Sanità internazionale 6 Febbraio 2018

Trump vs Hunt: scontro sulla sanità a colpi di tweet

«I democratici vogliono un Sistema sanitario universale mentre migliaia di persone nel Regno Unito stanno marciando perché il loro sistema universale sta per andare in bancarotta e non funziona». «Anche se non condivido le ragioni della manifestazione, di certo nessuno dei manifestanti vorrebbe vivere con un sistema che esclude 28 milioni di persone dalle cure. […]

«I democratici vogliono un Sistema sanitario universale mentre migliaia di persone nel Regno Unito stanno marciando perché il loro sistema universale sta per andare in bancarotta e non funziona». «Anche se non condivido le ragioni della manifestazione, di certo nessuno dei manifestanti vorrebbe vivere con un sistema che esclude 28 milioni di persone dalle cure. L’NHS sta sicuramente affrontando importanti sfide ma sono orgoglioso di essere nel Paese che ha inventato la copertura sanitaria universale in cui tutti ricevono cure, a prescindere dal loro conto in banca».

È un botta e risposta senza esclusioni di colpi quello tra il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il Ministro della Salute inglese Jeremy Hunt. Su Twitter, il braccio di ferro tra il sistema sanitario inglese e quello americano: il primo in profonda crisi tanto da far scendere in piazza, lo scorso sabato, migliaia di persone per chiedere al governo maggiori finanziamenti per salvare l’NHS; il secondo, a stelle e strisce, su cui si gioca una delle principali sfide tra Conservatori e Democratici, che spingono per un sistema universalistico come quello inglese o italiano. «I democratici vogliono aumentare le tasse per un’assistenza sanitaria scarsa e non personalizzata. No grazie!», conclude il tweet di Trump.

Anche il laburista Jeremy Corbyn, leader dell’opposizione nel Regno Unito, è intervenuto nello scambio: «Le persone sabato hanno manifestato perché amano il nostro servizio sanitario e odiano quello che i Tories gli stanno facendo. L’assistenza sanitaria è un diritto umano».

Nelle ultime settimane, il finanziamento dell’NHS è uno dei temi più caldi nel Regno Unito: gli ospedali stanno lottando per riuscire ad offrire tutti i servizi con le risorse che hanno a disposizione. È stato calcolato che per il prossimo anno saranno necessari altri 4 miliardi di sterline e 2 miliardi e mezzo in più sia per il 2019 che il 2020.

Articoli correlati
Sigarette elettroniche, Trump vuole vietarle: «Siamo di fronte a vero e proprio dramma»
Negli USA sono saliti a 6 i morti per insufficienza polmonare. Il ministro della Sanità, Alex Azar: «È un'epidemia»
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
Alzheimer, sbarca negli Stati Uniti il primo kit per la diagnosi precoce
Ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi della malattia. Nel mese dedicato dall’Organizzazione mondiale della sanità all’auto-cura, via al programma che permette di diagnosticare la presenza di fattori di rischio della malattia tra cui il Rame Libero
di Federica Bosco
L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali
L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, vietato anche in caso di stupro, e il tema è entrato a pieno titolo nella campagna elettorale per le elezioni del 2020
Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria
Il timore è che l'epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona - l'appello del sindaco - è sicuro, è efficace e salva la vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali