Salute 6 febbraio 2018

Nutrizione, l’allarme della Presidente dei dietisti: «Attenzione a ciarlatani e ai consigli di promoter e conoscenti»

Ersilia Troiano (ANDID): «La dieta è un percorso di rieducazione. Non cercate trattamenti miracolosi ma affidatevi a professionisti»

Immagine articolo

«La dieta è una cosa seria. Solo i professionisti che fanno questo di mestiere hanno le competenze per prendere in carico la salute nutrizionale delle persone. Attenzione quindi a chi promette miracoli e ai consigli della vicina di casa o dell’estetista». È questo il monito di Ersilia Troiano, Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID). Sempre più spesso, specialmente sui social network, ci si imbatte nella promozione di prodotti che promettono di cambiare la vita e di far perdere tutti i chili di troppo con semplicità. Ma non sono soltanto i social network la fonte di tutti i mali: quante volte si discute del proprio regime alimentare con una collega, un amico o l’allenatore della palestra? La chiacchierata spesso si conclude con il consiglio: «Io ho fatto così e ha funzionato, perché non provi anche tu?».

«Purtroppo – sottolinea la Presidente – sta prendendo particolarmente piede questo fenomeno: la conoscente che ha preso degli integratori ed è dimagrita diventa promoter di quei prodotti; poi magari c’è l’estetista che consiglia un massaggio che, abbinato ad una particolare dieta, consente di dimagrire; o, ancora, il personal trainer che diventa un riferimento anche per l’alimentazione. Al di là degli abusivi veri e propri, bisogna stare attenti anche a tutte queste figure che, nonostante forniscano sostanzialmente solo dei consigli, si occupano di una questione complessa che necessita invece di un professionista competente».

E se bisogna stare attenti in condizioni di salute normali, a maggior ragione l’avvertimento è più forte in caso di presenza di patologie croniche come il diabete: «Risale proprio a qualche giorno fa il dibattito su un metodo, se così vogliamo chiamarlo, proposto da un giornalista che consiglia ai pazienti con diabete di tipo 1 di seguire un certo regime alimentare che, abbinato a degli integratori, consentirebbe di sospendere la terapia insulinica. Ma sappiamo bene che quando si ha il diabete di tipo 1 si è costretti a fare l’insulina sin da bambini perché il corpo non la produce proprio. Queste sono patologie croniche complesse che necessitano di tutti i professionisti sanitari coinvolti, visto che possono avere molte sfaccettature e anche complicanze sugli organi a lungo termine. Per questo le società di diabetologia e le associazioni di pazienti sono intervenute lanciando l’allarme contro il consiglio di sospendere l’insulina».

Alla larga quindi da chi offre rimedi miracolosi e diete strane, «soprattutto se monoalimento, le più pericolose – avverte la Presidente – perché escludono completamente quasi tutti i gruppi alimentari andando a focalizzare il consumo solo su uno o due alimenti. È ovvio il rischio di carenze a breve e medio termine». Di chi ci si deve fidare, allora? «Storicamente le figure che si sono occupate di nutrizione clinica sono i medici specialisti in scienze dell’alimentazione, che oggi si chiamano medici nutrizionisti, e i dietisti. Negli ultimi anni è nata la figura del biologo nutrizionista, ma il Ministero della Salute ha fatto sapere che sarebbe preferibile avere almeno una specializzazione in scienze dell’alimentazione: per occuparsi di salute bisogna infatti avere una competenza costruita».

«Una dieta può senz’altro essere più o meno equilibrata, ma quello che ancora non è chiaro alla quasi totalità delle persone – ci tiene a sottolineare la Presidente – è che la dieta deve essere un percorso di rieducazione, un percorso di acquisizione di abitudini alimentari corrette. Se le persone continuano a cercare il trattamento miracoloso che le faccia dimagrire significa che non capiscono che, al di là della perdita di peso, il percorso da fare insieme al professionista deve fornire gli strumenti per gestire in maniera autonoma il mantenimento del peso. Bisogna dimagrire – conclude – ma anche imparare a mangiare e a gestire la propria alimentazione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»
«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché
Tumori e malnutrizione, Campania maglia nera: massimi esperti internazionali in convegno a Napoli
Il cancro e la malnutrizione viaggiano insieme. La perdita di peso è un vero e proprio killer: oltre il 10% ostacola il proseguimento delle terapie e un malato su 5 muore per le conseguenze della malnutrizione. Se ne parlerà al Convegno "Nutrients beyond Nutrition" il 1 febbraio a Napoli
Sci, i consigli di fisioterapisti e nutrizionisti per prepararsi al meglio. Sara Farnetti: «Cibi proteici per sport ad alta quota. Combinare bene gli alimenti»
Con il periodo delle settimane bianche occorre preparare bene il corpo. L’ultima tendenza del fitness è l’EMS training una particolare metodologia che, applicata ad un allenamento funzionale a corpo libero e grazie a degli impulsi, va ad aumentare dell’80% la risposta naturale dei muscoli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...