Sanità internazionale 8 Marzo 2022 11:29

Nuova Zelanda: dopo due anni primi casi Covid sulle Isole Chatham, 600 abitanti

Dopo oltre due dallo scoppio della pandemia, uno dei luoghi abitati più remoti del mondo ha registrati i suoi primi casi in assoluto

Nuova Zelanda: dopo due anni primi casi Covid sulle Isole Chatham, 600 abitanti

Dopo esser riuscito a schivare per oltre due anni l’emergenza Covid-19, uno dei luoghi abitati più remoti del mondo ha registrato i suoi primi casi in assoluto. Si tratta di Rēkohu, o Isole Chatham, situate a poco più di 800 chilometri a Est della terraferma della Nuova Zelanda e ospitano circa 600 abitanti. Il Canterbury District Health Board (Canterbury DHB) ha confermato che due dei suoi residenti erano risultati positivi al virus durante lo scorso fine settimana e che sarebbero stati messi in isolamento e che avrebbero ricevuto assistenza.

In Nuova Zelanda si è registrato un rapido aumento dei casi

«Alcune persone sono davvero preoccupate e altre sono preparate e abbastanza a loro agio», riferisce il sindaco delle isole, Monique Croon. «Non è certo la migliore delle notizie, ma siamo preparati», aggiunge. Croon non ha potuto fornire ulteriori dettagli sui casi, ma hanno riferito solo che una persona risultata positiva è stata al largo delle isole. La Nuova Zelanda ha registrato un rapido aumento dei casi da quando la variante Omicron è arrivata nel paese lo scorso gennaio. Lunedì scorso ha riportato 17.522 casi, con 696 persone in ospedale.

L’oceano ha contribuito a proteggere le Isole Chatman

Come altri territori e nazioni insulari che sono sfuggiti alla pandemia, tra cui Nauru, le isole Pitcairn e Tokelau, le Isole Chatham hanno beneficiato della protezione dell’oceano, ma a differenza di quelle nazioni che hanno anche previsto severi controlli alle frontiere, le Isole Chatham fanno parte della Nuova Zelanda, in cui tutti sono liberi di andare e venire. Croon ha affermato che la comunità ha preso in considerazione la possibilità di creare una propria protezione al confine, ma che il consiglio ha chiarito di voler seguire le direttive nazionali della Nuova Zelanda.

In caso di contagio di una persona vulnerabile pronti per trasferirlo dall’isola

La comunità è stata attenta nel seguire le politiche sulla pandemia sin dall’inizio, tra cui il tracciamento dei contatti, il lockdown e il distanziamento sociale, afferma Croon, nonostante non avesse avuto neanche un caso fino ad ora. Le isole sono preparate per la possibilità di una trasmissione diffusa. «L’introduzione del test antigenico rapido è davvero fondamentale per ottenere una rapida diagnosi precoce e sarà disponibile per tutti nella comunità», sottolinea Croon. «Sappiamo anche chi è vulnerabile nella comunità e se alcune delle nostre persone vulnerabili vengono infettate, probabilmente verranno portate via dall’isola»,  aggiunge.

Testa antigenici e vaccini offerti alla popolazione

La dottoressa Helen Skinner del consiglio sanitario ha affermato che il DHB distribuirà test antigenici rapidi a tutte le famiglie delle isole questa settimana e il centro sanitario delle isole offrirà le vaccinazioni. Solo il 56% della comunità è stato immunizzato, rispetto alla media nazionale del 73%. «Incoraggiamo chiunque non sia vaccinato o non abbia avuto il suo richiamo a farsi vaccinare il prima possibile», ha detto Skinner.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali