Salute 22 Aprile 2021 12:38

Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»

Con il segretario dell’Associazione emo-dializzati Lazio parliamo di trapianti e pandemia: le operazioni rimandate, le differenze regionali sui vaccini e le richieste urgenti che la comunità di pazienti rivolge al Sistema sanitario

Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»

Subire un trapianto o essere in attesa di riceverlo può far sentire i pazienti molto soli. Mesi di ansie, paure indicibili e un forte peso sulla persona e la sua famiglia. Lo era già prima che il mondo cambiasse volto e adesso, che nell’aria si muove un pericolo invisibile, gestire una simile situazione è diventato ancora più difficile. Per i tanti che la affrontano, le Associazioni di supporto sono un elemento vitale.

Sanità Informazione ha incontrato Paolo Carletti, segretario regionale Lazio ANED (Associazione nazionale emo-dializzati), per una panoramica su quello che è successo durante la pandemia. La prima criticità, secondo lui, è da rintracciarsi nei sistemi sanitari a diverse velocità che hanno fatto di ogni Regione un organismo a parte. «Non abbiamo nemmeno 21 sistemi sanitari diversi – spiega – ma uno per ogni Asl, in quanto l’esperienza di quest’anno ci ha insegnato che persone che vivevano nella stessa strada ma appartenevano a due Asl diverse, sono state vaccinate a distanza di due mesi l’una dall’altra».

I numeri dei trapianti in Italia

I pazienti in attesa di trapianto in Italia sono circa novemila all’anno, snocciola Carletti, e nel 2019 c’era stata una discreta riduzione arrivando a 8.600, «che sono ritornati a novemila nel 2020». «Ogni anno – prosegue – vengono assicurati dalla rete dei trapianti in Italia 3.813 trapianti di organo: anche questi purtroppo si sono ridotti. Quindi è chiaro che con simili numeri si attende in lista d’attesa per tre anni, un periodo di grandissime ansie, di timori e incertezze».

Timori che si riflettono direttamente sulle Associazioni. «Noi come Associazioni li viviamo fortemente – specifica – stando vicini alle persone che si trovano in questo stato, provando a dare loro conforto con i dati scientifici. Ma allo stesso tempo le incertezze che in questo anno di pandemia sono aumentate per noi persone sane, si può immaginare quanto abbiano pesato sui malati. I pazienti si sono visti un po’ abbandonati».

Terapie intensive occupate e vaccini a rilento

Inoltre l’utilizzo massivo delle terapie intensive, dedicate per la quasi totalità ai pazienti Covid, ha tolto molte disponibilità ai trapianti per i quali la rianimazione è un elemento fondamentale. «Così le visite – insiste Carletti – che periodicamente dovevano fare le persone che hanno patologie croniche si sono dovute rinviare, un problema grandissimo se abbinato alla mancanza di vaccini. Senza contare che tutti i pazienti con una o più morbilità sono stati colpiti in maniera molto superiore dal Covid, hanno contratto in maniera maggiore l’infezione e purtroppo sono morti in misura molto maggiore».

Ora che le vaccinazioni sono in moto, il segretario Aned ricorda però le immense differenze regionali: «Nel Lazio a gennaio la maggior parte dei dializzati era già stata vaccinata con la seconda dose, in altre regioni solo ad aprile hanno iniziato la vaccinazione». Un sistema che invece di livellare le cure crea disparità che aumentano le preoccupazioni dei pazienti.

Le donazioni, da Biotest Italia un buon esempio

In questo contesto, una bella luce possono essere le donazioni. Recentemente Biotest Italia ha devoluto 100mila euro al Centro nazionale trapianti, alla presenza anche del dottor Carletti in rappresentanza delle Associazioni dei pazienti. «In un sistema istituzionale come quello italiano – commenta – con una fortissima carenza di disponibilità finanziaria, le donazioni sono fondamentali: al di là della pandemia, nel 2018 erano circa 25 miliardi le risorse complessive destinate dal nostro Paese alla ricerca, di questi quasi 16 provenienti dal settore privato. La donazione al Cnt ha un valore straordinario perché dimostra quanta vitalità ci sia nella nostra società. Laddove lo Stato viene meno, ecco che il volontariato e l’associazionismo insieme alle società che fanno ricerca possono essere un grande ausilio e sopperire alle mancanze».

Ora si riapre, qualcosa deve cambiare

Di fronte alle prossime riaperture e a quella che si configura come una ripresa, il ministro della Salute Roberto Speranza ha più volte inneggiato a una nuova sanità. Fatta di telemedicina, di territorio e di innovazione per stare sempre più vicino a chi è malato. Al dottor Carletti abbiamo chiesto cosa servirebbe alle Associazioni di supporto ai trapiantati per fare davvero il cambio di passo.

«Abbiamo sempre posto l’accento sul Piano nazionale delle cronicità – spiega – un piano adottato nel 2016 che soltanto otto regioni hanno recepito. Un dato che parla da sé. Abbiamo chiesto più attenzione verso il malato lavoratore, perché le malattie croniche colpiscono in tutte le fasce di età e molti sono lavoratori che rischiano di perdere il posto». Al centro i giorni obbligatori per la terapia di dialisi salvavita: «Per i dializzati il periodo di astensione obbligatorio, in cui devono andare in ospedale tre volte alla settimana, è considerato come “malattia”». Rientra quindi «nel periodo di comporto: cioè quel periodo di assenza massimo che non si può oltrepassare, altrimenti si viene licenziati. Da anni chiediamo che le ore di dialisi non vengano computate in questo periodo, che è fondamentale».

Rivedere il prontuario farmaceutico e un Ssn davvero gratuito per tutti

Bisognerebbe «rivedere il prontuario farmaceutico, perché molti malati cronici che devono assumere farmaci come terapie salvavita li trovano a pagamento e per questi, oltre la divisione per fasce di reddito, sarebbe necessario garantire gratuità». Ancora l’importanza dell’accesso alle cure: «circa 40 miliardi di spesa sanitaria sono di derivazione privata e questo comporta un disequilibrio nell’accesso alle cure. Chi non ha disponibilità economiche è svantaggiato rispetto a chi non può permettersi una polizza integrativa sanitaria, quindi sarebbe fondamentale che ci fosse un servizio sanitario nazionale gratuito per tutti davvero».

La stoccata finale va alla Pubblica amministrazione, contro cui spesso i malati cronici si scontrano vedendo un sistema sordo alle loro richieste. «In questi mesi – conclude Carletti – tantissimi pazienti ci hanno chiamato per un sostegno e un supporto nel prenotare un vaccino, perché privi di strumenti informatici. Altri hanno avuto problemi nel rinnovo della patente di guida: ancora oggi nonostante la normativa che equipara la licenza di guida a quella di una persona sana le commissioni mediche pongono ostacoli. La riforma della PA se è necessaria per i cittadini è vitale per i pazienti cronici e per le persone che cerchiamo di rappresentare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Trapianti, Biotest dona 100mila euro al CNT. L’Ad Audisio: «Scienza fatta con passione vince sempre»
Un aiuto al mondo dei trapianti, che ha subito una leggera flessione durante la pandemia. Biotest Italia, che opera da anni in questo campo, dona 100mila euro. Con l'Ad Silvio Audisio parliamo del ruolo delle case farmaceutiche in questo momento storico
Trapianti, Spada (Bambino Gesù): «Nel 2020 flessione del 10%. Ora vaccinare chi è in lista d’attesa»
Il professor Spada, responsabile della Chirurgia epato-bilio-pancreatica al Bambino Gesù, parla dell'attività di trapianti in Italia durante la pandemia e dell'importanza che ha avuto l'organizzazione per non ritardare le operazioni salvavita
Al Policlinico di Milano un trapianto domino di fegato salva due vite
L’intervento durato 18 ore ha coinvolto 40 professionisti ed è stato coordinato dal professor Rossi, direttore di Chirurgia Generale: «Lavoro eccezionale perché eseguito in un momento critico per la sanità. Nonostante l’emergenza Covid, tutto l’ospedale coinvolto nella lunga maratona per il doppio trapianto»
di Federica Bosco
Trapianti, da Biotest Italia 100mila euro per sostenere donazione di organi e tessuti ai tempi del Covid
I fondi serviranno a supportare i pazienti attraverso progetti delle associazioni della Rete trapianti. L’azienda ha poi donato il LegoWall “Be a donor. Be a hero” dell’artista Ale Giorgini, che rappresenta simbolicamente il valore della donazione, all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
Scambio di reni per trapianto tra Roma e Malaga. È la prima donazione incrociata da inizio pandemia
Protagoniste due donatrici viventi. A ricevere l’organo il figlio dell’una e il marito dell’altra. Gli interventi sulla coppia italiana eseguiti al Policlinico Gemelli: i pazienti stanno bene
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco