Sanità internazionale 14 Maggio 2018 17:10

Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]

Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare

Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% è disposto a pagare più tasse per avere un servizio adeguato, il Primo Ministro Theresa May ha promesso un’iniezione di fondi per l’NHS.

È tuttavia in corso un duro scontro tra il Ministro della salute Jeremy Hunt ed il cancelliere Philip Hammond sull’entità del finanziamento per fronteggiare la crisi. Se per il primo è necessaria una crescita di 5,2 miliardi di sterline annui, pari al 4%, ritornando quindi alla media che ha accompagnato l’ NHS dalla sua fondazione (1948) al 2010, qualunque aumento superiore al 2,5% (3,25 miliardi di sterline annui) sarebbe insostenibile per le casse dello stato.

LEGGI ANCHE: TURISMO SANITARIO, PER EVITARE LE LUNGHE LISTE D’ATTESA GLI INGLESI SCELGONO L’ITALIA

In ogni caso sembra che la May voglia presentarsi al settantesimo compleanno del NHS, che verrà celebrato il prossimo 5 luglio, con una buona notizia. Non va dimenticato, infatti, che uno dei cavalli di battaglia dei sostenitori della Brexit in campagna elettorale era proprio il rifinanziamento della sanità grazie ai supposti risparmi derivanti dall’uscita dall’Unione Europea. Gli elettori si aspettano quindi risposte, e anche velocemente.

Anche perché i problemi causati dai tagli alla sanità degli ultimi anni stanno iniziando a produrre anche i primi frutti anche in termini di salute della popolazione. Come evidenziato dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito “Oltremanica”, il tasso di mortalità infantile nel Regno Unito è una volta e mezzo superiore a quello svedese, dal 2017 l’aspettativa di vita di uomini e donne si è ridotta di circa un anno e nelle prime sette settimane del 2018 la mortalità in Inghilterra e Galles è aumentata del 12,4% rispetto ai cinque anni precedenti: vuol dire che si sono registrate oltre 100mila morti in più rispetto a quelle dello stesso periodo negli anni precedenti. Numeri e fenomeni da inserire in un quadro di crisi globale della salute nel Regno Unito, da superare al più presto.

 

Articoli correlati
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
GB: i medici chiedono multe ai pazienti che saltano gli appuntamenti
Nel Regno Unito i medici chiedono di multare fino a 5 sterline i pazienti che saltano gli appuntamenti senza motivo
GB: 74 britannici hanno avuto l’infezione Covid-19 ben 4 volte
Nel Regno Unito 74 persone sono state infettate 4 volte da Covid. Può capitare ad esempio quando emerge una nuova variante contro la quale gli anticorpi di una precedente infezione da Covid sono meno efficaci
Gb, da giovedì stop alle restrizioni e via al piano «convivere con il Covid»
Dal 24 febbraio partirà nel Regno Unito il nuovo piano «convivere con il Covid»: stop all'autoisolamento e al tracciamento dei contatti. E basta ai test gratuiti per tutti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...