Sanità internazionale 23 Luglio 2019

Ebola, il ministro della Salute del Congo si è dimesso

L’ormai ex Ministro avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale

Immagine articolo

Il ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo, Oly Ilunga, ha rassegnato le dimissioni. Come riportato dalla BBC, si tratterebbe di un gesto di protesta contro la gestione dell’epidemia di ebola scoppiata nell’area orientale del Paese e che, lo scorso anno, ha ucciso oltre 1700 persone e ne ha infettate 2.500. Numeri che, la settimana scorsa, hanno portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a dichiarare l’epidemia un’emergenza sanitaria internazionale.

LEGGI ANCHE: EBOLA, È EMERGENZA DI SALUTE PUBBLICA INTERNAZIONALE; MASSIMA ALLERTA A FIUMICINO

I MOTIVI DELLE DIMISSIONI

In particolare, l’ormai ex Ministro contesterebbe la scelta del presidente Félix Tshisekedi di rimpiazzarlo dalla guida della squadra che sta gestendo l’emergenza con un comitato di esperti. Inoltre, avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale, «l’unico con efficacia clinicamente dimostrata», a detta di Oly Ilunga.

IL VACCINO

Il vaccino esistente risulta efficace nel 97% dei casi. Ad oggi, secondo l’OMS, è stato somministrato a 161mila persone, ma non a tutti i soggetti a rischio. Vengono infatti vaccinati solo coloro che sono entrati in contatto, diretto o indiretto, con un paziente affetto da ebola.

EBOLA: COS’È E QUALI SONO I SINTOMI

Ebola è un virus che inizialmente causa febbre improvvisa, debolezza estrema, dolori muscolari e mal di gola. Poi evolve in vomito, diarrea ed emorragie sia interne che esterne. Il contagio avviene tramite sangue, vomito, feci o fluidi corporali attraverso ferite aperte, bocca o naso. Infine, i pazienti tendono a morire di disidratazione e insufficienza multiorgano.

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone