Sanità internazionale 26 marzo 2018

Alimentazione questa sconosciuta: in Inghilterra gap formativo che preoccupa studenti, medici e pazienti

Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute, ma i medici inglesi ne sanno poco o nulla. È la denuncia di camici bianchi e studenti di medicina che sottolineano il gap formativo su tutto ciò che riguarda diete e stili di vita nonostante, riporta la BBC, l’80% dei pazienti dei medici di medicina generale abbia […]

Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute, ma i medici inglesi ne sanno poco o nulla. È la denuncia di camici bianchi e studenti di medicina che sottolineano il gap formativo su tutto ciò che riguarda diete e stili di vita nonostante, riporta la BBC, l’80% dei pazienti dei medici di medicina generale abbia problemi legati proprio all’alimentazione: in primis, obesità e diabete.

Eppure sono proprio queste le malattie che stanno mettendo a dura prova la stabilità del Servizio sanitario di Sua Maestà: quest’anno l’NHS spenderà più di 11 miliardi di sterline solo per il diabete, cifra che quasi raddoppia se si tengono in considerazione anche i costi sociali della malattia. Ecco perché la formazione in questo campo è importante e necessaria.

LEGGI ANCHE: UK, CRISI NHS: ANCHE LA BREXIT TRA LE CAUSE. RICCIARDI: «PROMESSI 350 MILIONI A SETTIMANA MA LA SANITA’ È STATA DEFINANZIATA DI 17 MILIARDI»

I corsi di laurea in medicina sono tradizionali e non includono insegnamenti su questi temi, nonostante la salute dei cittadini sia molto cambiata negli 30 o 40 anni, le lezioni non accompagnano questo cambiamento: «Quando io ero all’università – commenta il dottor Michael Mosley – non ho imparato nulla di alimentazione. Adesso mio figlio sta studiando medicina e nemmeno lui ha nel suo percorso formativo corsi su questo tema». E quel poco che si fa, tra le 10 e le 24 ore di lezione in 5-6 anni, non è abbastanza utile per affrontare i problemi che i pazienti lamentano, denunciano gli studenti.

«Ho svolto parte del mio tirocinio formativo in un centro per la cura dell’obesità – racconta Kate Womersley, ex studentessa della facoltà di medicina dell’università di Cambridge -. Un giorno un paziente ha chiesto al medico “Perché sono così grasso?”. Ha fatto una domanda diretta e voleva una risposta diretta. Una domanda a cui molti medici non saprebbero come rispondere».

Sembra però che qualcosa inizi a muoversi: quest’estate il General Medical Council, che regola le attività delle facoltà di medicina del Regno Unito, pubblicherà le nuove guide da seguire che riconoscerà in modo più esplicito l’importante impatto che la dieta e l’alimentazione hanno sulla salute. Le università intanto hanno già messo in cantiere un aumento delle ore di lezione dedicate a questi temi. Il British Medical Journal, poi, a giugno pubblicherà una nuova rivista dedicata alle scienze dell’alimentazione: «È giunta l’ora di riconoscere il ruolo centrale che il cibo e l’alimentazione ricoprono per la salute», ha dichiarato Fiona Godlee, direttrice del BMJ. E gli studenti, dal canto loro, non sono rimasti a guardare: alcuni di loro hanno fondato Nutritank, una organizzazione on line in cui è possibile condividere conoscenze e ricerche in scienze alimentari, che organizza anche corsi ed eventi nelle università: tra questi, anche un corso di cucina per gli studenti di medicina.

LEGGI ANCHE: NUTRIZIONE, L’ALLARME DELLA PRESIDENTE DEI DIETISTI: «ATTENZIONE A CIARLATANI E AI CONSIGLI DI PROMOTER E CONOSCENTI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Firenze, al Meyer apre ambulatorio multidisciplinare contro l’obesità infantile
Endocrinologo, dietista e psicologa: sono questi i medici che compongono il team multidisciplinare del nuovo ambulatorio che il Meyer ha dedicato ai bambini con problemi di obesità. Gli specialisti prenderanno in carico i piccoli e le loro famiglie fornendo loro gli strumenti per affrontare una patologia che può essere molto invalidante per bambini e adolescenti, […]
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Albano laziale: sabato al via l’iniziativa “Io aderisco”
Sensibilizzare la popolazione ad aderire alle buone pratiche e agli stili di vita sani, nel rispetto dell’ambiente che ci circonda: questi gli obiettivi al centro dell’iniziativa “Io Aderisco” che si svolgerà ad Albano Laziale (corso Garibaldi 12) sabato 13 ottobre a partire dalle 10,30. Alla giornata di dibattiti, “camminate” e sport nel verde parteciperanno Daniele […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...