Salute 3 Dicembre 2020 15:57

OMS: «Distribuzione vaccini sia equa o pandemia proseguirà con danni economici per tutti»

Il direttore regionale Hans Kluge parla di un rallentamento dell’epidemia in Europa e invita i Paesi ad allearsi per distribuire equamente il vaccino. Non farlo significherebbe ulteriori perdite sia umane che economiche

OMS: «Distribuzione vaccini sia equa o pandemia proseguirà con danni economici per tutti»

L’Europa è ancora molto lontana dall’ipotesi di una immunità di gregge. Ora che la seconda ondata di Covid-19 compie due mesi, i dati sulle persone già colpite dal virus nel continente si fermano a meno di 1 su 10. Lo ha fatto presente Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della Sanità, riferendo anche i progressi delle ultime settimane sui nuovi contagi. Numeri in calo, dovuti alle misure restrittive, seppure lo scenario resti ancora preoccupante.

Circa 63 milioni di casi a livello globale e oltre 1,4 milioni di morti, di cui 19 milioni di contagiati e 427 mila decessi in Europa. 4 milioni di questi solo nel mese di novembre. La scorsa è stata la terza settimana consecutiva in cui i contagi sono scesi, nello specifico del 13%. «La regione rappresenta ancora il 40% dei nuovi casi globali e il 50% dei nuovi decessi globali – ha voluto specificare Kluge – poiché quasi la metà dei Paesi all’interno della regione continua a mostrare una tendenza all’aumento. Solo nella scorsa settimana sono stati segnalati oltre 35 mila nuovi decessi in tutta l’area». Ora dalla parte occidentale, la risalita sta procedendo verso est, colpendo i Paesi centrali e meridionali.

Oms chiede piani vaccini pronti subito

Kluge ha poi dedicato una riflessione al vaccino contro Sars-CoV-2, che mai come in queste settimane sembra vicino. «La preparazione è la chiave – ha detto -. Per assicurarci di raccogliere la piena ricompensa dobbiamo avere dei piani in atto. Fare subito il punto sullo stato della nostra preparazione, ora, prima dell’arrivo dei vaccini, è assolutamente essenziale».

Il vaccino dovrà arrivare in ogni punto d’Europa, è la richiesta del direttore regionale Oms, e dovrà già essere presente un piano per quando le prime dosi saranno diventate disponibili. «All’Oms – ha spiegato Kluge – stiamo lavorando con i Paesi per rafforzare la loro preparazione per l’introduzione del vaccino, la loro capacità della catena del freddo, ma anche su altri aspetti come il monitoraggio della sicurezza dei vaccini, la comunicazione e il coinvolgimento della comunità».

All’inizio le forniture saranno limitate in tutti i Paesi, dunque «tutti devono decidere chi dovrebbe essere vaccinato per primo per massimizzare l’impatto di dosi limitate nel ridurre il carico della malattia in ogni contesto nazionale». L’Italia che, ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, avrà il 13,5% delle prime dosi, licenzierà un piano definitivo entro fine anno. Il ministro della Salute Roberto Speranza, in Aula, ha già chiarito che saranno personale sanitario e anziani (specie se ospitati in Rsa) i primi soggetti a essere vaccinati. Una linea che molti altri Paesi europei hanno seguito, Gran Bretagna per prima, che dalla prossima settimana comincerà le vaccinazioni.

Vaccinare prima operatori sanitari, over 60 e ospiti di Rsa

«Le nostre raccomandazioni – ha puntualizzato Kluge – sono che gli operatori sanitari e sociali, gli over 60 e gli ospiti e il personale delle strutture di assistenza a lungo termine dovrebbero avere la priorità per l’accesso ai vaccini contro Covid-19 in un contesto di offerta limitata». Ma l’operazione vaccino potrà avere successo «solo se ci assicuriamo che nessuno venga lasciato indietro e che tutti i Paesi e le comunità possano trarre vantaggio dall’accesso a questa tecnologia salvavita».

Il riferimento di Kluge è molto chiaro e si basa sui dati di un recente rapporto del Gruppo Eurasia che ha stimolato anche l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il quale evidenzia, con convinzione, che un accesso equo ai vaccini per tutto il mondo possa significare anche importanti vantaggi economici. Mentre lasciare indietro i Paesi meno sviluppati – e dar così possibilità alla pandemia di proseguire – comporterebbe una battuta d’arresto per le economie avanzate.

“Act Accelerator” per una distribuzione equa dei vaccini

Nel rapporto vengono analizzati 10 Paesi – Canada, Francia, Germania, Giappone, Qatar, Corea del Sud, Svezia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Stati Uniti – valutando i benefici legati all’adesione ad Act Accelerator, la collaborazione globale che supporta lo sviluppo e la distribuzione equa di test, farmaci e vaccini anti-Covid.

La condivisione equa si tradurrebbe in 153 miliardi di dollari di benefici nel 2020-21, che salirebbero a 466 miliardi entro il 2025. Il programma Act Accelerator sta facendo i conti con un deficit di finanziamento significativo di 28,2 miliardi di dollari, con 4,3 miliardi di dollari «necessari urgentemente per accelerare» su aree critiche. Altrimenti, fa sapere l’Oms, i Paesi a reddito basso e medio accederanno tardi ai vaccini, la pandemia si protrarrà e con essa anche il peso sull’economia globale.

«Act Accelerator – ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms – è la soluzione globale per porre fine alla fase acuta della pandemia il più rapidamente possibile, garantendo un accesso equo agli strumenti Covid-19. Contribuire ad Act Accelerator non è solo la cosa giusta da fare, è la cosa più intelligente per tutti i Paesi, socialmente, economicamente e politicamente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?
Era il 30 gennaio 2020 quando l'Oms dichiarò l'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Eppure nessun Paese ha implementato misure finché non è stato "troppo tardi"
L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»
Massi (Presidente UNEBA): «Vaccinato il 50% di pazienti e operatori. Colloqui con infettivologo e medico competente per convincere chi non vuole vaccinarsi»
di Federica Bosco
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti
Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»
di Tommaso Caldarelli
La commissione nominata dall’Oms critica la Cina: «Poche azioni forti e incisive all’inizio dell’epidemia»
Il documento prodotto dal gruppo indipendente nominato dall’Oms sottolinea le inefficienze ed i fallimenti della risposta internazionale e nazionale alla pandemia. La stessa Oms «avrebbe dovuto dichiarare in anticipo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale»
Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»
L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia Europea del Farmaco interviene sulla scelta di ritardare la somministrazione della seconda dose: «Se non si tengono conto dei risultati delle sperimentazioni, abbiamo solo perso tempo». E sui decessi in Norvegia: «Le autorità ci devono alcune risposte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...