Sanità internazionale 22 Febbraio 2022 10:36

Gb, da giovedì stop alle restrizioni e via al piano «convivere con il Covid»

Dal 24 febbraio partirà nel Regno Unito il nuovo piano «convivere con il Covid»: stop all’autoisolamento e al tracciamento dei contatti. E basta ai test gratuiti per tutti

Gb, da giovedì stop alle restrizioni e via al piano «convivere con il Covid»

Il Regno Unito si prepara ad affrontare una nuova fase della pandemia, in cui non ci saranno più regole restrittive da seguire, come ad esempio l‘autoisolamento per le persone positive. Il nuovo piano «convivere con il Covid», presentato ieri dal Primo Ministro britannico Boris Johnson, sarà operativo dal 24 febbraio. Nella gestione dell’emergenza, quindi, il paese di Sua Maestà non farà più affidamento a regole precise da rispettare: si passerà dalle «restrizioni del governo alla responsabilità personale», ha spiegato Johnson.

Stop all’autosiolamento dei positivi, al tracciamento dei contatti e ai test Covid gratuiti

Da giovedì prossimo l’autoisolamento delle persone che risultano positive al coronavirus diventerà quindi più una raccomandazione che un requisito obbligatorio e legalmente vincolante e si metterà fine al tracciamento dei contatti di routine. Anche i test saranno ridimensionati: da aprile i tamponi PCR e i test a flusso laterale non saranno più gratuiti per tutti. Troppo costosi, secondo Johnson, per continuare a farli a tappeto. Si stima che solo a gennaio i test siano costati ben 2 miliardi di sterline. In media, dall’inizio della pandemia, sono stati spesi per i test diagnostici 1,2 miliardi di sterline al mese. Ci sarà una sola eccezione, «per le persone anziane e per quelle più vulnerabili al Covid, se hanno sintomi. In questo unico caso il test sarà gratuito», ha precisato il Primo Ministro britannico.

Dubbi sulle basi scientifiche del nuovo piano di Johnson

Se il nuovo piano di Johnson stia «seguendo la scienza», come affermato nelle prime fasi della pandemia, è però una questione aperta. L’ufficio di Patrick Vallance, capo consigliere scientifico del governo del Regno Unito, non ha commentato il cambio di passo annunciato e ha indicato solo i verbali dello Scientific Advisory Group for Emergencies (SAGE). «Non è una decisione scientifica: nessuno dei recenti verbali di SAGE suggerisce che questo sia un buon momento per farlo», afferma Christina Pagel all’University College di Londra. «Abbiamo ancora alcuni dei tassi di infezione più alti. Penso che sia il momento sbagliato e che mandi il messaggio sbagliato», aggiunge.

Il rischio è una nuova impennata dei contagi

Resta da vedere se la revoca delle misure restrittive porterà a un’impennata dei contagi e dei ricoveri per Covid-19 in Inghilterra. Nell’ultima settimana la media giornaliera dei nuovi casi è stata di circa 32mila casi, con circa 1000 persone ricoverate in ospedale ogni giorno. Mentre i decessi sono rimasti relativamente stabili a più di 100 al giorno per la maggior parte di febbraio. Un possibile scenario per il futuro potrebbe suggerirlo quanto sta accadendo in Danimarca, che già il primo febbraio ha revocato le sue misure antiCovid. «Penso che si sia rivelata la decisione giusta», afferma Troels Lillebaek dello Statens Serum Institut. Successivamente i casi si sono stabilizzati e ora stanno diminuendo.

Il caso della Danimarca fa ben sperare

La Danimarca è stata accusata da alcune persone di aver assistito a un aumento dei tassi di mortalità dopo l’allentamento delle misure, ma second Lillebaek i timori si fondavano su un malinteso riguardo al sistema di conteggio dei decessi. Attualmente, circa il 60% dei morti per Covid-19 in Danimarca starebbero morendo a causa dell’infezione e il 40% per altre cause. Con la variante delta, Covid-19 stava causando circa l’80% dei decessi nelle persone che avevano la malattia. Ma alla fine, secondo Lillebaek, le cose sono andate bene e il sistema sanitario ha retto. La maggior parte delle persone viene dimessa immediatamente o il giorno successivo dopo essere state visitate. Ad esempio, su 1587 ricoveri ospedalieri attuali che sono risultati positivi negli ultimi 30 giorni, solo 40 sono in terapia intensiva e di questi solo 18 con problemi respiratori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
GB: i medici chiedono multe ai pazienti che saltano gli appuntamenti
Nel Regno Unito i medici chiedono di multare fino a 5 sterline i pazienti che saltano gli appuntamenti senza motivo
GB: 74 britannici hanno avuto l’infezione Covid-19 ben 4 volte
Nel Regno Unito 74 persone sono state infettate 4 volte da Covid. Può capitare ad esempio quando emerge una nuova variante contro la quale gli anticorpi di una precedente infezione da Covid sono meno efficaci
Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli
Gli Stati Uniti rimandano la decisione di estendere la vaccinazione ai bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni, mentre il Regno Unito ritarda la sua approvazione alla vaccinazione della fascia d'età 5-11 anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali