Salute 20 Dicembre 2018 16:59

Stati Generali professione medica, si parte a gennaio. Anelli (FNOMCeO): «Regaliamo allo Stato 500 milioni di euro in ore di lavoro non retribuite»

Dal 2019 al 2020 sei simposi nazionali e 106 incontri. Cambierà anche il codice deontologico. Il presidente della Federazione: «Alla fine sarà stilata la Magna Carta del medico per orientare gli Ordini nelle scelte di politica sanitaria»

Stati Generali professione medica, si parte a gennaio. Anelli (FNOMCeO): «Regaliamo allo Stato 500 milioni di euro in ore di lavoro non retribuite»

Riscoprire la valenza della professione medica in un momento di crisi del ruolo del medico. È questo l’obiettivo degli Stati Generali della professione medica che il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli, ha annunciato in una conferenza stampa presso la sede FNOMCeO a Roma. Gli incontri prenderanno il via a gennaio 2019 per concludersi nel giugno 2020: un lungo percorso diviso in sei macro aree a cui corrisponderanno sei grandi simposi nazionali. Queste le tematiche: i cambiamenti e le crisi; il medico e la società; il medico e l’economia; il medico e la scienza; clinica e cultura; il medico e il lavoro; la medicina, il medico e il futuro; una nuova definizione di medicina. Saranno almeno 106 gli incontri organizzati dagli Ordini su tutto il territorio nazionale. In conclusione di questo percorso una grande Conferenza farà la sintesi.

Il presidente Anelli ha ricordato che il ruolo del medico è in crisi per una molteplicità di fattori, dalla carenza di professionisti alle aggressioni, e poi fake news e diseguaglianze. Ma la crisi può avere una valenza “positiva” se affrontata nel modo corretto.

«Alla fine sarà stilata quella che abbiamo definito la Magna Charta della professione che servirà a tutti gli Ordini per orientare le scelte di politica sanitaria e arrivare a una riscrittura del codice deontologico per adeguare il medico a una sanità  moderna», ha spiegato Anelli. La discussione partirà dalle 100 tesi stilate da Ivan Cavicchi, Professore di Filosofia della Medicina all’Università di Tor Vergata, che si basano sulla “questione medica”, cioè quale identità deve avere il medico del futuro.

Anelli ha assicurato che sarà coinvolta la società civile: «Non vogliamo essere autoreferenziali», e non ha rinunciato a qualche ‘incursione’ sui temi di maggiore attualità. A preoccupare è l’accentuazione del regionalismo in sanità: «Noi lo consideriamo egoista – sottolinea – ogni Regione ha pensato a fare la prima della classe. Ma non dobbiamo mai dimenticare il dovere della solidarietà richiamato dall’articolo 3 della Costituzione. Noi siamo per la difesa di un sistema sanitario unico».

Poi ha firmato un simbolico assegno da 500milioni di euro che rappresentano le «15 milioni di ore di straordinario che i medici ospedalieri regalano allo Stato perché non retribuite». E a seguire una cambiale da un miliardo di euro che rappresenta la «spesa che ci sarebbe se si assumessero gli oltre 10mila medici che mancano al Servizio sanitario nazionale (escludendo emergenza e MMG). È la rappresentazione – ha spiegato – del disagio che sta vivendo la professione medica».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, LA POLITICA SI MUOVE. FOSCOLO (LEGA): «INASPRIMENTO PENE E PRESIDI FORZE DELL’ORDINE NEGLI OSPEDALI»

Anche sulla manovra economica che il governo si appresta a varare, Anelli ha voluto dire la sua: «Se le previsioni di crescita sono sballate quella previsione non sarà centrata. Noi chiediamo un mantenimento della capacità di risposta dei servizi regionali del nord, ma chiediamo contestualmente un investimento per recuperare il gap che esiste con le regioni del sud. Chiediamo una riflessione sulle diseguaglianze nelle grandi città tra quartieri e una soluzione del problema occupazionale».

«Oggi abbiamo – spiega Ivan Cavicchi – una specie di medico che non serve, molto protocollare e poco scienza e coscienza. L’idea degli Stati Generali è arrivata proprio per risolvere questo problema. Questa crisi della professione riguarda tutto l’Occidente. I problemi del medico si sono sempre affrontati indipendentemente dai problemi della medicina, un’assurdità. È la prima volta che si tenta di esplorare il rapporto tra medico e medicina. Vogliamo consolidare il rapporto di fiducia del medico con la società: è fondamentale anche per risolvere la questione della violenza».

«Presumibilmente potrebbero mancare in Italia tra i 15mila e i 20mila medici – spiega il vicepresidente FNOMCeO Giovanni Leone – Chi le fa queste prestazioni? Si va nel privato. 10mila medici sono rimasti fuori dai corsi di specializzazione. La crisi del medico è anche il mancato ricambio generazionale. Bisogna decidere se si vuole i vestire in sanità o lasciarla morire. Io sono un forte sostenitore di un sistema sanitario equo e solidale. Oggi vorrei che i viaggi della speranza dal sud verso il nord diminuissero».

Articoli correlati
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Elezioni Fnomceo 2021-2024: ecco tutti gli eletti. Anelli confermato Presidente
Le prime elezioni a svolgersi con voto elettronico, in presenza, e telematico, a distanza. Filippo Anelli, il presidente uscente, ha ottenuto l’85% delle preferenze
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...