Sanità internazionale 20 Ottobre 2020 12:26

Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo

Preoccupano i numeri di Francia e Gran Bretagna, mentre la Germania resta stabile. Record per Belgio e Russia, ma l’aumento più forte si registra in Repubblica Ceca. In America Latina la curva comincia a scendere, Usa oltre 25 mila casi al giorno

Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo

«Errori di quarantena», secondo il direttore per le emergenze dell’Oms Michael Ryan è a questi che si deve attribuire la nuova impennata di casi nell’emisfero settentrionale. «Ogni contatto di un caso confermato stia in quarantena per il periodo appropriato» ha ribadito, ricordando che non sempre è stata rispettata ovunque la regola base. «Questa è in buona parte la ragione per cui stiamo vedendo questi numeri alti», con circa la metà dei 48 Paesi della regione europea dell’Oms che presentano un aumento di circa il 50% dei casi nell’ultima settimana.

IN EUROPA

La Gran Bretagna è per ora l’osservata speciale, ieri sono stati registrati 18.804 nuovi casi, con 80 decessi. Da venerdì e per le successive due settimane il Galles entrerà in lockdown, dopo un improvviso aumento. Nel mentre il paese attende l’arrivo del vaccino e si parla già di uso di emergenza.

Fonte: Agenzia VISTA

I numeri peggiori, negli ultimi giorni, li hanno però segnati Repubblica Ceca e Belgio. In quest’ultimo il ministro della Salute ha ammesso di aver perso il controllo del contact tracing, quando i numeri hanno segnato oltre 700 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. «Uno tsunami», secondo la sua descrizione. In Francia, dopo i quasi 30 mila di venerdì e sabato, negli ultimi giorni i numeri hanno oscillato tra 13 e 14 mila per i ritardi dei laboratori durante i weekend. Il tasso di positività supera il 13% e i decessi sono oltre il centinaio. Brigitte Macron, moglie del presidente, è attualmente in isolamento e asintomatica dopo un contatto con un positivo.

La Germania per ora oscilla tra gli 8 mila e i 5 mila nuovi casi, anche Ursula Von Der Leyen che oggi si sarebbe dovuta trovare a Roma per un incontro con Giuseppe Conte, è in auto-isolamento. Una persona del suo staff è risultata positiva e l’incontro in Italia è stato spostato in videoconferenza. In Romania le scuole sono chiuse, in Russia in questi giorni i numeri hanno segnato un nuovo record con 16 mila casi, anche se Vladimir Putin continua a ribadire la disponibilità di un secondo vaccino in pochi mesi.

CASO TEHERAN 

A Teheran dovrebbe essere imposto un “lockdown totale” di almeno due settimane per frenare le morti legate alla pandemia di Covid-19. Così ha dichiarato il presidente del consiglio comunale della capitale iraniana, Mohsen Hashemi, citato dalla “Irib”. «Dobbiamo pensare a un lockdown totale di Teheran a causa dell’elevata prevalenza del coronavirus, altrimenti non supereremo la terza ondata» della malattia, ha detto Hashemi. Nella capitale iraniana si registrano quotidianamente quasi 150 i morti da Covid-19.

IN AMERICA

Negli Stati Uniti 8.80.502 casi di contagio e almeno 219.891 i decessi attribuiti al Covid-19 dall’inizio della pandemia, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Ieri 25.908 nuovi casi e 217 decessi. Si è invece ridotta la curva in Brasile e in generale in America Latina, dopo i picchi dei mesi scorsi.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?
Era il 30 gennaio 2020 quando l'Oms dichiarò l'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Eppure nessun Paese ha implementato misure finché non è stato "troppo tardi"
La commissione nominata dall’Oms critica la Cina: «Poche azioni forti e incisive all’inizio dell’epidemia»
Il documento prodotto dal gruppo indipendente nominato dall’Oms sottolinea le inefficienze ed i fallimenti della risposta internazionale e nazionale alla pandemia. La stessa Oms «avrebbe dovuto dichiarare in anticipo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale»
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
OMS a Wuhan, Regimenti (Lega): «Si valutino tutte le piste per indagine su origine del virus»
«Tutte le ipotesi dovrebbero essere valutate attentamente: la struttura genetica della SARS-CoV-2 non esclude un'origine del virus in laboratorio» spiega il medico e europarlamentare della Lega Luisa Regimenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...