Sanità internazionale 14 maggio 2018

Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]

Immagine articolo

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% è disposto a pagare più tasse per avere un servizio adeguato, il Primo Ministro Theresa May ha promesso un’iniezione di fondi per l’NHS.

È tuttavia in corso un duro scontro tra il Ministro della salute Jeremy Hunt ed il cancelliere Philip Hammond sull’entità del finanziamento per fronteggiare la crisi. Se per il primo è necessaria una crescita di 5,2 miliardi di sterline annui, pari al 4%, ritornando quindi alla media che ha accompagnato l’ NHS dalla sua fondazione (1948) al 2010, qualunque aumento superiore al 2,5% (3,25 miliardi di sterline annui) sarebbe insostenibile per le casse dello stato.

LEGGI ANCHE: TURISMO SANITARIO, PER EVITARE LE LUNGHE LISTE D’ATTESA GLI INGLESI SCELGONO L’ITALIA

In ogni caso sembra che la May voglia presentarsi al settantesimo compleanno del NHS, che verrà celebrato il prossimo 5 luglio, con una buona notizia. Non va dimenticato, infatti, che uno dei cavalli di battaglia dei sostenitori della Brexit in campagna elettorale era proprio il rifinanziamento della sanità grazie ai supposti risparmi derivanti dall’uscita dall’Unione Europea. Gli elettori si aspettano quindi risposte, e anche velocemente.

Anche perché i problemi causati dai tagli alla sanità degli ultimi anni stanno iniziando a produrre anche i primi frutti anche in termini di salute della popolazione. Come evidenziato dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito “Oltremanica”, il tasso di mortalità infantile nel Regno Unito è una volta e mezzo superiore a quello svedese, dal 2017 l’aspettativa di vita di uomini e donne si è ridotta di circa un anno e nelle prime sette settimane del 2018 la mortalità in Inghilterra e Galles è aumentata del 12,4% rispetto ai cinque anni precedenti: vuol dire che si sono registrate oltre 100mila morti in più rispetto a quelle dello stesso periodo negli anni precedenti. Numeri e fenomeni da inserire in un quadro di crisi globale della salute nel Regno Unito, da superare al più presto.

 

Articoli correlati
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute – come da impegni presi dal ministro Giulia Grillo nel corso della recente conferenza stampa sul tema dei vaccini – attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito (UK), per mezzo del sistema […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...