Salute 21 Maggio 2020

Studio su Science: «Macachi guariti dal Covid-19 non si riammalano»

Per il prof. Dan H. Barouch, direttore del centro di virologia dell’Beth Israel Deaconess Medical Center, è un buon segno: «Nostre ricerche consolidano ottimismo»

È possibile ammalarsi nuovamente di Covid-19 dopo averlo superato? È una domanda che arrovella scienziati da tutto il mondo, che finora si sono spinti fino a dire che possono esserci delle ricadute ma solo se il paziente non è mai completamente guarito. I ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center hanno provato a dare una risposta definitiva basandosi sui macachi, in uno studio pubblicato su Science.

I macachi guariti dal Covid-19, esposti nuovamente al virus, hanno mostrato di aver sviluppato un’immunità protettiva naturale che ha permesso loro di non essere re-infettati. Il team di ricercatori ha selezionato nove esemplari adulti per esporli al virus. Tutti hanno superato la malattia e sviluppato anticorpi. Più di un mese dopo c’è stata la seconda esposizione, contro la quale gli animali hanno mostrato di possedere una protezione quasi completa.

LEGGI ANCHE: UTERO IN AFFITTO, NEONATI BLOCCATI A KIEV DAL LOCKDOWN. NON È LA PRIMA VOLTA CHE ACCADE

«Le persone che guariscono da numerose infezioni virali – ha chiarito Dan H. Barouch, direttore del Center for Virology and Vaccine Research dell’istituto – sviluppano in genere anticorpi che forniscono loro una protezione contro la ri-esposizione, ma non tutti i virus generano questa immunità protettiva naturale». Ora, ha ricordato, «saranno necessarie ulteriori ricerche per rispondere a tutte le importanti domande sulla durata della protezione».

Lo stesso team di ricerca sta contemporaneamente testando sui macachi le risposte ad alcuni candidati vaccini contro Sars-CoV-2. Tra questi sei hanno indotto risposte anticorpali neutralizzanti negli animali. Su 35 soggetti, a 10 è stato dato un placebo e tre settimane dopo sono stati tutti esposti al virus. Nei 25 vaccinati, otto macachi non mostravano livelli rilevabili di virus e gli altri ne evidenziavano di bassissimi. Una prova, secondo il professor Barouch, che «un vaccino ben congegnato può funzionare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
Covid, De Poli: «Fronteggiare carenza anestesisti-rianimatori»
«Serve un Piano straordinario per il potenziamento delle terapie intensive e per fronteggiare la carenza cronica di 4.000 medici anestesisti e di rianimazione a livello nazionale»
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
Nuovo report Cabina di Regia: «Situazione molto grave, necessario ridurre attività non essenziali e mobilità»
«Sono necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari»
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare