Sanità internazionale 23 Giugno 2020

Covid-19 nel mondo. In Germania Rt a 2.88, l’India requisisce gli hotel di lusso per i pazienti

Il focolaio nel mattatoio riporta la Germania indietro di due mesi nell’indice di trasmissione. In Brasile e Bolivia gli ospedali sono pieni, mentre gli indigeni perdono i loro anziani a causa del virus

Immagine articolo

Crescono ancora i numeri di Covid-19. Nel mondo il numero dei casi ha superato i 9 milioni e il 22 giugno è stato il giorno con la crescita maggiore di contagi in assoluto dall’inizio dell’epidemia, ha fatto sapere l’Organizzazione Mondiale della Sanità: oltre 183 mila casi in sole 24 ore. Mentre l’Europa sembra avviata verso una graduale fine dei contagi, in America e in Asia la situazione è in pieno boom. Il Brasile detiene il primato con 54 mila nuovi casi, seguito dagli Stati Uniti (36 mila) e dall’India (15 mila). Ma il trend al rialzo non risparmia l’Europa.

 

GERMANIA

In Germania l’indice Rt è risalito a 2.88, dopo la scoperta di un nuovo focolaio in un impianto di lavorazione delle carni a Gutersloh. I lavoratori contagiati superano i mille e la cancelliera Angela Merkel ha già confermato i dati diffusi dall’Istituto Robert Koch sull’impennata dell’indice di trasmissione. Non è il primo caso in un mattatoio, già a maggio si erano registrati dei mini-focolai a Dissen, nella bassa Sassonia, e a Coesfeld in Nord Reno-Westfalia.

L’esistenza del focolaio a Gutersloh è stata annunciata domenica, con 1,331 casi positivi tutti collegati all’impianto Toennies. Fino ad allora il virus in Germania si stava ritirando a velocità sostenuta. Anche per questo, hanno specificato gli esperti del Koch, un aumento improvviso come questo influenza molto l’indice Rt nazionale. Finora i casi totali sono stati 190 mila, di cui 8.897 sono morti.

 

BOLIVIA

In totale l’America Latina conta più di 2 milioni di casi. In Bolivia la situazione è diventata preoccupante. Secondo Al Jazeera, tra gli abitanti sono aumentate le proteste in strada per mancanza di dispositivi di protezione. Il ministro della Salute, Marcelo Navajas, è stato arrestato per corruzione mentre il sistema sanitario sembra non riuscire a controllare e curare i contagiati. Molti pazienti muoiono in strada perché gli ospedali sono pieni, o in casa dove finiscono per contagiare i parenti.

 

BRASILE

In Brasile, dove le morti hanno sorpassato quota 50 mila, i cittadini hanno chiesto risposte al presidente Jair Bolsonaro. Intanto le comunità indigene del Paese stanno soffrendo perdite senza precedenti. Molti capi delle comunità che vivono in Amazzonia sono morti, rifiutando di essere trasportati a Manaus per le cure. Le consegne tardive di cibo e kit di sicurezza hanno costretto le comunità a spostarsi, esponendosi maggiormente al virus. In alcuni casi sono stati proprio gli operatori a portare l’infezione, come è successo tra i Gaviao.
Il Sesai, dipartimento governativo che si occupa della salute degli indigeni, dichiara di aver inviato 600 mila dispositivi di protezione e speso oltre 11 milioni nella lotta al Covid-19. Intanto il congresso brasiliano ha approvato un legge di emergenza per preservare e aiutare le comunità indigene che attende la firma del presidente. «Qui però stiamo perdendo la nostra storia», ha dichiarato al New York Times la figlia del capo degli Xikrin, 64 anni, uno degli ultimi caduti per Covid.

 

INDIA

Intanto in India, a Delhi, gli hotel di lusso stanno correndo in soccorso degli ospedali affollati. Le decisione del governo indiano è arrivata qualche giorno fa, dopo aver osservato quanto stava accadendo nelle terapie intensive. Gli hotel di lusso, requisiti per l’occasione, ospiteranno pazienti con sintomi moderati e delle equipe di medici stanno provvedendo a preparare i lavoratori per le misure minime di assistenza.
Sempre affiancati da medici e infermieri, i dipendenti hanno dovuto imparare le misure basilari da adottare ma hanno accettato il nuovo incarico, rifiutando di tirarsi indietro. Ogni hotel è stato collegato al più vicino ospedale in città, si legge sul Guardian, e da lì prenderà i team che andranno a curare i pazienti. Il primo ministro, Arvind Kejriwal, ha anticipato che la capitale ha bisogno di 150 mila letti per la fine di luglio, quando i casi dovrebbero arrivare a toccare quota mezzo milione.

 

Articoli correlati
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
Cos’è la terapia EMDR e perché può aiutare il personale sanitario a combattere lo stress post-Covid
Fernandez (Associazione EMDR): «Sono sufficienti poche sedute per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)