Sanità internazionale 6 Febbraio 2018

Trump vs Hunt: scontro sulla sanità a colpi di tweet

«I democratici vogliono un Sistema sanitario universale mentre migliaia di persone nel Regno Unito stanno marciando perché il loro sistema universale sta per andare in bancarotta e non funziona». «Anche se non condivido le ragioni della manifestazione, di certo nessuno dei manifestanti vorrebbe vivere con un sistema che esclude 28 milioni di persone dalle cure. […]

«I democratici vogliono un Sistema sanitario universale mentre migliaia di persone nel Regno Unito stanno marciando perché il loro sistema universale sta per andare in bancarotta e non funziona». «Anche se non condivido le ragioni della manifestazione, di certo nessuno dei manifestanti vorrebbe vivere con un sistema che esclude 28 milioni di persone dalle cure. L’NHS sta sicuramente affrontando importanti sfide ma sono orgoglioso di essere nel Paese che ha inventato la copertura sanitaria universale in cui tutti ricevono cure, a prescindere dal loro conto in banca».

È un botta e risposta senza esclusioni di colpi quello tra il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il Ministro della Salute inglese Jeremy Hunt. Su Twitter, il braccio di ferro tra il sistema sanitario inglese e quello americano: il primo in profonda crisi tanto da far scendere in piazza, lo scorso sabato, migliaia di persone per chiedere al governo maggiori finanziamenti per salvare l’NHS; il secondo, a stelle e strisce, su cui si gioca una delle principali sfide tra Conservatori e Democratici, che spingono per un sistema universalistico come quello inglese o italiano. «I democratici vogliono aumentare le tasse per un’assistenza sanitaria scarsa e non personalizzata. No grazie!», conclude il tweet di Trump.

Anche il laburista Jeremy Corbyn, leader dell’opposizione nel Regno Unito, è intervenuto nello scambio: «Le persone sabato hanno manifestato perché amano il nostro servizio sanitario e odiano quello che i Tories gli stanno facendo. L’assistenza sanitaria è un diritto umano».

Nelle ultime settimane, il finanziamento dell’NHS è uno dei temi più caldi nel Regno Unito: gli ospedali stanno lottando per riuscire ad offrire tutti i servizi con le risorse che hanno a disposizione. È stato calcolato che per il prossimo anno saranno necessari altri 4 miliardi di sterline e 2 miliardi e mezzo in più sia per il 2019 che il 2020.

Articoli correlati
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
Sigarette elettroniche, Trump vuole vietarle: «Siamo di fronte a vero e proprio dramma»
Negli USA sono saliti a 6 i morti per insufficienza polmonare. Il ministro della Sanità, Alex Azar: «È un'epidemia»
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano