Salute 25 Maggio 2020 11:00

Un macchinario mantiene il cuore battente per 6 ore: trapianto salvavita per un 45enne al Niguarda

L’attività di trapianto prosegue nonostante le difficoltà nell’ospedale milanese. Il direttore del reparto di cardiochirurgia Russo: «Non è stato facile»

Una macchina rivoluzionaria, un cuore mantenuto vitale per sei ore dopo il prelievo e prima del trapianto. È successo a Milano, all’ospedale Niguarda, dove un paziente di 45 anni è stato sottoposto a un intervento salvavita allungando il periodo di conservazione dell’organo prelevato. L’uomo era affetto da una cardiomiopatia molto grave e si trovava da tempo in terapia intensiva.

Il macchinario portatile utilizzato per il trasporto del cuore si trova in soli tre centri d’Italia e permette di arrivare da quattro a sei ore di conservazione dell’organo espiantato. Una misura essenziale quando il tempo non basta ma deve bastare.

Come è successo all’equipe milanese, che si è trovata a dover completare alcune analisi impreviste sul cuore prelevato prima di dare il via libera per l’utilizzo. Il cuore arrivava dall’ospedale di Varese, dove al momento del prelievo ci si è accorti della presenza di un nodulo sospetto per tumore al polmone nel donatore. A raccontarlo è Claudio Russo, direttore del reparto di cardiochirurgia.

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIU’ COLPITI DA COVID-19. MA NON E’ L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

«Se confermato avrebbe impedito il trapianto – racconta –. Purtroppo i tempi necessari per l’analisi di questo nodulo sarebbero stati incompatibili con la possibilità di preservare la funzionalità del cuore se prelevato con le normali procedure di protezione cardiaca».

Di norma la conservazione dell’organo si ottiene infondendolo in una soluzione a 4 C° che lo arresta, per poi immergerlo in una soluzione ghiacciata. Questa modalità è tuttavia efficace per un massimo di quattro ore. «Con il macchinario a perfusione portatile, invece, questo limite può essere tranquillamente superato. Addirittura in un caso ci ha permesso di mantenere il cuore vitale e battente per 7 ore e 20 minuti: si tratta di una delle permanenze fuori dal torace più alte mai registrate nel panorama mondiale», sottolinea Russo.

Il cuore viene prelevato e alloggiato con la pompa di perfusione in una teca di plexiglass sterile, dove torna a battere grazie alla perfusione continua con il sangue del donatore. Sangue che viene ossigenato e riscaldato a 34 gradi dal sistema stesso. Grazie alla tecnologia wireless, chirurghi e perfusionisti possono poi seguire i parametri fisiologici in tempo reale.

L’emergenza Covid-19 non ha fermato i trapianti, spiegano gli esperti della struttura. «Sono 7 i trapianti di cuore realizzati al Niguarda dall’inizio del 2020, di cui 4 nei mesi di picco della pandemia – specifica lo specialista –. Non è stato facile, perché questi pazienti hanno bisogno di assistenza nelle terapie intensive dopo l’intervento, ma siamo comunque riusciti a portare avanti l’attività».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Defibrillatori, il caso della legge ‘salvavita’ bloccata da MEF e Ministero della Salute. Le associazioni: «Fate presto»
Un Ddl approvato alla Camera all’unanimità giace da un anno e mezzo al Senato ostaggio di pareri che non arrivano. Ogni anno 60mila vittime per arresto cardiaco: con un intervento tempestivo si potrebbero ridurre del 40%. Gli esempi virtuosi del Progetto Vita a Piacenza e dell’associazione “Lorenzo Greco onlus” di Torino
Come sta andando la somministrazione di anticorpi monoclonali in pazienti Covid
Sono 17 i centri lombardi autorizzati, tra cui l'Ospedale Niguarda. Il direttore del reparto di Malattie Infettive Puoti: «Efficace se tempestiva, rapida e precisa. Obiettivo ridurre l’ospedalizzazione del 70%»
di Federica Bosco
Colesterolo, Pes: «Identificare corretta combinazione di terapie ipolipemizzanti per raggiungere target»
«Quanto più si riduce il valore del colesterolo LDL tanto più si abbassa l’incidenza degli eventi cardiovascolari – spiega la dottoressa Rosanna Pes a Sanità Informazione -. L’obiettivo è scoprire quelle molecole che, spesso in associazione, ci permettono di raggiungere i target terapeutici»
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Dall’esperienza del portale “Covid e cuore” nasce “Cuore e…”
Gianfranco Gensini, direttore scientifico IRCCS Multimedica Milano, spiega le motivazioni dell’evoluzione e i driver che hanno portato a questa scelta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 aprile, sono 142.964.759 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.044.492 i decessi. Ad oggi, oltre 919,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...