Sanità internazionale 23 Giugno 2020 12:27

Covid-19 nel mondo. In Germania Rt a 2.88, l’India requisisce gli hotel di lusso per i pazienti

Il focolaio nel mattatoio riporta la Germania indietro di due mesi nell’indice di trasmissione. In Brasile e Bolivia gli ospedali sono pieni, mentre gli indigeni perdono i loro anziani a causa del virus

Covid-19 nel mondo. In Germania Rt a 2.88, l’India requisisce gli hotel di lusso per i pazienti

Crescono ancora i numeri di Covid-19. Nel mondo il numero dei casi ha superato i 9 milioni e il 22 giugno è stato il giorno con la crescita maggiore di contagi in assoluto dall’inizio dell’epidemia, ha fatto sapere l’Organizzazione Mondiale della Sanità: oltre 183 mila casi in sole 24 ore. Mentre l’Europa sembra avviata verso una graduale fine dei contagi, in America e in Asia la situazione è in pieno boom. Il Brasile detiene il primato con 54 mila nuovi casi, seguito dagli Stati Uniti (36 mila) e dall’India (15 mila). Ma il trend al rialzo non risparmia l’Europa.

 

GERMANIA

In Germania l’indice Rt è risalito a 2.88, dopo la scoperta di un nuovo focolaio in un impianto di lavorazione delle carni a Gutersloh. I lavoratori contagiati superano i mille e la cancelliera Angela Merkel ha già confermato i dati diffusi dall’Istituto Robert Koch sull’impennata dell’indice di trasmissione. Non è il primo caso in un mattatoio, già a maggio si erano registrati dei mini-focolai a Dissen, nella bassa Sassonia, e a Coesfeld in Nord Reno-Westfalia.

L’esistenza del focolaio a Gutersloh è stata annunciata domenica, con 1,331 casi positivi tutti collegati all’impianto Toennies. Fino ad allora il virus in Germania si stava ritirando a velocità sostenuta. Anche per questo, hanno specificato gli esperti del Koch, un aumento improvviso come questo influenza molto l’indice Rt nazionale. Finora i casi totali sono stati 190 mila, di cui 8.897 sono morti.

 

BOLIVIA

In totale l’America Latina conta più di 2 milioni di casi. In Bolivia la situazione è diventata preoccupante. Secondo Al Jazeera, tra gli abitanti sono aumentate le proteste in strada per mancanza di dispositivi di protezione. Il ministro della Salute, Marcelo Navajas, è stato arrestato per corruzione mentre il sistema sanitario sembra non riuscire a controllare e curare i contagiati. Molti pazienti muoiono in strada perché gli ospedali sono pieni, o in casa dove finiscono per contagiare i parenti.

 

BRASILE

In Brasile, dove le morti hanno sorpassato quota 50 mila, i cittadini hanno chiesto risposte al presidente Jair Bolsonaro. Intanto le comunità indigene del Paese stanno soffrendo perdite senza precedenti. Molti capi delle comunità che vivono in Amazzonia sono morti, rifiutando di essere trasportati a Manaus per le cure. Le consegne tardive di cibo e kit di sicurezza hanno costretto le comunità a spostarsi, esponendosi maggiormente al virus. In alcuni casi sono stati proprio gli operatori a portare l’infezione, come è successo tra i Gaviao.
Il Sesai, dipartimento governativo che si occupa della salute degli indigeni, dichiara di aver inviato 600 mila dispositivi di protezione e speso oltre 11 milioni nella lotta al Covid-19. Intanto il congresso brasiliano ha approvato un legge di emergenza per preservare e aiutare le comunità indigene che attende la firma del presidente. «Qui però stiamo perdendo la nostra storia», ha dichiarato al New York Times la figlia del capo degli Xikrin, 64 anni, uno degli ultimi caduti per Covid.

 

INDIA

Intanto in India, a Delhi, gli hotel di lusso stanno correndo in soccorso degli ospedali affollati. Le decisione del governo indiano è arrivata qualche giorno fa, dopo aver osservato quanto stava accadendo nelle terapie intensive. Gli hotel di lusso, requisiti per l’occasione, ospiteranno pazienti con sintomi moderati e delle equipe di medici stanno provvedendo a preparare i lavoratori per le misure minime di assistenza.
Sempre affiancati da medici e infermieri, i dipendenti hanno dovuto imparare le misure basilari da adottare ma hanno accettato il nuovo incarico, rifiutando di tirarsi indietro. Ogni hotel è stato collegato al più vicino ospedale in città, si legge sul Guardian, e da lì prenderà i team che andranno a curare i pazienti. Il primo ministro, Arvind Kejriwal, ha anticipato che la capitale ha bisogno di 150 mila letti per la fine di luglio, quando i casi dovrebbero arrivare a toccare quota mezzo milione.

 

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco