Sanità internazionale 14 Maggio 2018

Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]

Immagine articolo

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% è disposto a pagare più tasse per avere un servizio adeguato, il Primo Ministro Theresa May ha promesso un’iniezione di fondi per l’NHS.

È tuttavia in corso un duro scontro tra il Ministro della salute Jeremy Hunt ed il cancelliere Philip Hammond sull’entità del finanziamento per fronteggiare la crisi. Se per il primo è necessaria una crescita di 5,2 miliardi di sterline annui, pari al 4%, ritornando quindi alla media che ha accompagnato l’ NHS dalla sua fondazione (1948) al 2010, qualunque aumento superiore al 2,5% (3,25 miliardi di sterline annui) sarebbe insostenibile per le casse dello stato.

LEGGI ANCHE: TURISMO SANITARIO, PER EVITARE LE LUNGHE LISTE D’ATTESA GLI INGLESI SCELGONO L’ITALIA

In ogni caso sembra che la May voglia presentarsi al settantesimo compleanno del NHS, che verrà celebrato il prossimo 5 luglio, con una buona notizia. Non va dimenticato, infatti, che uno dei cavalli di battaglia dei sostenitori della Brexit in campagna elettorale era proprio il rifinanziamento della sanità grazie ai supposti risparmi derivanti dall’uscita dall’Unione Europea. Gli elettori si aspettano quindi risposte, e anche velocemente.

Anche perché i problemi causati dai tagli alla sanità degli ultimi anni stanno iniziando a produrre anche i primi frutti anche in termini di salute della popolazione. Come evidenziato dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito “Oltremanica”, il tasso di mortalità infantile nel Regno Unito è una volta e mezzo superiore a quello svedese, dal 2017 l’aspettativa di vita di uomini e donne si è ridotta di circa un anno e nelle prime sette settimane del 2018 la mortalità in Inghilterra e Galles è aumentata del 12,4% rispetto ai cinque anni precedenti: vuol dire che si sono registrate oltre 100mila morti in più rispetto a quelle dello stesso periodo negli anni precedenti. Numeri e fenomeni da inserire in un quadro di crisi globale della salute nel Regno Unito, da superare al più presto.

 

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...