Salute 18 Marzo 2022 09:37

World Sleep Day. Mencacci (psichiatra): «A rischio il sonno del 45% della popolazione mondiale»

Prima la pandemia, ora la guerra, lo specialista: «Il nostro sistema nervoso è in un continuo stato di ipervigilanza». Il 18 marzo si celebra, in tutto il mondo, la Giornata del Sonno. Per l’occasione l’AIMS, ha dato il via ad una maratona del sonno online

Predisponente, precipitante e perpetuante. Gli specialisti in disturbi del sonno hanno riassunto in tre P (P come Pandemia), i fattori, tutti scaturiti dall’emergenza da Covid-19, che hanno peggiorato la qualità del riposo notturno della gran parte della popolazione mondiale. «In questi due anni di pandemia i disturbi del sonno hanno superato il 37,6% di diffusione e il 19% di chi ne soffre fa ricorso a rimedi o trattamenti per migliorare la qualità del proprio sonno», spiega Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di neuroscienze dell’Ospedale Fatebenefratelli Sacco di Milano e presidente della Società Italiana di Neurospicofarmacologia.

World Sleep Day

C’è chi si sveglia troppo presto, chi si addormenta decisamente tardi, chi ha un sonno a singhiozzo. Qualunque sia la tipologia del disturbo, «dormire male mette a rischio non solo il riposo notturno ma anche la vita diurna», assicura Mencacci. Ed è proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del sonno, sia per quantità che per qualità, che ogni anno il 18 marzo si celebra in tutto il mondo la Giornata del Sonno (World Sleep Day). A promuovere la Giornata, in contemporanea in ogni parte del mondo, è la World Sleep Society. Per l’occasione l’Associazione Italiana di Medicina del Sonno (AIMS), con i principali esperti italiani di medicina del sonno, ha dato il via ad una vera e propria maratona del sonno online, dalle 8 del mattino alle 20.

Una persona su due soffrirà di disturbi del sonno

«Si stima che, in un futuro non troppo lontano, quasi una persona su due (circa il 45% della popolazione mondiale) dovrà fare i conti con un disturbo del sonno, problematiche che hanno conseguenze psicofisiche profonde, non soltanto di notte, ma anche di giorno», continua lo psichiatra. Non è un caso, infatti, se con i disturbi del sonno si parla della cosiddetta “sindrome delle 24 ore”: «Chi non riposa bene durante le ore notturne – spiega Mencacci – non solo non sarà in piena forma neanche di giorno, ma a lungo andare potrà sviluppare delle vere e proprie patologie. La deprivazione di sonno ha un impatto negativo sulle funzioni cognitive, sulla capacità di attenzione e concentrazione, sulle condizioni cardiache, immunologiche e metaboliche».

Le conseguenze della pandemia

Dalla pandemia da Covid-19 è scaturita anche una pandemia di carattere emozionale: «I disturbi psichici – dice lo specialista – sono raddoppiati. A pagare le conseguenze peggiori sono stati soprattutto gli adolescenti: uno su 4 presenta un quadro depressivo e uno su cinque soffre di disturbi d’ansia. E di pari passo a questo aumento dei disturbi psichici si sono incrementati pure quelli del sonno», commenta Mencacci. Ed è qui che entrano in gioco le tre P di pandemia. «Tra le principali cause dell’incremento dei disturbi del sonno c’è l’alterazione dei ritmi sonno-veglia durante i periodi di isolamento, per lockdown, quarantene o lunghi ricoveri in ospedale. Questo è il cosiddetto fattore predisponente», sottolinea Mencacci.

Se il mondo reale fa paura

Tra i più giovani a peggiorare la situazione è stato anche l’aumento dell’utilizzo di internet, con un incremento pure delle dipendenze da giochi, web e social network. Tutta la vita sociale, relazionale e affettiva è stata spostata per lungo tempo nel mondo virtuale. «Dalla paura di vivere nel mondo reale per il timore di contagiarsi è scaturito il secondo “fattore P”, quello precipitante. Fattore – aggiunge lo psichiatra – che si è poi trasformato nella terza P, il fattore perpetuante, ovvero uno stato di ipervigilanza del sistema nervoso in una condizione di stress continuo, come quello scaturito dalla pandemia». Paure e tensioni emotive che anziché scemare, mentre si va verso una possibile fine dello stato di emergenza, rischiano un ulteriore peggioramento a causa della guerra esplosa in Ucraina.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio
Un studio australiano, condotto da una mamma in lutto, ha portato alla scoperta di un enzima legato alla morte in culla
Addio notti insonni, presto un farmaco che riduce le apnee notturne
Un farmaco già utilizzato contro il glaucoma e l'epilessia riduce le apnee notturne dal 40 al 60 per cento
I non sognatori? Non esistono. Il neurologo: «In realtà dimenticano il contenuto dei sogni»
In occasione della Giornata dei sogni che si celebra il 25 settembre, l'intervista a Luigi Ferini Strambi, direttore del centro di Medicina del Sonno: «Per aiutare la memoria onirica mettere un taccuino sul comodino e concedersi un risveglio lento»
di Isabella Faggiano
Covid: insonnia in aumento del 40%. Ecco i consigli naturali per contrastarla
In crescita +28,8% gli integratori per favorire il sonno. In occasione della Giornata Mondiale del Sonno consigli su comportamenti virtuosi da tenere. Per combattere l'insonnia utili anche gli integratori naturali, 'attivatori delle sirtuine' che favoriscono il rilassamento
Posticipare l’orario di ingresso a scuola: il rendimento degli studenti ci guadagna
Dormire di più aumenta il livello di attenzione e migliora le prestazioni scolastiche. È quanto ha dimostrato lo studio pilota coordinato dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma e pubblicato sulla rivista Nature and Science of Sleep
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...