Mondo 20 Ottobre 2020 08:00

Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid

Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l’uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una “forza lavoro ampliata”

Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid

Farmacisti, ostetriche, fisioterapisti e studenti di infermieristica e medicina potrebbero essere autorizzati a somministrare il vaccino anti-Covid-19 nel Regno Unito. Lo stabiliscono le nuove leggi entrate in vigore nel paese di Boris Johnson, che prevedono l’approvazione dell’uso di emergenza di un vaccino contro il virus (appena pronto) e la creazione di una forza lavoro ampliata, dedicata esplicitamente all’immunizzazione della popolazione.

Questa nuova compagine verrà sottoposta a un «robusto programma di formazione», dopo l’approvazione delle modifiche alla “Human Medicines Regulation 2012”. Cambiamenti che, secondo il segretario alla Salute Matt Hancock, «ci aiuteranno a fare tutto il possibile per assicurarci di essere pronti a lanciare un vaccino Covid-19 sicuro ed efficace non appena avrà superato gli studi clinici».

IL NUOVO REGOLAMENTO

Una decisione del governo arrivata in seguito a una consultazione durata tre settimane, per avviare una revisione formale delle nuove normative per l’uso di medicinali e vaccini senza licenza entro un anno dal primo utilizzo. Uno degli emendamenti estenderebbe l’attuale immunità dalla responsabilità civile alle aziende che producono il vaccino, non più solo agli operatori sanitari e ai produttori. Questo le proteggerebbe dalla responsabilità legale nelle cause civili «ma non darebbe loro l’immunità totale dalla responsabilità civile», secondo il governo.

Di fronte a queste modifiche alcuni avevano espresso la preoccupazione che simili variazioni significassero vaccino obbligatorio o utilizzo di prodotti non testati. Entrambe possibilità negate dal governo inglese in uno statement. Qualsiasi autorizzazione che utilizzi le normative sarebbe a breve termine, tenuta sotto controllo e cesserebbe automaticamente quando al prodotto viene concessa una licenza completa.

OPERATORI DA COINVOLGERE: SCELTA DELLE SINGOLE NAZIONI

Sulle possibilità di impiegare i professionisti sanitari già citati, il governo ha voluto chiarire che dipende dalle singole scelte delle nazioni Uk. Alcune professioni, tra cui i terapisti occupazionali, avevano chiesto di essere coinvolti nella distribuzione del vaccino anti-influenzale, in vista anche dell’arrivo del vaccino contro Covid. Nel frattempo autorità sanitarie e associazioni di professionisti si stanno confrontando. Sarà un nuovo protocollo nazionale a stabilire chi dovrà essere formato a questo scopo e come dovrà operare.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Report Gimbe: variante Omicron spaventa, +54% di terze dosi e +34% di prime
Sono 630 i ricoveri in più in area medica e 123 quelli in terapia intensiva questa settimana, aumentano anche le morti (498). Quasi l'80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose ma restano 6,8 milioni di persone senza copertura, di cui 2,6 sono over 50
In Austria entra in vigore il “lockdown dei non vaccinati”
Vietato l'ingresso in ristoranti, alberghi, palestre, parrucchieri e attività ludiche. Limitazioni al via a dicembre dopo una fase di transizione che prevede il tampone come lasciapassare. Solo il 62% degli austriaci è vaccinato
La Cina comincia a vaccinare contro Covid-19 i bambini dai 3 anni in su
Dopo l'approvazione di giugno, la Cina ha deciso di dare inizio alla campagna di vaccinazione per i bambini dai 3 anni in su, la misura si aggiunge a tutte quelle implementate dal paese per ridurre a zero i contagi da Covid. Ad oggi i vaccinati sono il 76%
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»
Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»
di Federica Bosco
La campagna vaccinale punta alle donne incinte. Migliore (Fiaso) «Iniziative in tutte Italia per intercettare attraverso i ginecologi»
Sportelli informativi nei reparti di Ostetricia, hub vaccinali e open day dedicati alle future mamme, counseling telefonico per le donne in gravidanza, opuscoli distribuiti nei reparti e punti rosa con specialisti a disposizione. Sono le iniziative messe in campo dalle Aziende sanitarie pubbliche per promuovere la vaccinazione contro il Covid-19 tra le donne incinte ancora […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano