Salute 18 Giugno 2020 10:03

Una stella di metallo ferma nella trachea, salvato bimbo di 8 anni al Niguarda

Era bloccata lì da oltre 24 ore, ma il bimbo era seriamente asfittico. Alle due di notte il trasferimento e poi l’intervento

Una stella di metallo ferma nella trachea, salvato bimbo di 8 anni al Niguarda

Aveva una stellina di metallo del diametro di 1 centimetro e mezzo, ferma nella trachea e inalata da più di 24 ore. Un bambino di 8 anni è stato salvato grazie a un intervento d’urgenza all’ospedale Niguarda di Milano. Era arrivato nella notte con trasporto d’urgenza da un’altra struttura milanese, rischiava di soffocare.

«Il piccolo era gravemente asfittico nonostante la stellina fosse stata inalata da tempo, da circa un giorno – ha spiegato Massimo Torre, direttore della Chirurgia toracica – Non si poteva aspettare oltre, alle 2 della notte la sala operatoria e l’équipe erano pronti per la procedura di rimozione».

LEGGI ANCHE BIMBA RECUPERA L’UDITO GRAZIE ALLA RICOSTRUZIONE 3D, E’ LA PRIMA VOLTA IN ITALIA

L’intervento è stato eseguito attraverso un broncoscopio introdotto dalle vie aeree, del diametro di 6 millimetri. «Attraverso questo strumento si inserisce una particolare pinza miniaturizzata con cui si va ad estrarre l’oggetto inalato», ha illustrato Serena Conforti, responsabile della Chirurgia endoscopica del torace.

«Si tratta di un’operazione molto delicata – ha proseguito – che richiede un alto grado di specializzazione per evitare danni alle strutture. In questi casi il corpo era posizionato nella parte alta della trachea appena sotto le corde vocali. Per i bambini più piccoli invece si utilizzano broncoscopi con un diametro di 3-4 mm, cannule dello spessore di una penna con spazi di manovra ancora più limitati, e nei casi più difficili i tempi di intervento possono allungarsi arrivando a superare anche le 3 ore».

LEGGI ANCHE A PRATO IL PRIMO INTERVENTO “SENZA BISTURI” SUL CUORE DI UN PAZIENTE

Il Niguarda affronta circa 15 casi pediatrici di inalazione di corpi estranei all’anno, con età media sotto i 3 anni. Gli oggetti hanno origine biologica oppure meccanica, vanno dai semi fino alle noccioline, spille e parti di giochi. In questo senso, ha spiegato Torre, è essenziale la multi-disciplinarietà del team che si occupa dell’intervento. «Si predilige infatti l’estrazione attraverso la broncoscopia – ha proseguito – ma bisogna essere pronti in corso d’opera a intervenire con la chirurgia open nel caso la prima soluzione non fosse sufficiente. Ed è importante che il passaggio al piano B avvenga in tempi ristrettissimi. Allo stesso modo è importante essere supportati da rianimatori esperti sia durante l’intervento sia nel post operatorio se richiesto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Come sta andando la somministrazione di anticorpi monoclonali in pazienti Covid
Sono 17 i centri lombardi autorizzati, tra cui l'Ospedale Niguarda. Il direttore del reparto di Malattie Infettive Puoti: «Efficace se tempestiva, rapida e precisa. Obiettivo ridurre l’ospedalizzazione del 70%»
di Federica Bosco
Farmaci immunosoppressori per i trapianti di fegato, utili nella battaglia contro il Covid
La scoperta in uno studio europeo coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center del Niguarda di Milano diretto da Luca Belli: «Farmaci come il tacrolimus prevengono forme più gravi e riducono la mortalità e con il cortisone permettono di curare malati Covid anche non trapiantati»
di Federica Bosco
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»
Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie
di Federica Bosco
Un macchinario mantiene il cuore battente per 6 ore: trapianto salvavita per un 45enne al Niguarda
L'attività di trapianto prosegue nonostante le difficoltà nell'ospedale milanese. Il direttore del reparto di cardiochirurgia Russo: «Non è stato facile»
«Papà ti saluta, non so se ci conosceremo»: le ultime parole di Carlo prima della sua lotta (con lieto fine) contro il Covid-19
Il 39enne siciliano, dopo 24 giorni all'ospedale Niguarda, racconta la sua storia: «Delle prime 48 ore ricordo solo la sensazione di paura. Poi ho sconfitto il virus, e lo stesso giorno è nato mio figlio»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano