Salute 5 Giugno 2017

Troppe sigarette in ospedale. L’allarme del Ministero della Salute

«Multe al personale sanitario che fuma negli spazi ospedalieri. Serve informazione e maggiore consapevolezza, soprattutto da parte di chi lavora per salvaguardare la salute e deve dare il buon esempio». L’intervista a Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione e Comunicazione del Ministero della Salute

Fumare negli spazi ospedalieri. A farlo sono in tanti, non solo i pazienti e le famiglie in visita ma anche, soprattutto, il personale sanitario. A lanciare l’allarme, in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco, è Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione e Comunicazione del Ministero della Salute.

«Una realtà che fa riflettere. La nuvola di fumo ce l’aspettiamo nelle sale scommesse ma non certo negli ospedali – dichiara la Dottoressa Galeone intervenuta alla presentazione dei dati sul Fumo in Italia da parte dell’Ossfad dell’Istituto Superiore di Sanità -. Abbiamo bisogno di una maggiore informazione, una maggiore educazione alla consapevolezza anche negli stessi ambienti sanitari, perché non possiamo essere noi, personale sanitario, che insegniamo come comportarsi, se poi siamo i primi a non dare il buon esempio. Ritengo che ci sia una volontà anche da parte delle direzioni sanitarie, quindi da parte di chi coordina le strutture, di agire con maggior forza contro il fumo. Personalmente sono anche disponibile a un’estensione complessiva del divieto di fumo in tutti gli spazi ospedalieri, non solo quelli ginecologici o pediatrici, ma tutti i reparti. Quindi contiamo in un prossimo futuro di avere veramente dei luoghi in cui si promuove la salute dove il tabacco non sia il benvenuto».

«Sappiamo tutti che non esiste una misura unica per sconfiggere il tabagismo – prosegue la Dottoressa –  bisogna lavorare su più fronti. Quindi ben venga il lavoro che si fa nelle scuole, ben venga il sostegno ai centri antifumo, ben vengano gli interventi che si fanno sui luoghi di lavoro. Poi ovviamente ci vogliono anche le norme, ci vuole la regolamentazione, ci vogliono i controlli sul rispetto della norma».

«Su questo tema – continua – è inquietante il dato emerso in questi giorni che segnala l’aumento di donne fumatrici. Speriamo di essere arrivati a un punto di non ritorno, nel senso che la percentuale degli uomini e delle donne ormai è equivalente, adesso speriamo nel prossimo futuro di registrare un calo significativo. Stiamo lavorando soprattutto sui giovani attraverso le scuole, i piani nazionali della prevenzione, ovviamente i risultati li vedremo tra qualche anno».

Articoli correlati
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
Ricerca, assegnati 95 mln di euro per nuovi progetti. Grillo: «Dobbiamo valorizzare il nostro “made in Italy”»
Attraverso il Bando della Ricerca Finalizzata 2018 sono stati esaminati oltre 1.700 progetti. 5 milioni sono andati a ricercatori under 33
Sanità e benessere animale, all’Assemblea OIE focus sulla riduzione degli ostacoli alle esportazioni di prodotti di origine animale
Si è chiusa l’87a Sessione dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale. Per l’Italia c’era Silvio Borrello, Capo dei servizi veterinari e Direttore generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute
Firenze, l’immaginazione guidata al Meyer riduce ansia e stress nei bambini
Le tecniche di immaginazione guidata aiutano, nei bambini, a diminuire l’ansia pre e post operatoria. È quanto dimostra uno studio dell’ospedale pediatrico fiorentino delle psicologhe del servizio di Psicologia dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze in collaborazione con il Servizio di Terapia del dolore e Cure Palliative e da poco pubblicato su “European Journal of Pediatrics”. […]
Giornata senza Tabacco, è emergenza: un ragazzo su cinque fuma, tra le signore aumentano tumori al polmone
Entro il 2030 moriranno, ogni anno, oltre 8 milioni di fumatori. Tiseo (oncologo): «In due casi su tre la diagnosi arriva quando il tumore è inoperabile. Per questi pazienti terapie innovative che allungano la vita»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano