Salute 22 Aprile 2020 12:29

Una Bio-Banca per custodire il “capitale” umano che potrebbe salvarci dal Coronavirus

La Banca Biologica sorgerà all’interno dell’ospedale Sacco di Milano. Il preside della Facoltà di Medicina della Statale: «La raccolta dei campioni è stata già avviata in molti ospedali italiani. Confidiamo di inaugurare la Bio-Banca entro tre mesi per convogliare tutti i materiali in un’unica struttura progettata per conservarli a lungo»

di Isabella Faggiano

Accelerare la diagnosi, sperimentare un vaccino e trovare terapie efficaci. È per puntare a questi tre obiettivi che aprirà, in Italia, la prima Banca Biologica dedicata al Covid-19. «All’interno della Bio-Banca saranno raccolti tessuti, sangue, urine di pazienti affetti da Coronavirus che avranno prestato il loro consenso per la conservazione», spiega Gian Vincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Statale di Milano.

La Banca Biologica sorgerà all’interno dell’ospedale Sacco di Milano, in collaborazione con l’Ateneo Statale del capoluogo lombardo, grazie ad una donazione del Banco BPM di oltre 800mila euro.

Al progetto sarà dedicata un’area di circa 280 metri quadri, situata al piano interrato del Padiglione 62 del nosocomio milanese. Lo spazio sarà suddiviso in quattro locali: uno dedicato all’accettazione dei campioni, un altro alla Bio-Banca vera e propria che, in una superficie di 170 mq, sarà in grado di ospitare oltre 18 contenitori criogenici, un terzo ai congelatori, sempre destinati alla conservazione di materiali, e un ultimo locale sarà riservato agli impianti tecnologici a servizio della Banca Biologica.

LEGGI ANCHE: I RICERCATORI DELL’ISTITUTO SPALLANZANI ISOLANO IL VIRUS SARS-CoV-2 NELLE LACRIME DI UNA PAZIENTE

«Confidiamo di inaugurare entro tre mesi – commenta Zuccotti -. Non possiamo aspettare di più. Intanto, però, la raccolta dei campioni è stata già avviata in molti ospedali italiani. Ed è proprio per evitare che tutto questo materiale venga perso che abbiano ritenuto necessario ed urgente ideare una struttura di questo tipo: solo all’interno di una Bio-Banca, adeguatamente progettata e strutturata, è possibile conservare a lungo i materiali biologici».

Custodire con cura i tessuti, il sangue e tutti i campioni biologici dei pazienti che hanno contratto il Coronavirus significa investire sul futuro: «Siamo stati colpiti in maniera improvvisa e veloce da questa pandemia e stiamo cercando di capirne i meccanismi patogenetici, ma è estremamente difficile portare avanti un accurato lavoro di ricerca mentre ci troviamo ancora nel pieno dell’emergenza – spiega il preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Statale di Milano -. Ma quando questa pandemia rallenterà un po’ la presa – e ci auguriamo avvenga tra breve – dovremo dedicare tutto il nostro tempo e le nostre energie alla ricerca, così da essere pronti ad affrontare un’eventuale nuova ondata del Covid-19. E, a tale scopo, il materiale biologico raccolto e conservato nella Bio-Banca sarà di fondamentale importanza. Rappresenterà una grande opportunità per lo studio e lo sviluppo di strategie diagnostiche e terapeutiche, incluse quelle vaccinali».

LEGGI ANCHE: VACCINO CONTRO IL COVID-19, A CHE PUNTO SONO LE SPERIMENTAZIONI CONDOTTE IN TUTTO IL MONDO?

E raccogliere i materiali biologici dei pazienti di tutta Italia in un unico luogo avrà anche un altro vantaggio: renderà gli studi italiani competitivi a livello internazionale. «La quantità di campioni che è solitamente possibile conservare in un singolo ospedale – specifica Zuccotti – non sarebbe sufficiente al completamento di uno studio che abbia una valenza internazionale. La quantità di materiale a disposizione nella Banca Biologica, invece, lo sarebbe senz’altro».

A completare il progetto la realizzazione di una idonea area tecnica per l’installazione del serbatoio di azoto a servizio della Banca Biologica, posta all’esterno del padiglione 62 e facilmente raggiungibile dai mezzi per il relativo rifornimento. «Saranno i docenti e i ricercatori dell’Università degli Studi di Milano – conclude Zuccotti – a garantire l’efficienza e il funzionamento della prima Bio-Banca Covid-19 d’Italia».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...