Salute 16 Dicembre 2020 02:04

Farmaci immunosoppressori per i trapianti di fegato, utili nella battaglia contro il Covid

La scoperta in uno studio europeo coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center del Niguarda di Milano diretto da Luca Belli: «Farmaci come il tacrolimus prevengono forme più gravi e riducono la mortalità e con il cortisone permettono di curare malati Covid anche non trapiantati»

di Federica Bosco

1500 pazienti in lista d’attesa per un trapianto di fegato, 113 soggetti sottoposti ad intervento nei primi 10 mesi del 2020. Questi i numeri del Transplant Center dell’Ospedale Niguarda di Milano, numeri che hanno reso necessario nei momenti di maggiore criticità della pandemia da Covid, lo scorso mese di marzo, lo sforzo di non interrompere l’attività, ma anche di studiare il migliore approccio possibile alla terapia antirigetto nei trapiantati di fegato con infezione da Sars–Cov-2.

250 pazienti Covid trapiantati migliorano con Tacrolimus

Ne è nato uno studio coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center dell’Ospedale Niguarda di Milano con il coinvolgimento di 250 pazienti Covid di oltre 40 centri trapianto europei che è stato pubblicato nei giorni scorsi nella prestigiosa rivista scientifica Gastroenterology con interessati risultati.

A confermarlo è Luca Belli, direttore dell’Epatologia e Gastroenterologia e principale “investigator” nella ricerca. «Lo studio ha consentito di arrivare a due importanti risultati – spiega –. Da un lato è emerso che i farmaci immunosoppressori, in particolare il Tacrolimus, non hanno peggiorato il quadro clinico di soggetti trapiantati malati di Covid e al tempo stesso si sono rivelati utili per prevenire forme più gravi e per ridurre significativamente la mortalità. Dall’altra – prosegue – è emerso che questo farmaco, utile ai trapiantati, potrebbe curare, insieme al cortisone, malati Covid gravi anche se non trapiantati. Ed è quanto stanno valutando ora in Spagna in uno studio prospettico».

Una ricerca internazionale indipendente attraverso la rete europea ESOT/ELITA

Un risultato che per il direttore dell’Epatologia e Gastroenterologia del Niguarda è stato possibile grazie alla ricerca indipendente  e alla collaborazione dei clinici e della comunità scientifica «senza alcun finanziamento delle aziende farmaceutiche» precisa Belli nel raccontare i primi momenti di emergenza sanitaria che hanno gioco forza coinvolto anche il reparto trapianti.

«A marzo durante la prima ondata del Covid, i nostri professionisti del centro trapianti si sono allarmati per i pazienti in lista, molti dei quali giovani, e con comorbidità, e soprattutto per quelli con un’anzianità di trapianto di 10 o 20 anni. Per far fronte a questa situazione – continua – è iniziata una collaborazione internazionale con colleghi di altri Stati, lontani geograficamente, ma con gli stessi problemi, e si è deciso di condividere un registro per monitorare i trapiantati di fegato di molti centri europei».

La condivisione di questi dati attraverso la rete europea ESOT/ELITA (European Society for Organ Transplantation e European Liver Transplant Association) e il registro internazionale ELTR (European Liver Transplant Registry) ha permesso di raccogliere le informazioni di 250 pazienti di 149 centri di trapianto europei arrivando ad importanti risultati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole
Molti controlli da parte delle forze dell’Ordine, ma poche multe. Ristoranti e bar si riconvertono al delivery e la Campania zona gialla non va proprio giù a molti milanesi. La cronaca
di Federica Bosco
Seconda ondata Covid-19, i medici che chiedono il lockdown immediato
Gli appelli alle istituzioni degli Ordini di Milano, Torino e Oristano affinché si predisponga velocemente un efficace lockdown per contenere l'epidemia
Scuola di chirurgia robotica, al via il primo corso dell’Università Statale all’Ospedale San Paolo di Milano
Il professor Paolo Pietro Bianchi direttore della Chirurgia 1: «Precisione e sicurezza con un sistema a doppia consolle, molto simile a quello delle scuole guida. Il chirurgo senior è in grado di bloccare o attivare gli strumenti che il chirurgo più giovane sta utilizzando in ogni momento dell’intervento»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...