Salute 22 Luglio 2019 09:40

Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino

«Ad oggi – si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l’Adnkronos – vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»

Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino

Massima allerta e controlli serrati all’aeroporto di Fiumicino per chi arriva dalla Repubblica democratica del Congo, paese colpito da una epidemia di Ebola. Dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità l’ha classificata come ”emergenza di salute pubblica internazionale” di livello 3, il ministero della Salute, attraverso il dirigente medico dell’U.T. di Roma Fiumicino, chiede alla direzione aeroportuale del Lazio di convocare una riunione all’Enac con Enav, Enti di Stato, Adr, Alitalia, Aviapartner Aviation Services, Aoc, Comitato Utenti e Ibar, per fare il punto sulla situazione e avviare la macchina dei controlli, dando indicazioni dettagliate su cosa fare in caso di passeggero a rischio virus Ebola.

LEGGI: EBOLA, NON SI ARRESTA EPIDEMIA IN CONGO. DALLA UE ALTRI 5 MILIONI DI EURO PER FRONTEGGIARE LA CRISI

«Ad oggi – si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l’Adnkronos vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo». I loro rientri, programmati «sono sempre indiretti, con scalo, di norma in un paese Ue, possono però arrivare anche con voli extra Eu, ad esempio dall’Etiopia». La procedura d’intervento, sul modello di quella già sperimentata nella precedente epidemia di Ebola del 2014, contenuta nell’ordinanza del medico di aeroporto che sarà inviata agli enti interessati a seguito della riunione, ‘«ha tempi d’intervento a bordo aereo di 2-3 minuti».

Nel documento viene anche stilato il cronoprogramma delle azioni degli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) che devono scattare nello scalo di Fiumicino.

Dalla segnalazione se ci siano «voli diretti/indiretti (con scalo intermedio) dalla Repubblica democratica del Congo e dal Ruanda» fino ad arrivare all’obbligo per tutte le compagnie aeree con voli in arrivo di avere a bordo un numero di Plc (la scheda di individuazione passeggeri per fini di sanità pubblica) pari al numero di passeggeri ed equipaggio imbarcabili. Una scheda che deve essere compilata nei casi in cui l’autorità di sanità pubblicata sospetta la presenza di una malattia infettiva, in cui si chiedono ai passeggeri informazioni utili: dal numero del volo al posto su cui si è seduti sull’aereo, oltre alle consuete informazioni anagrafiche.

Nel documento del ministero si chiedono poi i numeri di cellulare dei capi scalo e dei responsabili di tutte le compagnie aeree con scalo a Fiumicino, nonché quelli del personale per una massima operatività.

Articoli correlati
Beux (Fno Tsrm e Pstrp): «Frammentazione e corporativismo mali della sanità. Federazioni non coinvolte sul vaccino»
Il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie traccia un bilancio del 2020. Positivo il ‘fronte interno’: «Abbiamo perfezionato l’architettura istituzionale anche assumendoci delle responsabilità»
Cosa rischio se violo i divieti di spostamento previsti per le festività natalizie? Posso fare ricorso?
Cosa rischia chi non rispetta i divieti stabiliti dal Governo tra il tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021?
Spostamenti tra il 21 dicembre e il 6 gennaio 2021. Cosa si può fare e cosa no
Le risposte del Ministero della Salute alle principali domande in seguito alle ulteriori restrizioni nel periodo natalizio
Nuovo report Cabina di Regia: «Incidenza in Italia ancora troppo elevata. Non allentare misure»
Pubblicato il report relativo al periodo 7 - 13 dicembre 2020: «È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie. Restare in casa il più possibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»