Salute 5 giugno 2017

Troppe sigarette in ospedale. L’allarme del Ministero della Salute

«Multe al personale sanitario che fuma negli spazi ospedalieri. Serve informazione e maggiore consapevolezza, soprattutto da parte di chi lavora per salvaguardare la salute e deve dare il buon esempio». L’intervista a Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione e Comunicazione del Ministero della Salute

Fumare negli spazi ospedalieri. A farlo sono in tanti, non solo i pazienti e le famiglie in visita ma anche, soprattutto, il personale sanitario. A lanciare l’allarme, in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco, è Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione e Comunicazione del Ministero della Salute.

«Una realtà che fa riflettere. La nuvola di fumo ce l’aspettiamo nelle sale scommesse ma non certo negli ospedali – dichiara la Dottoressa Galeone intervenuta alla presentazione dei dati sul Fumo in Italia da parte dell’Ossfad dell’Istituto Superiore di Sanità -. Abbiamo bisogno di una maggiore informazione, una maggiore educazione alla consapevolezza anche negli stessi ambienti sanitari, perché non possiamo essere noi, personale sanitario, che insegniamo come comportarsi, se poi siamo i primi a non dare il buon esempio. Ritengo che ci sia una volontà anche da parte delle direzioni sanitarie, quindi da parte di chi coordina le strutture, di agire con maggior forza contro il fumo. Personalmente sono anche disponibile a un’estensione complessiva del divieto di fumo in tutti gli spazi ospedalieri, non solo quelli ginecologici o pediatrici, ma tutti i reparti. Quindi contiamo in un prossimo futuro di avere veramente dei luoghi in cui si promuove la salute dove il tabacco non sia il benvenuto».

«Sappiamo tutti che non esiste una misura unica per sconfiggere il tabagismo – prosegue la Dottoressa –  bisogna lavorare su più fronti. Quindi ben venga il lavoro che si fa nelle scuole, ben venga il sostegno ai centri antifumo, ben vengano gli interventi che si fanno sui luoghi di lavoro. Poi ovviamente ci vogliono anche le norme, ci vuole la regolamentazione, ci vogliono i controlli sul rispetto della norma».

«Su questo tema – continua – è inquietante il dato emerso in questi giorni che segnala l’aumento di donne fumatrici. Speriamo di essere arrivati a un punto di non ritorno, nel senso che la percentuale degli uomini e delle donne ormai è equivalente, adesso speriamo nel prossimo futuro di registrare un calo significativo. Stiamo lavorando soprattutto sui giovani attraverso le scuole, i piani nazionali della prevenzione, ovviamente i risultati li vedremo tra qualche anno».

Articoli correlati
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
Palermo, rinnovate e digitalizzate le sale operatorie dell’ospedale Giglio di Cefalù
Un investimento di risorse pari a circa un milione di euro e un intervento durato un mese. «È stato fatto un ulteriore passo avanti – afferma il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano – per una sanità 4.0. Lavoriamo per realizzare un ospedale pronto a competere con le migliori realtà siciliane». Le novità? «Nelle sale operatorie […]
Come usare abbreviazioni, acronimi e sigle nella prescrizione di un farmaco: arriva la raccomandazione del Ministero
L’uso di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli, sebbene sia prassi comune durante la gestione del farmaco in ospedale e sul territorio, può causare errori e danni ai pazienti. Scrivere, ad esempio, il nome del principio attivo abbreviato invece che per esteso può portare a scambiare farmaco, oppure “1,0 mg” (invece che “1 mg”) può essere […]
Iss, dopo le dimissioni di Ricciardi lasciano anche Remuzzi, Santoro e Vitale. E scoppia la polemica
Dopo le dimissioni di Walter Ricciardi, altri tre figure apicali lasciano l’Istituto Superiore di Sanità. Si tratta di Giuseppe Remuzzi (componente del Cda), Armando Santoro e Francesco Vitale (membri del Comitato scientifico). A scatenare la polemica, le dichiarazioni di Remuzzi sulle motivazioni alla base delle dimissioni, riportate dall’Ansa, secondo le quali l’indipendenza scientifica dell’ente non […]
Fumo, il modo più efficace per smettere è combinazione di counseling e farmaci. Che funzionano, e sono sicuri
Le sigarette sono una delle principali cause di morte prevenibile al mondo, eppure solo un paziente su quattro riceve consigli dal proprio medico per affrontare il problema. Tra i motivi, anche la scarsa conoscenza degli operatori sanitari delle cure per la dipendenza tabagica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...