Politica 12 Dicembre 2018 18:06

Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»

Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»

Inasprimento delle pene, presidi di forze dell’ordine all’interno degli ospedali di primo e secondo livello e trasferimento delle guardie mediche che si trovano in posti isolati in contesti più popolati. Sono queste alcune delle possibili soluzioni per cercare di contrastare un fenomeno che ha raggiunto livelli allarmanti. Parliamo delle aggressioni al personale medico e sanitario, al centro del dibattito pubblico dopo gli ultimi episodi di violenza. Ne abbiamo discusso con l’Onorevole Sara Foscolo (Lega), membro della Commissione Affari Sociali alla Camera. L’Onorevole Foscolo è infatti tra i firmatari di una proposta di legge che si occupa proprio di questo problema.

Onorevole Foscolo, parliamo di un tema di grande attualità e di una delle problematiche più sentite dai medici: le aggressioni al personale sanitario. Esistono diversi progetti di legge in materia. Pensa si possa arrivare ad una soluzione unica che contempli varie proposte?

«Sicuramente sì. Noi, come gruppo Lega, siamo molto sensibili a questo argomento che purtroppo è diventato di grande attualità, visto che ogni giorno si leggono notizie di aggressioni agli operatori del settore sanitario. Anche noi abbiamo presentato una proposta di legge firmata dalla sottoscritta, dall’Onorevole Piastra, dal nostro Presidente Molinari e dal Capogruppo in Commissione Affari Sociali Panizzut per cercare di limitare questo fenomeno. Fortunatamente, anche il Ministro Grillo è sensibile alla questione, tant’è vero che il Governo ha presentato una proposta, già passata al Consiglio dei Ministri. Quindi senza dubbio con questo esecutivo si riuscirà ad ottenere qualcosa. Ovviamente, questa proposta di legge arriverà anche nella nostra Commissione, quindi speriamo che si possa arrivare al più presto ad una soluzione, perché è un’emergenza anche nella Regione da cui provengo io [la Liguria, nda]. Si è verificato anche il caso di un medico ucciso da un paziente a Sanremo, quindi speriamo che l’iter sia il più breve possibile per non leggere più notizie di questo tipo».

La proposta del Ministro è volta ad aggravare le pene ma gli operatori chiedono qualcosa in più, come ad esempio una equiparazione tra pubblico ufficiale e medico. Verso quale direzione va la vostra proposta?

«Ovviamente il primo passo è aggravare le pene, senza dubbio. C’è poi anche la proposta di prevedere un presidio delle forze dell’ordine negli ospedali di primo e secondo livello, composto di un ufficiale e almeno due agenti. Si può inoltre valutare di spostare le guardie mediche in posti più sicuri, perché spesso e volentieri il medico si trova da solo, senza neanche l’autista, in posti isolati e quindi alla mercé di qualunque malintenzionato».

Un’altra proposta è il Daspo per i violenti dagli ospedali e dai luoghi di cura. Cosa ne pensa?

«La nostra Costituzione non ci permette di togliere l’assistenza sanitaria a nessun cittadino, quindi probabilmente sarà una cosa impossibile».

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...