Sanità internazionale 15 Febbraio 2016 16:30

Sanità internazionale

Zika, task force europea per un vaccino

Aedes aegypti, è questo il nome della zanzara vettore di malattie quali dengue, febbre gialla e chikungunya, ma soprattutto del famigerato virus Zika, causa di un’epidemia di portata mondiale, sempre più al centro dell’attenzione mediatica. Al momento, il Paese più colpito dal virus è il Brasile, con più di un milione di contagi da aprile 2015 ad oggi, seguito dalla Colombia. I sintomi sono apparentemente poco allarmanti: di solito febbre per una settimana e sfoghi cutanei; a preoccupare sono gli oltre 400 casi di microcefalia registrati (grave malformazione neurologica pre-parto che comporta una significativa riduzione del volume del cranio e del cervello nei neonati), più altri 3670 in attesa di conferma, che sembrano strettamente e irrimediabilmente correlati al virus. Il 30 gennaio scorso, il Ministero della Salute brasiliano ha riferito di 4.783 casi di microcefalia e/o malformazioni del sistema nervoso centrale, con 76 morti infantili. Inoltre, il virus potrebbe aver causato anche un caso di una malattia neurologica in un adulto statunitense. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato lo stato di emergenza, preoccupato dal rapido aumento dei contagi che potrebbe raggiungere quota 3-4 milioni; l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, ha chiesto ai Paesi più colpiti di garantire alle donne contagiate il diritto all’aborto; l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha risposto istituendo una task force di esperti per la ricerca e lo sviluppo di farmaci o vaccini. Il virus è già presente in 33 Paesi nel mondo, di cui 21 nel continente americano e diversi casi anche in Europa: 4 italiani, 3 inglesi, 2 spagnoli, 5 tedeschi, più un altro caso ancora in Danimarca. Inoltre, in questi ultimi giorni sono stati registrati un primo caso in Cina, due casi di trasmissione tramite trasfusione di sangue in Brasile e il primo caso di contagio per via sessuale in Texas. La paura di una diffusione globale dell’epidemia cresce.

Articoli correlati
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
Ema su J&J: «Vaccino sicuro, trombosi molto rare nel foglietto illustrativo»
L'Agenzia europea del farmaco si è pronunciata sul vaccino Johnson&Johnson: i benefici superano i rischi anche in questo caso. Le trombosi estremamente rare sono molto simili a quelle rilevate con AstraZeneca, la causa forse nella risposta immunitaria. Aifa dice sì per gli over 60
Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»
Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco
AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»
«Le evidenze scientifiche al momento disponibili non consentono di individuare specifici fattori di rischio né di raccomandare strategie per limitare la possibilità di trombosi». Ora gli Stati decideranno se modificare le loro strategie vaccinali
L’Ema ha deciso su AstraZeneca. Cosa succede ora?
«Il vaccino non è associato ad un aumento del rischio complessivo di eventi tromboembolici e coaguli di sangue». Domani pomeriggio in Italia riprendono le somministrazioni di AstraZeneca. Rasi (Consulcesi): «Ora fidiamoci della scienza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM