Salute 17 Dicembre 2018

Malattie cardiovascolari, Mercuro (SIC): «In Italia responsabili del 44% dei decessi. La medicina si evolve ma fallisce sulla prevenzione»

«Combattere sedentarietà e puntare sull’esercizio fisico: si tratta di una rivoluzione culturale in cui la profilassi deve diventare una ‘medicina’ e non una scelta personale». Così Giuseppe Mercuro, Presidente della Società Italia di Cardiologia

di Lucia Oggianu
Immagine articolo

Le malattie cardiovascolari restano al primo posto fra le cause di morte in Europa e nel mondo. In Italia sono responsabili del 44% di tutti i decessi. «Per invertire la rotta – ha spiegato il professor Giuseppe Mercuro, presidente della Società Italiana di Cardiologia riunita in occasione del 79° Congresso nazionale -, occorre considerare realmente l’attività fisica come una medicina e prescriverla come tale, personalizzando il trattamento e fornendo ai pazienti un vademecum che li guidi e li informi su indicazioni, tempi e dosi del movimento».

È ormai certo che all’inattività fisica siano imputabili il 5% delle malattie coronariche, il 7% del diabete di tipo 2, il 9% dei tumori al seno e il 10% dei tumori del colon. È dunque essenziale considerare il movimento una vera terapia per cuore e vasi nonché mezzo migliore per prevenire infarti e malattie cardiovascolari. «Il nostro Paese ha una medicina e una cardiologia molto evoluta, molto garantista, molto efficace – ha aggiunto il presidente -. Tuttavia i casi di infarto sono nell’ordine delle 150mila unità all’anno quindi, anche se abbiamo maggiori risorse salvavita del paziente infartuato, dobbiamo dire che una quantità così elevata di eventi va considerata come un parziale insuccesso».

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA IN MEDICINA: ALL’UMBERTO I È ARRIVATO HEART NAVIGATOR PER ‘ESPLORARE’ IL CUORE SENZA APRIRE IL TORACE

«Le prestazioni ottenute grazie ai farmaci che la ricerca ha reso disponibili, sono elevatissime, purtroppo però non è cresciuta di pari passo la capacità di intercettare e prevenire l’evento critico. È chiaro che nella prevenzione c’è cultura, pensiero, ideazione e creatività perché occorre convincere le persone a prevenire un rischio di cui non hanno nozione, né sintomi, né sofferenza. Quindi si tratta davvero di un’evoluzione culturale che ha il sapore di una rivoluzione molto difficile da attuare completamente. Questo vale per ogni espressione della patologia cardiovascolare: infarto, insufficienza cardiaca, cardiopatia valvolare non riconosciuta e per le malattie cardio-metaboliche».

 

Articoli correlati
Infarto, dimezzati accessi in PS per paura contagio da Covid-19. Indolfi (Sic): «Temiamo aumento mortalità per malattie cardiovascolari»
Il monito del presidente della Società Italiana di Cardiologia: «Con sintomi gravi - dolore toracico, sudorazione o difficoltà respiratorie - non bisogna esitare, si deve chiamare subito il 118. Negli ospedali ci sono percorsi dedicati ai cardiopatici, differenziati da quelli per i pazienti affetti da Covid-19»
Ipercolesterolemia, ulteriori dati dimostrano i benefici dell’acido bempedoico. I risultati presentati da Daiichi Sankyo
Due analisi combinate di quattro studi di fase III, che hanno arruolato oltre 3.600 pazienti, hanno mostrato che l'acido bempedoico riduce significativamente la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP) e il colesterolo LDL, e i dati dello studio di fase II mostrano una riduzione del 40% di C-LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono ad alto rischio di eventi cardiovascolari. I risultati delle analisi sono stati presentati in streaming durante il Congresso annuale dell’American College of Cardiology che si è svolto congiuntamente al Congresso Internazionale di Cardiologia
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Prevenzione cardiaca, Colivicchi (cardiologo): «Dopo ricovero pazienti non seguono terapie, servono percorsi più sicuri ospedale-territorio»
Il direttore dell’U.O.C di Cardiologia del San Filippo Neri ricorda l'importanza di adottare stili di vita corretti, evitare comportamenti a rischio e aderire alle terapie. Il professor Fedele (Umberto I) svela: «Una percentuale rilevante di pazienti non smette di fumare neanche dopo l’infarto»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Gelo nemico del cuore, freddo e fatica aumentano il rischio di infarto
La Società Italiana di Cardiologia conferma: relazione pericolosa tra bassa temperatura e sforzo fisico, che fa salire al 34% il pericolo di infarto in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Indolfi (Sic): «questo vale per i soggetti che non sono in salute e che presentano fattori di rischio cardiovascolare»
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco