Salute 3 Marzo 2020

Giornata mondiale dell’udito, focus a Napoli: «Screening e approccio integrato già da bambini»

Presenti anche il presidente della Regione Vincenzo De Luca e il neo Ministro dell’Università e Ricerca Gaetano Manfredi. Da entrambi la promessa di un impegno condiviso per combattere disagio sociale e garantire parità di accesso a studio e lavoro

Si è tenuta a Napoli nei giorni scorsi la 3ª Conferenza Nazionale sulla Sordità, organizzata dall’Ente Nazionale Sordi con il patrocinio della Regione Campania nell’ambito del POR Campania FSE 2014/2020. Una tre giorni che ha visto un parterre di esperti, professionisti, operatori e espositori con l’intento di fornire un quadro scientifico aggiornato sulla sordità e sulle diverse tematiche – mediche, riabilitative, didattiche, sociali e assistenziali – ad essa correlate, delineare tutte le nuove prospettive tra progresso scientifico e tutela sociale e sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni su quella che è conosciuta come la “disabilità invisibile”.

«Con questa manifestazione – ha commentato il Presidente Nazionale ENS Giuseppe Petrucci – abbiamo voluto far emergere tutte le sfaccettature della comunità sorda, la complessità e la multidimensionalità della sordità e la necessità di adottare un approccio integrato. Perché la reale inclusione – ha concluso Petrucci – non passa da pregiudizi o inutili antagonismi, ma da una corretta e continua informazione, dal mettere al centro di tutto la persona nella sua unicità e globalità e dal garantire alle cittadine e ai cittadini sordi tutti i percorsi, gli strumenti e le scelte comunicative per crescere in autonomia, autodeterminarsi e realizzare pienamente se stessi».

Tra i punti focali del confronto ci sono stati lo screening, diagnosi, prevenzione, Lingua dei Segni, bilinguismo bimodale, prospettive riabilitative per i bambini sordi, ricerche genetiche sulla sordità, tecnologie assistive, interventi e ausili, come l’impianto cocleare, le protesi impiantabili e le protesi acustiche, e la possibile convivenza e cooperazione tra IC e lingua dei segni. «Lo screening in Campania è argomento di attualità – afferma il prof.Elio Marciano , direttore dell’UOC di Audiologia e Vestibologia della AOU Federico II di Napoli – e già dal 2006 è partito un progetto di indagine su tutti i nati della Regione. Dal 2006 ad oggi sono stati esaminati circa 700mila bambini. Questo progetto – continua – vede la collaborazione tra i centri nascita e le terapie intensive neonatali, le strutture di secondo livello di otorinolaringoiatria e audiologia e quelle di terzo livello come quella che dirigo. Il centro di riferimento regionale deve approfondire i percorsi diagnostici precedenti ed arrivare ad una diagnosi conclusiva. La presa in carica del bambino avviene tramite follow up audiologici, protesizzazioni ma anche poi seguire il bambino sulle performance percettive linguistiche e nel caso prevedere l’utilizzo di impianti cocleari. Molto importante – conclude Marciano – la diagnosi genetica, infatti i bambini interessati vengono analizzati per la connessina 26 e la connessina 30, e con altri tipi di indagine tramite pedegree genetico del bambino, a seguito del quale questi verrà indirizzato verso un percorso multidisciplinare».

LEGGI ANCHE: #UNGIORNOCON | L’AUDIOPROTESISTA: IL RAPPORTO CON IL PAZIENTE INIZIA CON L’APPLICAZIONE DEL PRESIDIO

Presente all’inizio dei lavori il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che è così intervenuto: «Ci tenevo particolarmente ad essere qui; per affrontare i problemi delle persone con disabilità bisogna avere un sistema di valori e un’idea di società, nella testa e nel cuore, che rispetti in primo luogo le persone più deboli. Il grado di civiltà di una comunità si misura dal modo in cui si riescono ad affrontare questi problemi. Abbiamo già raddoppiato gli investimenti, ma vogliamo fare sempre di più per combattere il disagio sociale; oggi la nostra priorità è l’inserimento lavorativo delle persone sorde».

A dare il suo saluto anche il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, che ha ribadito un grande impegno sul campo per abbattere le barriere che ancora oggi ostacolano le persone sorde nello studio e nel lavoro: «Oggi abbiamo davanti a noi questa grande sfida, la piena inclusione passa da qui. Il nostro obiettivo è raggiungere la parità di accesso, non la facilitazione, che permetta agli studenti sordi di raggiungere i massimi livelli di formazione. Garantisco – ha concluso il Ministro – il massimo impegno su questo tema da parte mia, del governo e del Presidente Giuseppe Conte; fondamentale il dialogo con tutte le parti coinvolte, come stiamo facendo in questa occasione con l’ENS, per arrivare al migliore risultato possibile, per il bene comune».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Tifosi del Napoli in piazza per festeggiare la Coppa Italia, Guerra (OMS): «Sciagurati, non ce lo possiamo permettere»
Dura presa di posizione del Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dopo gli assembramenti di ieri
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
AO dei Colli (Napoli): «Ora non abbassare la guardia»
L’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO) non abbassa la guardia anche con la ripresa delle attività ordinarie. L’Ospedale Cotugno, polo infettivologico del Sud Italia, ha affrontato e affronta l’emergenza Covid in prima linea. Nonostante il numero dei ricoveri sia fortunatamente calato sia nei posti ordinari che di terapia intensiva e sub intensiva, […]
di Azienda Ospedaliera dei Colli
Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?
L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»