Salute 17 Marzo 2021 10:29

Speranza in audizione: «Per vaccinazioni coinvolgere farmacie e infermieri»

In audizione alla Commissione Affari Sociali, il ministro Speranza si è mostrato ottimista sulla questione AstraZeneca: «Già domani potrebbero arrivare rassicurazioni da Ema e potremo riprendere accelerando la campagna vaccinale»

Speranza in audizione: «Per vaccinazioni coinvolgere farmacie e infermieri»

«Quanto avvenuto nei Paesi Ue non incrina la fiducia nell’arma fondamentale per contrastare il Covid. La campagna di vaccinazione va avanti e dovrà accelerare con le dosi a nostra disposizione». Il ministro della Salute Roberto Speranza ha aperto il suo intervento alle Commissioni riunite, Affari sociali e Sanità, di Camera e Senato analizzando la situazione AstraZeneca.

La questione AstraZeneca

«La sospensione temporanea e precauzionale delle somministrazioni di AstraZeneca – ha spiegato – avvenuta il 15 marzo in Italia, in Germania, in Francia, in Spagna e poi a seguire in numerosi ulteriori Paesi europei è stata il frutto di un confronto prima tra le Agenzie regolatorie e poi tra i ministri della Salute in costante raccordo con i capi dell’esecutivo».

«Il prestigioso Paul Ehrlich Institut – ha proseguito Speranza – ha segnalato in Germania sette casi di trombosi che si sono verificati tra i 4 e i 16 giorni successivi alla somministrazione del vaccino in pazienti giovani, tra i 20 e i 50 anni, tra i quali forme molto rare di trombosi cerebrale dei seni venosi in concomitanza con piastrinopenia e sanguinamento. Queste evidenze hanno indotto gli esperti tedeschi a suggerire di sospendere la vaccinazione con AstraZeneca».

«Già domani – ha aggiunto – dal Comitato di sicurezza dell’Ema potremmo avere le rassicurazioni per superare le difficoltà delle ultime giornate. Il Governo italiano ha la massima fiducia in Ema e Aifa, pretendiamo massimo livello di sicurezza e continueremo con la massima attenzione a monitorare sugli eventi avversi». In ogni caso «la campagna di vaccinazione va avanti e avrà un’accelerazione con l’arrivo di 50 milioni di dosi nel secondo trimestre».

Nuovi provvedimenti per accelerare la campagna vaccinale

«Nelle prossime ore lavoreremo per favorire l’impegno di farmacie e di infermieri nella campagna di vaccinazioni per favorirne così l’accelerazione»: queste le due aggiunte previste nella campagna vaccinale stesa a due mani con il neo Commissario straordinario per l’emergenza Covid Paolo Figliuolo.

«Su Johnson&Johnson l’aspettativa è che già dopo la metà di aprile possano arrivare in Europa le prime dosi. E questo ci mette in una condizione oggettivamente diversa», ha aggiunto.

«Il tema di una protezione per il personale sanitario impegnato sulle vaccinazioni, anche a seguito delle vicende delle ultime giornate, è oggetto di un dibattito pubblico, ci sono stati interventi dell’Ordine dei medici, di sindacati e professioni che operano in questo settore. Voglio riconfermare che c’è la massima attenzione da parte del Governo e c’è una interlocuzione in corso anche al nostro interno».

La mia opinione, ha detto, è «che dobbiamo assumere questo tema e costruire nel più breve tempo possibile una risposta che sia capace, diciamo, anche di un intervento di natura normativa. Su questo il Parlamento ha già lavorato e si è confrontato nel mese di aprile, si può ripartire da quel lavoro».

Speranza: «Situazione attuale non è 2020»

Il ministro Speranza ha voluto anche rassicurare i parlamentari. «La situazione attuale – ha detto – non è paragonabile a quella del 2020. Allora non avevamo a disposizione la larghissima parte di strumenti che abbiamo oggi, a cominciare dalla capacità di testing, ma soprattutto i vaccini che sono il vero fatto nuovo. Ne abbiamo quattro a disposizione e molte dosi sono in arrivo: oggi possiamo avere una ragionata fiducia».

«L’emergenza Covid-19 – ha concluso – deve averci insegnato che questa attenzione globale è una determinate ineludibile di tutte le politiche e le prassi che impattano sulla nostra quotidianità. L’attenzione per la salute è un dovere e un diritto non solo in ospedale, ma a lavoro, nella scuola, nell’ambiente in cui viviamo e nelle scelte quotidiane. “One Health” è una parola d’ordine da proporre con forza anche per la sua efficienza simbolica nel legare il tema della salute a quello cruciale dell’ambiente che ci circonda in tutte le sue declinazioni».

One Health significa salute al centro del proprio ambiente naturale e sociale, prevenzione come presupposto fondamentale che si incrocia con la scuola. «È necessario sviluppare – infine – un rapporto più organico e continuativo tra scuola e sanità in un ritorno alle radici stesse dei principi ispiratori dei servizi di promozione, prevenzione e tutela della salute nelle scuole».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
Covid-19, Speranza: «Riaperture graduali con responsabilità e prudenza. Grazie a vaccini in arrivo nuova fase»
L'informativa del Ministro della Salute alla Camera: «Entro giugno arriveranno 42 milioni di vaccini, tutti efficaci e sicuri. Gli eventi avversi registrati sono numericamente molto ridotti. In UK su 600mila seconde dosi di AstraZeneca somministrate nessun effetto collaterale»
MMG e campagna vaccinale, a che punto siamo nel Lazio?
Intervista a Giovanni Cirilli, Segretario FIMMG Lazio: «Peccato non essere stati messi in condizione di partire prima»
AstraZeneca e J&J, il farmacologo: «Non esiste farmaco comune con possibilità di eventi avversi così remota»
Con il prof. Sava (SIF) analizziamo i rischi di farmaci comuni e l'incidenza di trombosi, comparandola con quella dei vaccini a vettore virale
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...