Salute 10 Dicembre 2018

Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»

Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»

Immagine articolo

I numeri della violenza contro medici ed operatori sanitari crescono in un’escalation senza fine e i casi di aggressione al personale sanitario sono ormai all’ordine del giorno. Solo qualche giorno fa, all’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, una dottoressa è stata aggredita con un cacciavite dal familiare di un paziente e al Santobono di Napoli, il padre di un ragazzo in codice verde ha minacciato di sparare a infermieri e medici se non avessero visitato subito il figlio.

LEGGI ANCHE:AGGRESSIONI, CHOC AL SANTOBONO DI NAPOLI: «VISITATE MIO FIGLIO O SPARO». «OPERATIVO UN TELEFONO ROSSO PER ASSISTERE I MEDICI»

Il ministro della Salute Giulia Grillo ha sollecitato più volte l’approvazione del Ddl antiviolenza al Parlamento in modo da renderlo immediatamente esecutivo. Abbiamo cercato di valutare le cause del fenomeno con la dottoressa Francesca Perri, medico 118 dell’Ares Lazio (azienda sanitaria regionale emergenza territoriale) e sindacalista Anaao-Assomed che l’ha definito un «problema culturale».

Dottoressa, secondo un’indagine della FNOMCeO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), solo nell’ultimo anno, il 50% dei medici e degli operatori sanitari sono stati oggetto di aggressioni. Ci racconta quella che è la sua esperienza quotidiana e quali sono le difficoltà che incontra maggiormente nel suo lavoro?

«Le difficoltà sono tantissime, il 118 è pronto soccorso e i servizi H24 vengono utilizzati ormai per sopperire alle carenze organiche del territorio. La gente non trova aiuto e si rivolge a noi, con un conseguente numero eccessivo di chiamate non congrue e un grande afflusso ai Pronto soccorso. Siamo tenuti a rispondere ma spesso si tratta di interventi di vario genere, non si tratta di patologie tempo-dipendenti che precludono la vita e hanno bisogno di un intervento immediato: infarto, ictus, emorragie, coma. Questi dovrebbero essere i nostri target, in realtà interveniamo su tutto. Questo dipende da un depauperamento complessivo, non ci sono investimenti in sanità. Le persone si rivolgono al pubblico però si lamentano perché non funziona. Noi ce la mettiamo tutta ma non riusciamo a soddisfare i bisogni di salute viste le enormi carenze, dal depotenziamento dei servizi al blocco del turn over passando per le mancate assunzioni nella specialistica ambulatoriale. Ci sono state riduzioni dei posti letto negli ospedali e spesso le nuove assunzioni non hanno coperto neanche i posti di chi è andato in pensione. Non c’è il personale né medico né infermieristico, alcuni ambulatori specialistici sono stati accorpati per garantire un minimo di funzionamento; la stessa cosa vale per i consultori dove viene gestita l’interruzione volontaria di gravidanza, le vaccinazioni, le pratiche relative al genere femminile. La gente, non trovando risposte qui, si rivolge al Pronto soccorso e al 118».

LEGGI ANCHE:VIOLENZA IN CORSIA, NASCE IL “TELEFONO ROSSO” PER I MEDICI AGGREDITI

Quali sono le motivazioni più frequenti per le quali scattano le aggressioni verbali e, a volte, anche fisiche ai medici?

«La gente si sfoga: anziché protestare con i decisori della politica che non studia programmi sanitari adeguati si scaglia contro di noi. Le persone pensano che se la sanità non funziona dipende da noi ma non è così. Noi facciamo il massimo di quello che è nelle nostre mansioni, a volte andiamo oltre i nostri doveri e compiti. Ci saranno mele marce nel sistema, ma la maggior parte di coloro che lavorano in sanità l’hanno “scelto” per vocazione. Molti, tra medici e infermieri, lavorano in condizioni di precarietà assoluta; anche questo non aiuta. C’è una sfiducia generale da parte della popolazione nei confronti degli operatori ma anche da parte degli operatori stessi».

LEGGI ANCHE: IN ITALIA AGGREDITO 1 MEDICO SU 2, IL 70% VITTIME È DONNA E LA RESPONSABILITÀ PUÒ RICADERE ANCHE SULLE STRUTTURE SANITARIE

L’operatore del territorio è sempre più a rischio…

«Sì, l’operatore del territorio è più esposto: noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza: la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’ La gente non sa da dove parte l’ambulanza, spesso siamo impegnati in più soccorsi. Oltre a questo, devo dire che da quando è subentrato il 112 nel Lazio i tempi di attesa sono aumentati perché c’è una doppia intervista telefonica e si perdono minuti preziosi. Il territorio da coprire è sempre più vasto: io copro un territorio di 300-400 mila abitanti con una sola auto medicalizzata. A volte si fa partire l’ambulanza con solo l’infermiere a bordo quando in realtà c’era necessità di un medico. I problemi sono tanti».

Lei personalmente, ha subìto aggressioni verbali o fisiche nella sua esperienza?

«Si, è capitato tantissime volte, di quelle verbali non ricordo più il numero. Non le segnalo neanche più, penso che in fondo ho davanti i pazienti e i loro parenti preoccupati e penso a tutelarli. Evito di denunciare e segnalare gli episodi spiacevoli perché il mio dovere è fare il medico e risolvere il problema di salute del malato. Ma le aggressioni non solo sono all’ordine del giorno, ma devo dire che sono aumentate perché le persone non trovano risposte adeguate sul territorio».

Il dato che allarma ancora di più è quello di genere: il 70% dei medici colpiti è donna.

«È un problema di cultura, di informazione ed educazione sanitaria. Si colpisce la donna perché è l’elemento più debole, è più facile l’aggressione ad un medico donna. La donna non è tutelata, le mie colleghe della guardia notturna non si sentono sicure».

Come si sensibilizza il cittadino al fenomeno?

«Solo attraverso una corretta informazione soprattutto nelle zone più a rischio, dove ci sono tantissime difficoltà. Lì lo Stato è assente: quando arriviamo noi, veniamo attaccati perché rappresentiamo lo Stato. C’è un sentimento di disprezzo nei confronti delle istituzioni e di chi le rappresenta, e una svalutazione delle competenze professionali. Andiamo ad aiutare ma siamo visti  come un nemico che non aiuta abbastanza».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, la ricetta di Codici: «Più personale e più assistenza ai pazienti per evitare violenze»
«Quanto successo impone delle riflessioni, che devono portare ad un intervento per migliorare finalmente la situazione che si registra nei Pronto Soccorso», sottolinea il Segretario Nazionale di Codici, Ivano Giacomelli
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Napoli, aggredita dottoressa al San Giovanni Bosco. Da Anelli a Scotti, il mondo medico chiede misure urgenti
Il chirurgo ha riportato un trauma facciale e la rottura del naso. Il Presidente della FNOMCeO: «Serve una legge che aumenti le pene e introduca la procedibilità d'ufficio, oltre a rendere le sedi più sicure»
Aggressioni, a Palermo colpiti medico e tecnico radiologo. Grillo: «Legge urgente, chi blocca Paese si assume responsabilità di fermarla»
L’episodio a Villa Sofia è stato denunciato dal sindacato Cimo. Una ventina di persone è riuscita a introdursi nei locali della Uoc di Radiologia dove si trova la sala di risonanza magnetica. «L'ennesimo episodio di aggressione a danno di lavoratori della sanità conferma l'urgenza di una legge antiviolenza» scrive su Twitter il Ministro
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
Finita l’esperienza del governo Conte e del ministro Grillo. Nuovo esecutivo o elezioni anticipate i due scenari possibili: rischiano lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e il provvedimento sulla sanità trasparente. Ecco le iniziative di Lungotevere Ripa che si bloccano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone