Salute 30 Marzo 2021 17:41

Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»

Arriva il primo report della missione Oms in Cina per trovare l’origine della pandemia. Ancora molti gli interrogativi, ma l’ipotesi di laboratorio sembra la meno indicata

Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»

Tornare indietro e trovare una spiegazione è ancora difficile. L’indagine dell’Organizzazione mondiale della Sanità sull’origine di Sars-CoV-2 non è arrivata ad un punto definitivo e richiederà ulteriori mesi di studio. Gli esperti inviati in Cina lo scorso gennaio per 15 giorni hanno raccolto dati e fatto rilevazioni con la collaborazione degli scienziati del posto, ma stabilire una linea temporale continua a risultare complesso.

«Per quanto riguarda l’Oms – ha spiegato il direttore generale dell’Organizzazione Tedros Adhanom Ghebreyesus – tutte le ipotesi restano sul tavolo». Il dg ha presentato il rapporto stilato dal team internazionale definendolo “un inizio”. «Non abbiamo ancora trovato la fonte del virus e dobbiamo continuare a seguire la scienza e non lasciare nulla di intentato», ha aggiunto. Trovare l’inizio della pandemia è un dovere, anche «per poter scongiurare che una cosa simile accada nuovamente».

Il team ha visitato i laboratori di Wuhan e valutato l’ipotesi di un errore. «Tuttavia, non credo che questa valutazione sia stata sufficientemente ampia. Sebbene il team abbia concluso che una perdita di laboratorio è l’ipotesi meno probabile, questo aspetto richiede ulteriori indagini, potenzialmente con missioni aggiuntive che coinvolgano esperti specializzati, che sono pronto a schierare» ha detto Ghebreyesus.

Ora gli scienziati sperano di poter accedere anche ai campioni biologici raccolti a settembre 2019, materiale che è ancora difficile reperire. «Mi aspetto futuri studi collaborativi che includano una condivisione dei dati più tempestiva e completa» si è augurato il dg Oms.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»
Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef
23 milioni di bambini hanno saltato almeno una dose di un vaccino di base nel 2020, 17 milioni probabilmente non ne hanno ricevuta nemmeno una. Oms e Unicef chiedono ai paesi di tornare a impegnarsi per evitare focolai multipli
Mi sono vaccinato e non ho avuto effetti collaterali, vuol dire che il vaccino non ha funzionato?
Esiste una correlazione tra effetti collaterali e risposta immunitaria? Ecco cosa dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità
Origini Sars-Cov-2, Galli e Ciccozzi: «Improbabile fuga da laboratorio». Ippolito: «Non si può escludere ma servono dati»
Alla Camera il dibattito tra esperti nel corso delle audizioni per l’istituzione della Commissione d’inchiesta sulle cause dello scoppio della pandemia di Sars-CoV-2 con un focus sul comportamento delle autorità cinesi. Al Nord Italia due varianti già a febbraio 2020
In Africa, Asia e America Latina risalgono i contagi. Oms chiede di non dimenticare gli altri paesi
Mentre Europa e Usa si stabilizzano Africa, Indonesia e Colombia fissano nuovi record e affrontano la terza ondata. L'Oms lancia l'allarme vaccini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 luglio, sono 195.977.069 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.187.473 i decessi. Ad oggi, oltre 3,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea