Sanità internazionale 20 Ottobre 2020

Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo

Preoccupano i numeri di Francia e Gran Bretagna, mentre la Germania resta stabile. Record per Belgio e Russia, ma l’aumento più forte si registra in Repubblica Ceca. In America Latina la curva comincia a scendere, Usa oltre 25 mila casi al giorno

Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo

«Errori di quarantena», secondo il direttore per le emergenze dell’Oms Michael Ryan è a questi che si deve attribuire la nuova impennata di casi nell’emisfero settentrionale. «Ogni contatto di un caso confermato stia in quarantena per il periodo appropriato» ha ribadito, ricordando che non sempre è stata rispettata ovunque la regola base. «Questa è in buona parte la ragione per cui stiamo vedendo questi numeri alti», con circa la metà dei 48 Paesi della regione europea dell’Oms che presentano un aumento di circa il 50% dei casi nell’ultima settimana.

IN EUROPA

La Gran Bretagna è per ora l’osservata speciale, ieri sono stati registrati 18.804 nuovi casi, con 80 decessi. Da venerdì e per le successive due settimane il Galles entrerà in lockdown, dopo un improvviso aumento. Nel mentre il paese attende l’arrivo del vaccino e si parla già di uso di emergenza.

Fonte: Agenzia VISTA

I numeri peggiori, negli ultimi giorni, li hanno però segnati Repubblica Ceca e Belgio. In quest’ultimo il ministro della Salute ha ammesso di aver perso il controllo del contact tracing, quando i numeri hanno segnato oltre 700 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. «Uno tsunami», secondo la sua descrizione. In Francia, dopo i quasi 30 mila di venerdì e sabato, negli ultimi giorni i numeri hanno oscillato tra 13 e 14 mila per i ritardi dei laboratori durante i weekend. Il tasso di positività supera il 13% e i decessi sono oltre il centinaio. Brigitte Macron, moglie del presidente, è attualmente in isolamento e asintomatica dopo un contatto con un positivo.

La Germania per ora oscilla tra gli 8 mila e i 5 mila nuovi casi, anche Ursula Von Der Leyen che oggi si sarebbe dovuta trovare a Roma per un incontro con Giuseppe Conte, è in auto-isolamento. Una persona del suo staff è risultata positiva e l’incontro in Italia è stato spostato in videoconferenza. In Romania le scuole sono chiuse, in Russia in questi giorni i numeri hanno segnato un nuovo record con 16 mila casi, anche se Vladimir Putin continua a ribadire la disponibilità di un secondo vaccino in pochi mesi.

CASO TEHERAN 

A Teheran dovrebbe essere imposto un “lockdown totale” di almeno due settimane per frenare le morti legate alla pandemia di Covid-19. Così ha dichiarato il presidente del consiglio comunale della capitale iraniana, Mohsen Hashemi, citato dalla “Irib”. «Dobbiamo pensare a un lockdown totale di Teheran a causa dell’elevata prevalenza del coronavirus, altrimenti non supereremo la terza ondata» della malattia, ha detto Hashemi. Nella capitale iraniana si registrano quotidianamente quasi 150 i morti da Covid-19.

IN AMERICA

Negli Stati Uniti 8.80.502 casi di contagio e almeno 219.891 i decessi attribuiti al Covid-19 dall’inizio della pandemia, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Ieri 25.908 nuovi casi e 217 decessi. Si è invece ridotta la curva in Brasile e in generale in America Latina, dopo i picchi dei mesi scorsi.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Esperti Oms: «Non ci sono prove che remdesivir funzioni con i pazienti ricoverati»
Secondo il Guideline Development Group dell'Oms non ci sono certezze che il Remdesivir funzioni, ma invitano a non interrompere gli studi. L'AIFA rivaluterà il suo utilizzo nella terapia
Il racconto del medico italiano a Bruxelles: «Covid fa meno paura della solitudine, ideato il compagno di coccole»
«Il peggio sembra essere passato. Tra i nuovi contagi, tanti sono asintomatici. Rispetto all’Italia c’è meno allarmismo»
di Federica Bosco
Il vaccino fa risalire la speranza. Ma il mondo è in piena seconda ondata
Nelle lista dei 10 paesi più colpiti dalla seconda ondata il primo posto è ancora degli Usa, ma l'Italia si trova al terzo. In Francia plateau raggiunto secondo il ministro della Salute, mentre il Regno Unito valuta la distribuzione della vitamina D
Epilessia, Oms: «Patologia globale dal forte impatto sociale»
Approvata dall’assemblea Oms risoluzione per contrastare gli effetti negativi su chi soffre di epilessia ed altri disturbi neurologici
Oms, il 2021 sarà l’anno internazionale della salute e degli operatori della sanità
Una decisione presa all'unanimità durante la 73esima Assemblea mondiale della sanità. Un omaggio rivolto a tutti i lavoratori della sanità, che quest'anno hanno sacrificato a volte anche la vita per la cura degli altri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli