Salute 25 Maggio 2020 11:00

Un macchinario mantiene il cuore battente per 6 ore: trapianto salvavita per un 45enne al Niguarda

L’attività di trapianto prosegue nonostante le difficoltà nell’ospedale milanese. Il direttore del reparto di cardiochirurgia Russo: «Non è stato facile»

Una macchina rivoluzionaria, un cuore mantenuto vitale per sei ore dopo il prelievo e prima del trapianto. È successo a Milano, all’ospedale Niguarda, dove un paziente di 45 anni è stato sottoposto a un intervento salvavita allungando il periodo di conservazione dell’organo prelevato. L’uomo era affetto da una cardiomiopatia molto grave e si trovava da tempo in terapia intensiva.

Il macchinario portatile utilizzato per il trasporto del cuore si trova in soli tre centri d’Italia e permette di arrivare da quattro a sei ore di conservazione dell’organo espiantato. Una misura essenziale quando il tempo non basta ma deve bastare.

Come è successo all’equipe milanese, che si è trovata a dover completare alcune analisi impreviste sul cuore prelevato prima di dare il via libera per l’utilizzo. Il cuore arrivava dall’ospedale di Varese, dove al momento del prelievo ci si è accorti della presenza di un nodulo sospetto per tumore al polmone nel donatore. A raccontarlo è Claudio Russo, direttore del reparto di cardiochirurgia.

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIU’ COLPITI DA COVID-19. MA NON E’ L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

«Se confermato avrebbe impedito il trapianto – racconta –. Purtroppo i tempi necessari per l’analisi di questo nodulo sarebbero stati incompatibili con la possibilità di preservare la funzionalità del cuore se prelevato con le normali procedure di protezione cardiaca».

Di norma la conservazione dell’organo si ottiene infondendolo in una soluzione a 4 C° che lo arresta, per poi immergerlo in una soluzione ghiacciata. Questa modalità è tuttavia efficace per un massimo di quattro ore. «Con il macchinario a perfusione portatile, invece, questo limite può essere tranquillamente superato. Addirittura in un caso ci ha permesso di mantenere il cuore vitale e battente per 7 ore e 20 minuti: si tratta di una delle permanenze fuori dal torace più alte mai registrate nel panorama mondiale», sottolinea Russo.

Il cuore viene prelevato e alloggiato con la pompa di perfusione in una teca di plexiglass sterile, dove torna a battere grazie alla perfusione continua con il sangue del donatore. Sangue che viene ossigenato e riscaldato a 34 gradi dal sistema stesso. Grazie alla tecnologia wireless, chirurghi e perfusionisti possono poi seguire i parametri fisiologici in tempo reale.

L’emergenza Covid-19 non ha fermato i trapianti, spiegano gli esperti della struttura. «Sono 7 i trapianti di cuore realizzati al Niguarda dall’inizio del 2020, di cui 4 nei mesi di picco della pandemia – specifica lo specialista –. Non è stato facile, perché questi pazienti hanno bisogno di assistenza nelle terapie intensive dopo l’intervento, ma siamo comunque riusciti a portare avanti l’attività».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Giornata mondiale del cuore 2021, nel 2030 i morti saranno 24 milioni l’anno
Il World Heart Day si celebra il 29 settembre di ogni anno. Gli esperti si confrontano su priorità piani e politiche di contrasto alle patologie cardiovascolari
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
Trapianto di rene da vivente, nuova strategia nazionale approvata in Conferenza Stato-Regioni
Recepito con un accordo il documento elaborato dal Centro nazionale trapianti: obiettivo quello di incrementare la donazione da vivente e aumentare le possibilità di trapianto per gli oltre 6mila nefropatici in lista d’attesa
Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»
«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore per due motivi. L’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia e gli scontri di gioco possono colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?