Salute 7 Gennaio 2019 09:03

Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»

Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»

Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»

Non siamo fatti tutti per correre. Lo sport prediletto da chi si sente in colpa per qualche chilo di troppo, soprattutto all’indomani delle feste, potrebbe far più male che bene. Ed è uno studio condotto dal professor Antonio Giordano dell’università di Philadelphia, che verrà pubblicato a breve, a dimostrarlo. Ad anticiparne le conclusioni a Sanità Informazione è il dottor Alfonso De Nicola, medico sociale della SSC Napoli: «Ci sono soggetti che hanno bisogno di fare attività aerobica e altri a cui invece serve fare attività anaerobica. Mettendo in relazione i dati sull’attività fisica svolta da alcuni soggetti, che abbiamo fornito al professor Giordano, con il loro codice genetico, è emerso infatti che coloro che avevano particolare tendenza all’attività aerobica avevano alcuni polimorfismi, quindi alcuni geni, che caratterizzavano questa propensione».

LEGGI ANCHE: PREVENZIONE, AURELIO DE LAURENTIIS: «VORREI UN NAPOLI LAB CON MEDICI A DISPOSIZIONE DI TUTTI I NAPOLETANI»

Forse, allora, coloro che dopo pochi metri di corsa hanno già il fiatone o il cuore in gola, farebbero bene a cambiare attività sportiva. E non per pigrizia, ma perché la genetica impone di fare qualcosa di più tranquillo, come le attività anaerobiche. «Se lo sport è inadeguato alle nostre caratteristiche, allora è sbagliato farla», sottolinea ancora De Nicola. L’attività fisica deve quindi essere «modellata su ogni soggetto, come un sarto che modella un vestito, per fare in modo che faccia veramente bene», prosegue il medico del Napoli.

I calciatori professionisti, tuttavia, sono allenati, corrono (ovviamente) tanto e, soprattutto, sono sottoposti a continui controlli medici. Non ci sono atleti più seguiti e controllati dei professionisti. Eppure, le morti improvvise di giocatori delle massime serie del mondo sono ancora una realtà. «La morte improvvisa, anche se in rarissimi casi, ancora succede – commenta De Nicola -. E questo ci fa dire che lo sport a volte fa male».

«In Italia – prosegue – siamo attentissimi al problema e cardiologi importanti stanno conducendo molte ricerche per studiarlo. E la tecnologia ci sta aiutando. Ad esempio, una volta era piuttosto complicato fare un holter dinamico di 48 ore (il test che permette di registrare l’attività elettrica del cuore, N.d.R.): bisognava portarsi dietro una scatoletta parecchio ingombrante e, insomma, l’atleta si scocciava. Adesso, invece, si riescono a fare in condizioni mini-invasive anche holter dinamici di 5-6 giorni, che consentono di controllare l’attività cardiaca alla perfezione. Grazie alla tecnologia, e quindi ad adesivi mini-invasivi, al wifi e al bluetooth, la scatoletta non è più necessaria. Quindi per evitare le morti improvvise, e poter quindi tenere sotto controllo il cuore degli atleti e non solo, la ricerca e la tecnologia sono fondamentali», conclude il medico sociale del Napoli.

LEGGI ANCHE: MALATTIE CARDIOVASCOLARI, MERCURO (SIC): «IN ITALIA RESPONSABILI DEL 44% DEI DECESSI. LA MEDICINA SI EVOLVE MA FALLISCE SULLA PREVENZIONE»

Articoli correlati
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Prevenzione, Ordine TSRM PSTRP Roma: «Serve grande alleanza tra le professioni sanitarie»
«La nostra presenza alla Race for The Cure vuole testimoniare il nostro sostegno alla ricerca e alla prevenzione, sempre al fianco delle donne che affrontano una battaglia contro un male subdolo e insidioso. È importante accompagnare le donne in tutto il percorso della malattia, con una presa in carico che parta dalla diagnosi e che garantisca anche il sostegno psicologico necessario» spiega Andrea Lenza, presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Roma
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...