Salute 7 Gennaio 2019 09:03

Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»

Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»

Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»

Non siamo fatti tutti per correre. Lo sport prediletto da chi si sente in colpa per qualche chilo di troppo, soprattutto all’indomani delle feste, potrebbe far più male che bene. Ed è uno studio condotto dal professor Antonio Giordano dell’università di Philadelphia, che verrà pubblicato a breve, a dimostrarlo. Ad anticiparne le conclusioni a Sanità Informazione è il dottor Alfonso De Nicola, medico sociale della SSC Napoli: «Ci sono soggetti che hanno bisogno di fare attività aerobica e altri a cui invece serve fare attività anaerobica. Mettendo in relazione i dati sull’attività fisica svolta da alcuni soggetti, che abbiamo fornito al professor Giordano, con il loro codice genetico, è emerso infatti che coloro che avevano particolare tendenza all’attività aerobica avevano alcuni polimorfismi, quindi alcuni geni, che caratterizzavano questa propensione».

LEGGI ANCHE: PREVENZIONE, AURELIO DE LAURENTIIS: «VORREI UN NAPOLI LAB CON MEDICI A DISPOSIZIONE DI TUTTI I NAPOLETANI»

Forse, allora, coloro che dopo pochi metri di corsa hanno già il fiatone o il cuore in gola, farebbero bene a cambiare attività sportiva. E non per pigrizia, ma perché la genetica impone di fare qualcosa di più tranquillo, come le attività anaerobiche. «Se lo sport è inadeguato alle nostre caratteristiche, allora è sbagliato farla», sottolinea ancora De Nicola. L’attività fisica deve quindi essere «modellata su ogni soggetto, come un sarto che modella un vestito, per fare in modo che faccia veramente bene», prosegue il medico del Napoli.

I calciatori professionisti, tuttavia, sono allenati, corrono (ovviamente) tanto e, soprattutto, sono sottoposti a continui controlli medici. Non ci sono atleti più seguiti e controllati dei professionisti. Eppure, le morti improvvise di giocatori delle massime serie del mondo sono ancora una realtà. «La morte improvvisa, anche se in rarissimi casi, ancora succede – commenta De Nicola -. E questo ci fa dire che lo sport a volte fa male».

«In Italia – prosegue – siamo attentissimi al problema e cardiologi importanti stanno conducendo molte ricerche per studiarlo. E la tecnologia ci sta aiutando. Ad esempio, una volta era piuttosto complicato fare un holter dinamico di 48 ore (il test che permette di registrare l’attività elettrica del cuore, N.d.R.): bisognava portarsi dietro una scatoletta parecchio ingombrante e, insomma, l’atleta si scocciava. Adesso, invece, si riescono a fare in condizioni mini-invasive anche holter dinamici di 5-6 giorni, che consentono di controllare l’attività cardiaca alla perfezione. Grazie alla tecnologia, e quindi ad adesivi mini-invasivi, al wifi e al bluetooth, la scatoletta non è più necessaria. Quindi per evitare le morti improvvise, e poter quindi tenere sotto controllo il cuore degli atleti e non solo, la ricerca e la tecnologia sono fondamentali», conclude il medico sociale del Napoli.

LEGGI ANCHE: MALATTIE CARDIOVASCOLARI, MERCURO (SIC): «IN ITALIA RESPONSABILI DEL 44% DEI DECESSI. LA MEDICINA SI EVOLVE MA FALLISCE SULLA PREVENZIONE»

Articoli correlati
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»
Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Giornata mondiale dell’alimentazione, il paradosso: «Prendo l’ascensore, uso l’auto, ma mangio light»
Con Silvia Migliaccio, nutrizionista, un’analisi del paradosso del nostro secolo: «Ricerchiamo cibi senza grassi e senza zuccheri, ma siamo “sedentary behavior”, ovvero preferiamo le attività sedentarie a quelle motorie»
di Isabella Faggiano
Violenza sulle donne, in Campania il “referto psicologico” entra nei percorsi rosa
L’intervista all’ideatrice Elvira Reale (Centro Dafne Cardarelli), autrice del libro “La violenza invisibile sulle donne. Il referto psicologico: linee guida e strumenti clinici”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...