Sanità internazionale 8 Marzo 2022 11:29

Nuova Zelanda: dopo due anni primi casi Covid sulle Isole Chatham, 600 abitanti

Dopo oltre due dallo scoppio della pandemia, uno dei luoghi abitati più remoti del mondo ha registrati i suoi primi casi in assoluto

Nuova Zelanda: dopo due anni primi casi Covid sulle Isole Chatham, 600 abitanti

Dopo esser riuscito a schivare per oltre due anni l’emergenza Covid-19, uno dei luoghi abitati più remoti del mondo ha registrato i suoi primi casi in assoluto. Si tratta di Rēkohu, o Isole Chatham, situate a poco più di 800 chilometri a Est della terraferma della Nuova Zelanda e ospitano circa 600 abitanti. Il Canterbury District Health Board (Canterbury DHB) ha confermato che due dei suoi residenti erano risultati positivi al virus durante lo scorso fine settimana e che sarebbero stati messi in isolamento e che avrebbero ricevuto assistenza.

In Nuova Zelanda si è registrato un rapido aumento dei casi

«Alcune persone sono davvero preoccupate e altre sono preparate e abbastanza a loro agio», riferisce il sindaco delle isole, Monique Croon. «Non è certo la migliore delle notizie, ma siamo preparati», aggiunge. Croon non ha potuto fornire ulteriori dettagli sui casi, ma hanno riferito solo che una persona risultata positiva è stata al largo delle isole. La Nuova Zelanda ha registrato un rapido aumento dei casi da quando la variante Omicron è arrivata nel paese lo scorso gennaio. Lunedì scorso ha riportato 17.522 casi, con 696 persone in ospedale.

L’oceano ha contribuito a proteggere le Isole Chatman

Come altri territori e nazioni insulari che sono sfuggiti alla pandemia, tra cui Nauru, le isole Pitcairn e Tokelau, le Isole Chatham hanno beneficiato della protezione dell’oceano, ma a differenza di quelle nazioni che hanno anche previsto severi controlli alle frontiere, le Isole Chatham fanno parte della Nuova Zelanda, in cui tutti sono liberi di andare e venire. Croon ha affermato che la comunità ha preso in considerazione la possibilità di creare una propria protezione al confine, ma che il consiglio ha chiarito di voler seguire le direttive nazionali della Nuova Zelanda.

In caso di contagio di una persona vulnerabile pronti per trasferirlo dall’isola

La comunità è stata attenta nel seguire le politiche sulla pandemia sin dall’inizio, tra cui il tracciamento dei contatti, il lockdown e il distanziamento sociale, afferma Croon, nonostante non avesse avuto neanche un caso fino ad ora. Le isole sono preparate per la possibilità di una trasmissione diffusa. «L’introduzione del test antigenico rapido è davvero fondamentale per ottenere una rapida diagnosi precoce e sarà disponibile per tutti nella comunità», sottolinea Croon. «Sappiamo anche chi è vulnerabile nella comunità e se alcune delle nostre persone vulnerabili vengono infettate, probabilmente verranno portate via dall’isola»,  aggiunge.

Testa antigenici e vaccini offerti alla popolazione

La dottoressa Helen Skinner del consiglio sanitario ha affermato che il DHB distribuirà test antigenici rapidi a tutte le famiglie delle isole questa settimana e il centro sanitario delle isole offrirà le vaccinazioni. Solo il 56% della comunità è stato immunizzato, rispetto alla media nazionale del 73%. «Incoraggiamo chiunque non sia vaccinato o non abbia avuto il suo richiamo a farsi vaccinare il prima possibile», ha detto Skinner.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...