Salute 2 Dicembre 2021 16:36

Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili

Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l’Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C’è un rischio miocarditi?

Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili

Dopo il via libera dell’Agenzia italiana del Farmaco (AIFA) è ufficiale: il vaccino anti-Covid Comirnaty di Pfizer-BioNTech è ufficialmente approvato per i bambini dai 5 agli 11 anni nel nostro Paese. Il parere favorevole della Commissione tecnico-scientifica ha seguito quello già espresso dall’EMA, che ha sottolineato che anche in questo caso «i benefici superano i rischi».

«Noi di AIFA esaminiamo gli stessi dati che ha visionato EMA e contestualizziamo le decisioni di EMA nel territorio, la valutazione nazionale è indispensabile. In questo caso abbiamo anche verificato quanto sta circolando il virus nei bambini tra i 5 e gli 11 anni. C’è stata un’impennata nelle ultime settimane per questa fascia d’età” e “i dati che abbiamo sono sufficienti per questa estensione pediatrica», ha detto Patrizia Popoli, presidente della Commissione tecnico-scientifica (Cts) dell’Aifa ospite a Radio anch’io. Non bisogna dimenticare che, sebbene normalmente Covid-19 abbia un decorso abbastanza blando nei più piccoli, ci sono casi in cui è richiesto il ricovero e la terapia intensiva per lo sviluppo della sindrome infiammatoria multisistemica. Sei bambini su 1000, secondo i dati più recenti, la rischiano.

Dosi ed effetti collaterali: rischio miocarditi?

Il vaccino Covid che verrà somministrato ai bambini sarà composto di 1/3 della dose. Per ora gli effetti collaterali constatati nei test clinici restano qualche dolore ai muscoli, febbre e mal di testa. Non ci sono miocarditi nemmeno tra i 3 milioni e 300mila bimbi vaccinati in USA, che ha autorizzato il vaccino un mese prima dell’Europa.

«Le miocarditi associate a vaccini a mRna sono rischi evidenziati con frequenza molto rara e più frequenti nel genere maschile e nella fascia tra 16 e 29 anni, ma va chiarito che si tratta di eventi molto rari intorno a uno o due casi su 100mila e guariscono nella maggior parte dei casi senza neanche un ricovero. È verosimile e ci si attende che tra 5 e 11 anni questo rischio sia ancora più basso, un po’ perché le miocarditi virali hanno in generale un’incidenza minore in questa fascia, e un po’ perché la dose che sarà utilizzata è estremamente ridotta e pari a circa un terzo di quella per adulti e adolescenti», ha detto Maria Paola Trotta, coordinatrice unità di crisi dell’AIFA dedicata al Covid, a 24Mattino.

La disponibilità dei pediatri e la data di inizio delle somministrazioni

Per i minori non sarà necessario obbligo di nessun genere, ma la rete dei pediatri italiani si è già mobilitata per stimolare e rassicurare i genitori. «Siamo pronti a vaccinare, anche se ancora non ci sono le dosi perché per la fascia 5-11 anni non si userà lo stesso vaccino degli adulti ma una quantità diversa, 10 microgrammi invece che 30. Probabilmente si partirà prima del 23 dicembre, immagino da metà mese. La platea dei bambini vaccinabili è di circa 3,5 milioni, tra cui un 10% di fragili e per questi il vaccino deve essere prioritario. Dobbiamo partire subito con le loro immunizzazioni per proteggerli a scuola, a casa e nel tempo libero», ha detto Annamaria Staiano, presidente SIP ad Adnkronos Salute.

Qualche Regione si è già portata avanti negli annunci. Come il Lazio in cui l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha assicurato che dal 13 dicembre si comincerà a vaccinare in hub scelti che per l’occasione verranno attrezzati con clown e personaggi rassicuranti per i più piccoli. Le altre Regioni potrebbero attendere la soglia del 23 dicembre condivisa dal ministro Roberto Speranza, ma anche la Lombardia ha annunciato di voler velocizzare le procedure.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi