Salute 10 Marzo 2021 12:25

Sos vaccinatori. Qual è la situazione in Italia?

Il bando Arcuri non ha ottenuto i risultati sperati. Difficoltà per Mmg e farmacie nell’andare a regime. L’ex Ministro alla Salute Grillo presenta Odg per eliminare incompatibilità per i medici che vogliono rendersi disponibili ad effettuare vaccinazioni

Sos vaccinatori. Qual è la situazione in Italia?

Ma davvero i problemi che stiamo riscontrando nella campagna vaccinale anti-Covid dipendono solo dalla contrazione delle dosi di vaccino che provengono dalle case farmaceutiche? Se tanto si è parlato dei “contratti non rispettati” dai produttori dei vaccini attualmente a disposizione, un po’ sottotraccia è rimasta la questione che riguarda chi può effettivamente somministrare le dosi.

L’ex commissario Arcuri lanciò a metà dicembre un bando per arruolare 15mila vaccinatori (3mila medici e 12 infermieri). A fine gennaio (ma la situazione non è nel frattempo cambiata poi molto) erano stati annunciati poco più di 2.600 vaccinatori arruolati tramite il bando. Tra i motivi di questa scarsa adesione ci sarebbero le condizioni non proprio allettanti della proposta. Due su tutte: la durata a tempo determinato del contratto e l’incompatibilità con altre mansioni.

Su questo argomento, l’ex Ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato un Ordine del Giorno alla Camera in cui chiede un impegno al Governo ad «adottare un sistema di adesione informatizzata, al quale ogni medico, anche inserito in percorsi di specializzazione possa aderire manifestando la propria disponibilità a partecipare al piano vaccinale; proporre un unico tipo di inquadramento nazionale, con medesimo livello retributivo per tutti i medici vaccinatori che non siano già dipendenti del Ssn, inclusi i medici specializzandi e corsisti Mmg, proponendo di usare il sistema di contratto convenzionale già esistente in Ssn (già in tutta Italia si usano e quindi sarà più semplice per le aziende sanitarie gestire la burocrazia); prevedere per l’attività dei medici vaccinatori la decadenza di qualsiasi incompatibilità con gli altri impegni professionali o formativi già in essere, stabilendo che la priorità di incarico sia conferita in base alla maggior disponibilità oraria garantita dal professionista rispetto l’attività vaccinale».

Alcune settimane fa è stato anche approvato il Protocollo di intesa nazionale tra Governo, Regioni e sindacati dei medici di famiglia (nello specifico, Snami, Fimmg, Smi e Intesa Sindacale) per dare anche a loro la possibilità di effettuare vaccinazioni anti-Covid. Il Protocollo prevede che ogni Regione stipuli poi accordi specifici a livello locale. Anche qui, però, non sono mancati i problemi: non tutte le Regioni (circa la metà) hanno chiuso i necessari accordi per far partire il servizio e, in ogni caso, non tutte sono già partite e andate a regime.

Discorso analogo per quanto riguarda le farmacie: nell’ultima Legge di Bilancio è stata espressamente data anche alle farmacie italiane la possibilità di organizzarsi per effettuare le vaccinazioni anti-Covid direttamente nelle loro strutture. Anche in questo caso, però, sono poche le Regioni in cui sono stati trovati accordi effettivi, e in alcune di queste è attualmente possibile solo effettuare la prenotazione.

E’ infine notizia di oggi che anche i 63.600 odontoiatri italiani saranno coinvolti come vaccinatori contro il Covid. A dare il via libera il Ministero della Salute, nell’incontro con Filippo Anelli, Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO) e con il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale, Raffaele Iandolo. Diventano così oltre 150mila i medici che scendono in campo per dare il loro contributo alla campagna vaccinale (insieme ai 40mila specializzandi e con i 60mila medici del territorio, Mmg, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali). A loro possono aggiungersi i medici volontari, pensionati e liberi professionisti, che in più di un’occasione hanno dato la disponibilità, in tal senso, alle Regioni.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La rivoluzione della medicina generale: dalla dipendenza all’accreditamento, le soluzioni proposte dalle Regioni
Il documento delle Regioni: «La medicina generale non è più in grado di garantire che l'investimento notevole previsto dal PNRR porti i risultati auspicati». Proposte, obiettivi e criticità
Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti
Passati da tempo i problemi di approvvigionamento, ora c’è una tale quantità di vaccini in circolazione che i Paesi ricchi non riescono più a smaltirli. E mentre la FDA americana approva la terza dose di Pfizer per gli over 65, sia Biden che Draghi promettono nuove donazioni ai Paesi in via di sviluppo
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
Remunerazione, servizi e formazione. Tobia (Federfarma): «Così sta cambiando la farmacia italiana»
Intervista al Segretario Nazionale di Federfarma: «Emergenza Covid ci ha segnato ma siamo stati esempio per il resto d’Europa»
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano