Politica 12 Dicembre 2018

Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»

Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Inasprimento delle pene, presidi di forze dell’ordine all’interno degli ospedali di primo e secondo livello e trasferimento delle guardie mediche che si trovano in posti isolati in contesti più popolati. Sono queste alcune delle possibili soluzioni per cercare di contrastare un fenomeno che ha raggiunto livelli allarmanti. Parliamo delle aggressioni al personale medico e sanitario, al centro del dibattito pubblico dopo gli ultimi episodi di violenza. Ne abbiamo discusso con l’Onorevole Sara Foscolo (Lega), membro della Commissione Affari Sociali alla Camera. L’Onorevole Foscolo è infatti tra i firmatari di una proposta di legge che si occupa proprio di questo problema.

Onorevole Foscolo, parliamo di un tema di grande attualità e di una delle problematiche più sentite dai medici: le aggressioni al personale sanitario. Esistono diversi progetti di legge in materia. Pensa si possa arrivare ad una soluzione unica che contempli varie proposte?

«Sicuramente sì. Noi, come gruppo Lega, siamo molto sensibili a questo argomento che purtroppo è diventato di grande attualità, visto che ogni giorno si leggono notizie di aggressioni agli operatori del settore sanitario. Anche noi abbiamo presentato una proposta di legge firmata dalla sottoscritta, dall’Onorevole Piastra, dal nostro Presidente Molinari e dal Capogruppo in Commissione Affari Sociali Panizzut per cercare di limitare questo fenomeno. Fortunatamente, anche il Ministro Grillo è sensibile alla questione, tant’è vero che il Governo ha presentato una proposta, già passata al Consiglio dei Ministri. Quindi senza dubbio con questo esecutivo si riuscirà ad ottenere qualcosa. Ovviamente, questa proposta di legge arriverà anche nella nostra Commissione, quindi speriamo che si possa arrivare al più presto ad una soluzione, perché è un’emergenza anche nella Regione da cui provengo io [la Liguria, nda]. Si è verificato anche il caso di un medico ucciso da un paziente a Sanremo, quindi speriamo che l’iter sia il più breve possibile per non leggere più notizie di questo tipo».

La proposta del Ministro è volta ad aggravare le pene ma gli operatori chiedono qualcosa in più, come ad esempio una equiparazione tra pubblico ufficiale e medico. Verso quale direzione va la vostra proposta?

«Ovviamente il primo passo è aggravare le pene, senza dubbio. C’è poi anche la proposta di prevedere un presidio delle forze dell’ordine negli ospedali di primo e secondo livello, composto di un ufficiale e almeno due agenti. Si può inoltre valutare di spostare le guardie mediche in posti più sicuri, perché spesso e volentieri il medico si trova da solo, senza neanche l’autista, in posti isolati e quindi alla mercé di qualunque malintenzionato».

Un’altra proposta è il Daspo per i violenti dagli ospedali e dai luoghi di cura. Cosa ne pensa?

«La nostra Costituzione non ci permette di togliere l’assistenza sanitaria a nessun cittadino, quindi probabilmente sarà una cosa impossibile».

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...