Politica 12 Dicembre 2018

Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»

Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Inasprimento delle pene, presidi di forze dell’ordine all’interno degli ospedali di primo e secondo livello e trasferimento delle guardie mediche che si trovano in posti isolati in contesti più popolati. Sono queste alcune delle possibili soluzioni per cercare di contrastare un fenomeno che ha raggiunto livelli allarmanti. Parliamo delle aggressioni al personale medico e sanitario, al centro del dibattito pubblico dopo gli ultimi episodi di violenza. Ne abbiamo discusso con l’Onorevole Sara Foscolo (Lega), membro della Commissione Affari Sociali alla Camera. L’Onorevole Foscolo è infatti tra i firmatari di una proposta di legge che si occupa proprio di questo problema.

Onorevole Foscolo, parliamo di un tema di grande attualità e di una delle problematiche più sentite dai medici: le aggressioni al personale sanitario. Esistono diversi progetti di legge in materia. Pensa si possa arrivare ad una soluzione unica che contempli varie proposte?

«Sicuramente sì. Noi, come gruppo Lega, siamo molto sensibili a questo argomento che purtroppo è diventato di grande attualità, visto che ogni giorno si leggono notizie di aggressioni agli operatori del settore sanitario. Anche noi abbiamo presentato una proposta di legge firmata dalla sottoscritta, dall’Onorevole Piastra, dal nostro Presidente Molinari e dal Capogruppo in Commissione Affari Sociali Panizzut per cercare di limitare questo fenomeno. Fortunatamente, anche il Ministro Grillo è sensibile alla questione, tant’è vero che il Governo ha presentato una proposta, già passata al Consiglio dei Ministri. Quindi senza dubbio con questo esecutivo si riuscirà ad ottenere qualcosa. Ovviamente, questa proposta di legge arriverà anche nella nostra Commissione, quindi speriamo che si possa arrivare al più presto ad una soluzione, perché è un’emergenza anche nella Regione da cui provengo io [la Liguria, nda]. Si è verificato anche il caso di un medico ucciso da un paziente a Sanremo, quindi speriamo che l’iter sia il più breve possibile per non leggere più notizie di questo tipo».

La proposta del Ministro è volta ad aggravare le pene ma gli operatori chiedono qualcosa in più, come ad esempio una equiparazione tra pubblico ufficiale e medico. Verso quale direzione va la vostra proposta?

«Ovviamente il primo passo è aggravare le pene, senza dubbio. C’è poi anche la proposta di prevedere un presidio delle forze dell’ordine negli ospedali di primo e secondo livello, composto di un ufficiale e almeno due agenti. Si può inoltre valutare di spostare le guardie mediche in posti più sicuri, perché spesso e volentieri il medico si trova da solo, senza neanche l’autista, in posti isolati e quindi alla mercé di qualunque malintenzionato».

Un’altra proposta è il Daspo per i violenti dagli ospedali e dai luoghi di cura. Cosa ne pensa?

«La nostra Costituzione non ci permette di togliere l’assistenza sanitaria a nessun cittadino, quindi probabilmente sarà una cosa impossibile».

Articoli correlati
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web
L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»
Coronavirus, interrogazione di Bonfrisco (Lega): «Accordo con Cina mette a rischio dati sanitari»
L’europarlamentare della Lega a Strasburgo Anna Bonfrisco ha chiesto alla Commissione Ue di chiedere al premier Giuseppe Conte di riferire sulla “via della Seta sanitaria”  
«E io dico che non siamo eroi»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...