Mondo 20 Ottobre 2020 08:00

Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid

Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l’uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una “forza lavoro ampliata”

Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid

Farmacisti, ostetriche, fisioterapisti e studenti di infermieristica e medicina potrebbero essere autorizzati a somministrare il vaccino anti-Covid-19 nel Regno Unito. Lo stabiliscono le nuove leggi entrate in vigore nel paese di Boris Johnson, che prevedono l’approvazione dell’uso di emergenza di un vaccino contro il virus (appena pronto) e la creazione di una forza lavoro ampliata, dedicata esplicitamente all’immunizzazione della popolazione.

Questa nuova compagine verrà sottoposta a un «robusto programma di formazione», dopo l’approvazione delle modifiche alla “Human Medicines Regulation 2012”. Cambiamenti che, secondo il segretario alla Salute Matt Hancock, «ci aiuteranno a fare tutto il possibile per assicurarci di essere pronti a lanciare un vaccino Covid-19 sicuro ed efficace non appena avrà superato gli studi clinici».

IL NUOVO REGOLAMENTO

Una decisione del governo arrivata in seguito a una consultazione durata tre settimane, per avviare una revisione formale delle nuove normative per l’uso di medicinali e vaccini senza licenza entro un anno dal primo utilizzo. Uno degli emendamenti estenderebbe l’attuale immunità dalla responsabilità civile alle aziende che producono il vaccino, non più solo agli operatori sanitari e ai produttori. Questo le proteggerebbe dalla responsabilità legale nelle cause civili «ma non darebbe loro l’immunità totale dalla responsabilità civile», secondo il governo.

Di fronte a queste modifiche alcuni avevano espresso la preoccupazione che simili variazioni significassero vaccino obbligatorio o utilizzo di prodotti non testati. Entrambe possibilità negate dal governo inglese in uno statement. Qualsiasi autorizzazione che utilizzi le normative sarebbe a breve termine, tenuta sotto controllo e cesserebbe automaticamente quando al prodotto viene concessa una licenza completa.

OPERATORI DA COINVOLGERE: SCELTA DELLE SINGOLE NAZIONI

Sulle possibilità di impiegare i professionisti sanitari già citati, il governo ha voluto chiarire che dipende dalle singole scelte delle nazioni Uk. Alcune professioni, tra cui i terapisti occupazionali, avevano chiesto di essere coinvolti nella distribuzione del vaccino anti-influenzale, in vista anche dell’arrivo del vaccino contro Covid. Nel frattempo autorità sanitarie e associazioni di professionisti si stanno confrontando. Sarà un nuovo protocollo nazionale a stabilire chi dovrà essere formato a questo scopo e come dovrà operare.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Vaccini Covid, a Roma il caso dei TNPEE: «Noi a rischio contagio perché a stretto contatto con gli utenti. Ma centinaia ancora non vaccinati»
Appello della Presidente della Commissione d’Albo dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di Roma Pamela Bellanca: «Noi dimenticati, molti si stanno contagiando»
Vaccino Covid, Interlandi (Cidec Sanità): «Coinvolgere i laboratori di analisi accreditati per raggiungere gli obiettivi di copertura vaccinale»
«Abbiamo fatto richiesta al Ministro della Salute affinché ci riceva per ridiscutere il nostro pieno coinvolgimento nel piano vaccinale», spiega Elisa Interlandi, Presidente Nazionale di Cidec Federazione Sanità
Vaccini Covid, Guidolin (M5S): «Regolamentare vaccinazione in ambito sanitario per tutelare più fragili»
«Dopo la decisione del tribunale di Belluno di rigettare il ricorso di dieci operatori socio-sanitari dipendenti di due Rsa, sospesi dal lavoro per aver rifiutato di aderire alla campagna vaccinale Covid-19, da operatrice socio sanitaria, temporaneamente prestata alla politica, mi sento di lanciare un appello ai colleghi. Quest’anno di pandemia ci ha messo tutti a […]
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
Vaccino Covid, Tuzi (M5S): «Dopo AIFA e CSS ora copertura vaccinale anche a personale scolastico e universitario over 65»
«Abbiamo eliminato una discriminazione incomprensibile per oltre 50mila lavoratori» sottolinea il medico e deputato M5S Manuel Tuzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...