Sanità internazionale 19 Marzo 2019

Giappone, cellule staminali per ripristinare le cornee danneggiate

In Giappone è stato approvato, in via provvisoria, l’uso di cellule staminali riprogrammate per il trattamento di cornee malate o danneggiate. I ricercatori stanno ora aspettando l’approvazione finale da parte del Ministero della Salute per testare il trattamento nelle persone con cecità corneale, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Lo riporta la […]

In Giappone è stato approvato, in via provvisoria, l’uso di cellule staminali riprogrammate per il trattamento di cornee malate o danneggiate. I ricercatori stanno ora aspettando l’approvazione finale da parte del Ministero della Salute per testare il trattamento nelle persone con cecità corneale, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Lo riporta la rivista scientifica “Nature”.

La cornea, uno strato trasparente che copre e protegge l’occhio, contiene cellule staminali che la riparano quando sono danneggiate. Le cornee possono essere distrutte da una malattia o da un trauma causato da ustioni o sostanze chimiche, con il conseguente rischio che il paziente perda la vista. Attualmente, i trapianti di cornea da donatori deceduti vengono utilizzati per il trattamento di cornee danneggiate o malate, ma i tessuti di buona qualità sono scarsi.

Un team guidato dall’oculista Kohji Nishida dell’Università di Osaka prevede di trattare le cornee danneggiate utilizzando fogli di tessuto derivati ​​da cellule staminali. Queste vengono create riprogrammando le cellule di un donatore in uno stato simile a quello embrionale. Partendo da qui, le cellule possono poi trasformarsi in altri tessuti, come appunto le cellule corneali. La squadra di Nishida prevede di posare strati di cellule corneali di 0,05 millimetri di spessore negli occhi dei pazienti. Studi sugli animali hanno dimostrato che questa operazione può salvare o ripristinare la visione.

Il Ministero della Salute Giapponese dovrebbe decidere presto. Se Nishida e il suo team riceveranno il via libera, procederanno con il trattamento di quattro persone, le quali verranno monitorate per un anno al fine di verificare la sicurezza e l’efficacia del trattamento. La prima operazione è prevista per la fine di luglio.

Articoli correlati
Le cellule staminali nella lotta alla Sclerosi Multipla: una realtà
La notizia dei giorni scorsi riprende lo studio iniziato lo scorso anno e terminato il 20 maggio con le dimissioni dell’ultimo paziente trattato: la sperimentazione di Fase I sull’utilizzo delle cellule staminali cerebrali umane in pazienti con sclerosi multipla condotta dal dottor Angelo Vescovi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è conclusa. E nessuno […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Staminali da cordone ombelicale e Covid-19
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Infezioni oculari, Aimo: «L’87% degli stafilococchi sono resistenti agli antibiotici»
A Palazzo Giustiniani il convegno organizzato da Aimo e Associazione "G. Dossetti". «Dobbiamo attenerci alle indicazioni fornite dall’OMS - ha sottolineato Stefano Baiocchi di AIMO - e seguire i colleghi europeei che ricorrono sempre più spesso ai disinfettanti. Deve cambiare il nostro approccio alla prevenzione»
Staminali cordonali, a Napoli una giornata di confronto sui grandi temi etici e biomedici del settore
Un corso di formazione per esplorare le nuove opportunità terapeutiche e i risultati dei più recenti trial clinici
In Giappone il G20 dei ministri della Sanità. Speranza: «Difendere universalità SSN. Prioritaria attenzione alle demenze»
«La tutela della salute dell’individuo, con la previsione di una copertura sanitaria universale – senza lasciare nessuno indietro – trova fondamento nella Costituzione italiana che stabilisce che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Il governo italiano difenderà il principio di universalità del nostro servizio nazionale e a tal […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco