3-4 milioni; l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, ha chiesto ai Paesi più colpiti di garantire alle donne contagiate il diritto all’aborto; l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha risposto istituendo una task force di esperti per la ricerca e lo sviluppo di farmaci o vaccini. Il virus è già presente in 33 Paesi nel mondo, di cui 21 nel continente americano e diversi casi anche in Europa: 4 italiani, 3 inglesi, 2 spagnoli, 5 tedeschi, più un altro caso ancora in Danimarca. Inoltre, in questi ultimi giorni sono stati registrati un primo caso in Cina, due casi di trasmissione tramite trasfusione di sangue in Brasile e il primo caso di contagio per via sessuale in Texas. La paura di una diffusione globale dell’epidemia cresce.

Articoli correlati
EMA, Cavaleri: «Un solo monoclonale funziona contro Omicron, i farmaci invece tengono»
Sotrovimab per il momento sembra funzionare, mentre gli altri monoclonali non hanno superato la prova Omicron. Cavaleri ha parlato anche dei vaccini per la fascia 0-5 anni
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Variante Omicron, Cooke (EMA): «Vaccini possono essere adattati alle mutazioni del virus»
La direttrice esecutiva di EMA afferma di sperare nel meglio, ma di prepararsi al peggio. I vaccini restano la migliore speranza per impedire ulteriori mutazioni del virus, in arrivo anche quello proteico Novavax. Primi dati sull'efficacia di quelli attuali sulla variante Omicron tra 2-3 settimane
EMA ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni
L'Agenzia europea del farmaco segue l'FDA e approva il vaccino anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata sarà inferiore a quella di un adulto: positivi i risultati degli studi ed effetti collaterali simili a quelli degli adulti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali