Salute 10 Marzo 2021 12:25

Sos vaccinatori. Qual è la situazione in Italia?

Il bando Arcuri non ha ottenuto i risultati sperati. Difficoltà per Mmg e farmacie nell’andare a regime. L’ex Ministro alla Salute Grillo presenta Odg per eliminare incompatibilità per i medici che vogliono rendersi disponibili ad effettuare vaccinazioni

Sos vaccinatori. Qual è la situazione in Italia?

Ma davvero i problemi che stiamo riscontrando nella campagna vaccinale anti-Covid dipendono solo dalla contrazione delle dosi di vaccino che provengono dalle case farmaceutiche? Se tanto si è parlato dei “contratti non rispettati” dai produttori dei vaccini attualmente a disposizione, un po’ sottotraccia è rimasta la questione che riguarda chi può effettivamente somministrare le dosi.

L’ex commissario Arcuri lanciò a metà dicembre un bando per arruolare 15mila vaccinatori (3mila medici e 12 infermieri). A fine gennaio (ma la situazione non è nel frattempo cambiata poi molto) erano stati annunciati poco più di 2.600 vaccinatori arruolati tramite il bando. Tra i motivi di questa scarsa adesione ci sarebbero le condizioni non proprio allettanti della proposta. Due su tutte: la durata a tempo determinato del contratto e l’incompatibilità con altre mansioni.

Su questo argomento, l’ex Ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato un Ordine del Giorno alla Camera in cui chiede un impegno al Governo ad «adottare un sistema di adesione informatizzata, al quale ogni medico, anche inserito in percorsi di specializzazione possa aderire manifestando la propria disponibilità a partecipare al piano vaccinale; proporre un unico tipo di inquadramento nazionale, con medesimo livello retributivo per tutti i medici vaccinatori che non siano già dipendenti del Ssn, inclusi i medici specializzandi e corsisti Mmg, proponendo di usare il sistema di contratto convenzionale già esistente in Ssn (già in tutta Italia si usano e quindi sarà più semplice per le aziende sanitarie gestire la burocrazia); prevedere per l’attività dei medici vaccinatori la decadenza di qualsiasi incompatibilità con gli altri impegni professionali o formativi già in essere, stabilendo che la priorità di incarico sia conferita in base alla maggior disponibilità oraria garantita dal professionista rispetto l’attività vaccinale».

Alcune settimane fa è stato anche approvato il Protocollo di intesa nazionale tra Governo, Regioni e sindacati dei medici di famiglia (nello specifico, Snami, Fimmg, Smi e Intesa Sindacale) per dare anche a loro la possibilità di effettuare vaccinazioni anti-Covid. Il Protocollo prevede che ogni Regione stipuli poi accordi specifici a livello locale. Anche qui, però, non sono mancati i problemi: non tutte le Regioni (circa la metà) hanno chiuso i necessari accordi per far partire il servizio e, in ogni caso, non tutte sono già partite e andate a regime.

Discorso analogo per quanto riguarda le farmacie: nell’ultima Legge di Bilancio è stata espressamente data anche alle farmacie italiane la possibilità di organizzarsi per effettuare le vaccinazioni anti-Covid direttamente nelle loro strutture. Anche in questo caso, però, sono poche le Regioni in cui sono stati trovati accordi effettivi, e in alcune di queste è attualmente possibile solo effettuare la prenotazione.

E’ infine notizia di oggi che anche i 63.600 odontoiatri italiani saranno coinvolti come vaccinatori contro il Covid. A dare il via libera il Ministero della Salute, nell’incontro con Filippo Anelli, Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO) e con il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale, Raffaele Iandolo. Diventano così oltre 150mila i medici che scendono in campo per dare il loro contributo alla campagna vaccinale (insieme ai 40mila specializzandi e con i 60mila medici del territorio, Mmg, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali). A loro possono aggiungersi i medici volontari, pensionati e liberi professionisti, che in più di un’occasione hanno dato la disponibilità, in tal senso, alle Regioni.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Oms e Unicef: “Oltre 120mila bambini a ‘dose zero” tra Europa e Asia Centrale”
La specialista regionale dell'UNICEF per le vaccinazioni in Europa e Asia Centrale: "Non c’è ragione per cui i bambini debbano correre il rischio di morire per malattie prevenibili con un vaccino. Dare priorità ai finanziamenti e investimenti sui programmi di immunizzazione e sistemi sanitari”
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...