Salute 28 Gennaio 2022 16:21

«Il numero dei morti in Italia non è gonfiato, purtroppo», l’allarme di Federanziani

Il nostro Paese è il più longevo d’Europa ma nell’ultima settimana è al quarto posto a livello mondiale per decessi da Covid-19. Cosa c’è che non quadra e come invertire la tendenza? La risposta di Federanziani

di Eleonora Selvi, Portavoce Federanziani Senior Italia
«Il numero dei morti in Italia non è gonfiato, purtroppo», l’allarme di Federanziani

Per rispondere a una domanda che circola con insistenza da un po’ di tempo, occorre ribadire che i numeri del Covid in Italia non sono gonfiati e non hanno a che vedere con i metodi di conteggio, ma semmai con altri fattori che riguardano la salute complessiva del nostro Paese. Con i 145mila morti dall’inizio della pandemia continuiamo a registrare un numero di decessi in proporzione più elevato rispetto a quello di altri Paesi europei. Per restare ai dati dell’ultima settimana, il numero dei decessi ci colloca al secondo posto in Europa secondo la classifica dell’OMS, e addirittura al quarto posto a livello mondiale dopo Stati Uniti, Russia e India.

I numeri relativi alla mortalità non sono così elevati per via di una amplificazione dovuta al metodo di calcolo, ovvero non dipendono da un’estensiva interpretazione di ciò che significa morire di Covid. Le persone che alla morte hanno un tampone positivo, un quadro clinico compatibile con i sintomi del virus, e nelle quali non è rilevabile una chiara causa di morte diversa dall’infezione, sono nella quasi totalità anziani con patologie importanti in cui il virus è stato un elemento scatenante di un decorso che altrimenti presumibilmente non sarebbe stato letale. L’età media dei deceduti come sappiamo è di ottant’anni, e generalmente all’età avanzata si accompagnano diverse patologie pregresse. Questo significa che la questione che si pone è assai più ampia, ed ha a che fare con la qualità della longevità in Italia.

Il nostro è il Paese più longevo d’Europa, e continua ad esserlo benché la speranza di vita alla nascita si sia ridotta di 1,2 anni a causa della pandemia. Nell’ultimo mezzo secolo abbiamo attraversato uno dei processi di invecchiamento della popolazione tra i più rapidi di tutto il mondo sviluppato, al punto che le proiezioni per il 2050 ci parlano di una quota di over 65 che sarà pari al 35,9% della popolazione totale, con un’attesa di vita media di 82,5 anni. Una tale allungamento della vita è reso possibile non solo dagli straordinari progressi della medicina ma anche da un eccellente sistema sanitario che li rende accessibili in maniera universale e gratuita ai cittadini.

Tuttavia siamo ancora lontani da una longevità sana, centrata sulla prevenzione e sui corretti stili di vita. Ventiquattro milioni di italiani, infatti, perlopiù senior, convivono oggi con diverse patologie croniche, come le cardiovascolari, le malattie respiratorie, il diabete, le patologie oncologiche. Proprio questo quadro demografico con il relativo carico di cronicità, spiega la fragilità della popolazione italiana rispetto al Covid, e deve indurci a riflettere sulla profonda trasformazione necessaria al nostro sistema.

Occorre rafforzare la presa in carico dei pazienti affetti da cronicità, puntare sempre più sulla prevenzione delle patologie che affliggono la terza età e sulla promozione di un invecchiamento attivo, non solo perché altrimenti i costi del nostro Servizio Sanitario Nazionale diventeranno insostenibili, ma anche perché altrimenti il nostro Paese resterà tra i più esposti a esisti particolarmente disastrosi in caso di future pandemie. In questi due anni i cittadini hanno incontrato crescenti difficoltà nell’accesso alle cure ordinarie, alle visite specialistiche e alle indagini diagnostiche, agli interventi, hanno visto crescere in modo interminabile le liste d’attesa, hanno spesso rinunciato a curarsi, anche per motivi economici.

I pazienti ora non possono più aspettare. Solo se saremo in grado di offrire loro una medicina del territorio rafforzata, accesso tempestivo alle diagnosi, equità nelle cure, e una reale cultura della prevenzione, possiamo sperare di rafforzare il sistema immunitario dell’SSN per il benessere della collettività e di tutto il sistema.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...