Lavoro 18 Febbraio 2021 12:58

Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati

Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»

Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati

Inviata ai sindacati (Fimmg, Snami, Smi e Intesa Sindacale) la bozza del “Protocollo d’intesa tra il Governo, le Regioni e i sindacati” per le vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Tra le altre cose, il testo prevede accordi regionali con cui definire quali vaccini somministrare e a chi somministrarli e il compenso che ogni camice bianco recepirà per la prestazione (6,16 euro ad inoculazione, che può essere aumentato fino al 50%). Il testo è ora allo studio dei vari sindacati ma le reazioni (anche piuttosto critiche) non si sono fatte attendere.

Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»

«Se lo Stato come coordinamento costante tra il Ministro della Salute, la struttura del Commissario e Regioni e Province autonome vuole realmente contrastare il diffondersi del contagio da Covid-19, dovrebbe avere una definita strategia di vaccinazione». È quanto afferma Angelo Testa, Presidente nazionale dello Snami (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) in merito alla bozza del protocollo.

«Al momento – si può leggere in una nota – la strategia di procedere alla vaccinazione della popolazione italiana nel più breve tempo possibile con il coinvolgimento attivo dei medici di medicina generale non esiste. Se il coinvolgimento reale e concreto dei Medici è il protocollo di intesa proposto dal governo al nostro sindacato, lo rimandiamo indietro direttamente al mittente».

«Come Snami – aggiunge Domenico Salvago, Vicepresidente nazionale – ribadiamo la necessità che ci sia fretta di vaccinare la popolazione, che ci sia un congruo finanziamento, che vengano coinvolte molteplici figure sanitarie» e che «la massa venga vaccinata in centri vaccinali organizzati nella componente amministrativa e segretariale, infermieristica e medica allargata a tutti i comparti della medicina».

Lo Snami manifesta inoltre la sua disponibilità a discutere (ad un tavolo «paritetico e costruttivo») un progetto «realistico e realizzabile, rispettoso della dignità dei Medici», non ritenendo accettabile «qualsiasi imposizione improvvisa “dall’alto”, tanto più se priva di possibile realistico sviluppo».

Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori»

«Le tariffe dipendono dal modello organizzativo che viene proposto a livello locale e quindi vanno decise in quell’ambito. Il problema, piuttosto, è come omogeneizzare i percorsi e le procedure, in modo da garantire al meglio i cittadini e gli operatori». È quanto afferma all’Adnkronos Salute Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg). Per quanto riguarda la disponibilità alla vaccinazione, Scotti spiega che «la medicina generale non si è mai tirata indietro, tanto che, in questa fase di assenza di un’intesa nazionale, sono stati chiusi diversi accordi regionali come in Val D’Aosta, Piemonte, Emilia Romagna e diversi in altre Regioni». Si tratta di accordi «legati a premialità attraverso obiettivi, che sono collegati alla complessità organizzativa e alle necessità di vaccinazioni domiciliari. Percorsi adattati a modelli vaccinali locali».

Scotti poi lamenta il mancato ascolto sul personale di studio «perché è chiaro che ai medici serve il personale per partecipare autonomamente alla vaccinazione. Avevamo chiesto che si utilizzasse quanto previsto dalla Finanziaria per il personale della medicina generale, convogliando quel personale e finalizzandolo a questa operazione. Nel protocollo di intesa questo poteva essere un importante indirizzo che in qualche accordo regionale è stato già ripreso».

In generale, ha ribadito Scotti, «non accettiamo di parlare di tariffe in un protocollo d’intesa. Le tariffe sono dinamiche che rientrano negli accordi contrattuali. Un protocollo d’intesa non ha un valore di un accordo contrattuale. È impensabile fare un protocollo nazionale che possa condizionare accordi fatti al livello regionale».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...