Lavoro 18 Febbraio 2021 12:58

Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati

Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»

Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati

Inviata ai sindacati (Fimmg, Snami, Smi e Intesa Sindacale) la bozza del “Protocollo d’intesa tra il Governo, le Regioni e i sindacati” per le vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Tra le altre cose, il testo prevede accordi regionali con cui definire quali vaccini somministrare e a chi somministrarli e il compenso che ogni camice bianco recepirà per la prestazione (6,16 euro ad inoculazione, che può essere aumentato fino al 50%). Il testo è ora allo studio dei vari sindacati ma le reazioni (anche piuttosto critiche) non si sono fatte attendere.

Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»

«Se lo Stato come coordinamento costante tra il Ministro della Salute, la struttura del Commissario e Regioni e Province autonome vuole realmente contrastare il diffondersi del contagio da Covid-19, dovrebbe avere una definita strategia di vaccinazione». È quanto afferma Angelo Testa, Presidente nazionale dello Snami (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) in merito alla bozza del protocollo.

«Al momento – si può leggere in una nota – la strategia di procedere alla vaccinazione della popolazione italiana nel più breve tempo possibile con il coinvolgimento attivo dei medici di medicina generale non esiste. Se il coinvolgimento reale e concreto dei Medici è il protocollo di intesa proposto dal governo al nostro sindacato, lo rimandiamo indietro direttamente al mittente».

«Come Snami – aggiunge Domenico Salvago, Vicepresidente nazionale – ribadiamo la necessità che ci sia fretta di vaccinare la popolazione, che ci sia un congruo finanziamento, che vengano coinvolte molteplici figure sanitarie» e che «la massa venga vaccinata in centri vaccinali organizzati nella componente amministrativa e segretariale, infermieristica e medica allargata a tutti i comparti della medicina».

Lo Snami manifesta inoltre la sua disponibilità a discutere (ad un tavolo «paritetico e costruttivo») un progetto «realistico e realizzabile, rispettoso della dignità dei Medici», non ritenendo accettabile «qualsiasi imposizione improvvisa “dall’alto”, tanto più se priva di possibile realistico sviluppo».

Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori»

«Le tariffe dipendono dal modello organizzativo che viene proposto a livello locale e quindi vanno decise in quell’ambito. Il problema, piuttosto, è come omogeneizzare i percorsi e le procedure, in modo da garantire al meglio i cittadini e gli operatori». È quanto afferma all’Adnkronos Salute Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg). Per quanto riguarda la disponibilità alla vaccinazione, Scotti spiega che «la medicina generale non si è mai tirata indietro, tanto che, in questa fase di assenza di un’intesa nazionale, sono stati chiusi diversi accordi regionali come in Val D’Aosta, Piemonte, Emilia Romagna e diversi in altre Regioni». Si tratta di accordi «legati a premialità attraverso obiettivi, che sono collegati alla complessità organizzativa e alle necessità di vaccinazioni domiciliari. Percorsi adattati a modelli vaccinali locali».

Scotti poi lamenta il mancato ascolto sul personale di studio «perché è chiaro che ai medici serve il personale per partecipare autonomamente alla vaccinazione. Avevamo chiesto che si utilizzasse quanto previsto dalla Finanziaria per il personale della medicina generale, convogliando quel personale e finalizzandolo a questa operazione. Nel protocollo di intesa questo poteva essere un importante indirizzo che in qualche accordo regionale è stato già ripreso».

In generale, ha ribadito Scotti, «non accettiamo di parlare di tariffe in un protocollo d’intesa. Le tariffe sono dinamiche che rientrano negli accordi contrattuali. Un protocollo d’intesa non ha un valore di un accordo contrattuale. È impensabile fare un protocollo nazionale che possa condizionare accordi fatti al livello regionale».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...