Salute 29 Agosto 2022 10:01

Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia

La vaccinazione pediatrica non decolla. Fino ad oggi sono stati vaccinati poco più del 35% dei bambini 5-11 anni. Su 6.726.393 dosi disponibili, ne sono state usate 2.595.995. L’Italia dona 150mila dosi alla Tunisia

Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia

Che la vaccinazione contro Covid-19 abbia suscitato resistenze in Italia (e non solo) non è affatto un mistero. Tuttavia, complici anche scelte politiche ben precise, oltre il 90% della popolazione dai 12 anni in su ha completato il ciclo vaccinale primario e oltre l’80% ha fatto il primo richiamo, la terza dose. La quarta dose stenta a decollare: siamo sotto il 30 per cento della platea per cui è stata raccomandata. Ma la fascia della popolazione per cui possiamo parlare di un vero proprio flop della vaccinazione è quella pediatrica, cioè quella che comprende i bambini dai 5 agli 11 anni d’età.

È stato vaccinato solo poco più del 35% dei bambini 5-11 anni

Dallo scorso dicembre, cioè da quando è stato dato il via libera alla vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni d’età, a oggi sono stati vaccinati completamente 1.282.733 bambini, poco più del 35% della platea considerata. Poco più 120mila bambini sono attualmente in attesa della seconda dose. Si tratta di numeri molto bassi se consideriamo il totale delle dosi del vaccino pediatrico della Pfizer, l’unico al momento approvato per questa fascia della popolazione, consegnate: ben 6.726.393. Di queste ne sono state utilizzate 2.595.995. Numerose quindi le scorte non utilizzate.

Donate oltre 150mila dosi di vaccino pediatrico alla Tunisia

L’Italia ha quindi deciso di donare una piccolissima parte del suo vaccino pediatrico alla Tunisia. «Consegnate al porto de La Goulette 154.620 dosi di vaccino pediatrico anti- Covid 19. Un dono del governo italiano a quello tunisino che consolida il ponte di solidarietà e l’amicizia tra i due popoli». Lo scrive l’ambasciata d’Italia in Tunisia, in un post sul proprio account Facebook.

La vaccinazione pediatrica efficace anche contro la variante Omicron

Una così bassa adesione al vaccino anti-Covid pediatrico non ha nulla a che vedere con le evidenze scientifiche fino ad oggi note. Così come per gli adulti, la vaccinazione contro Covid-19 nei bambini conviene sempre. Nonostante il differente schema vaccinale – per i più piccoli sono previste due dosi – e la variante Omicron capace di «aggirare» parzialmente le nostre difese, la vaccinazione nella fascia di età 5-11 anni riduce in maniera importante il rischio di malattia e ricovero. I dati disponibili di uno studio sull’argomento, pubblicati sul New England Journal of Medicine, sono piuttosto eloquenti: nei bambini vaccinati l’efficacia contro l’ospedalizzazione è pari all’83 per cento.

La vaccinazione dei bambini è importante per evitare complicazioni

La comunità scientifica concorda sul fatto che vaccinare i bambini rimane la scelta migliore, in primis proprio per tutelare i più piccoli. Anche se infatti la maggior parte dei bambini superi l’infezione Covid-19 con maggiore successo rispetto alle fasce di popolazione più anziane, la malattia può sempre creare problemi. Le forme gravi sono infatti sempre possibili a qualsiasi età così come la possibilità di sviluppare la sindrome infiammatoria Multisistemica COVID-correlata e le conseguenze a lungo termine del Long-Covid.

La vaccinazione pediatrica protegge dall’ospedalizzazione

Anche contro la variante Omicron la vaccinazione pediatrica conviene sempre, come ha dimostrati l’ampio studio realizzato a Singapore su oltre 250mila bambini. L’analisi ha comparato, nel periodo in cui Omicron è divenuta la variante dominante, l’efficacia della vaccinazione in due dosi del vaccino Pfizer nel prevenire sia la malattia sintomatica sia l’ospedalizzazione. Dalle analisi è emerso che nei bambini vaccinati l’efficacia contro l’infezione è risultata del 65 per cento mentre contro l’ospedalizzazione pari all’83 per cento. Secondo gli esperti, si tratta di risultati importanti che dovrebbero servire a superare le resistenze di molti genitori a far vaccinare i propri figli. Soprattutto in vista del rientro a scuola.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi