Salute 10 Giugno 2015 18:42

«Sono salvo ma di Ebola dobbiamo avere ancora paura»

Il grazie ai medici ed un monito per Stefano Marongiu, il paziente 2 guarito dall’Ebola: «Formazione fondamentale, ma il mondo non deve abbassare la guardia»

«Sono salvo ma di Ebola dobbiamo avere ancora paura»

Sono abituato a sentirmi dire grazie dalle persone a cui presto soccorso. Stavolta sono io ad avere una lista infinita di ringraziamenti». Visibilmente commosso, Stefano Marongiu – l’infermiere sardo contagiato dall’Ebola – ha raccontato la sua guarigione all’istituto “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

Proprio nell’Istituto di ricerca per le malattie infettive è stata vinta la seconda battaglia contro l’epidemia dopo il caso del medico siciliano, Fabrizio Pulvirenti, dimesso lo scorso 2 gennaio dopo 40 giorni di isolamento totale.

È invece durato 29 giorni il ricovero dell’infermiere di Emergency.  «Ai due pazienti italiani guariti dal virus ebola sono stati applicati protocolli clinici in parte differenti: questo poiché “ogni caso di infezione è diverso»,  ha spiegato il direttore scientifico dell’Istituto “Spallanzani”, Giuseppe Ippolito, che ha poi reso noti i tipi di farmaci impiegati: «per Pulvirenti abbiamo utilizzato il Favipiravir ottenuto dal Giappone, plasma da convalescente giunto da Germania e Spagna, il farmaco Zmab ed un altro medicinale prodotto in Italia, il Melanocortin. Per Marongiu i due farmaci Favipiravir e Nill 77, quest’ultimo di produzione cinese». Per l’infermiere sardo, ha inoltre chiarito Ippolito, si è deciso di non usare il plasma da convalescente «poiché la situazione non lo richiedeva e considerando i rischi comunque legati a tale opzione terapeutica». «La mia mia guarigione è una vittoria di squadra:  c’è stato un coinvolgimento internazionale grazie all’Italia, e allo “Spallanzani” che con l’eccellenza della sua equipe medica mi ha salvato la vita e, sinceramente, avendo visto i miei valori so che è stata un impresa: mi hanno trattato come un amico da salvare ad ogni costo».

Marongiu ha ringraziato tutti, sottolineando l’importanza di esser partito per la Sierra Leone, adeguatamente preparato e formato da Emergency: «Davanti ad Ebola non bisogna abbassare la guardia, ora c’è il rischio di non averne più paura. La  formazione – aggiunge –  è fondamentale per affrontare questa epidemia e le tante altre, che non vanno sottovalutate, che minacciano milioni di persone>. Se per Marongiu è finito l’incubo, la situazione resta ancora profondamente preoccupante, specialmente in Africa. A maggio si è registrata una nuova impennata di casi in Guinea e gli esperti parlano di nuovi focolai. «Adesso mi aspetta la mia famiglia, ma mi piacerebbe essere ancora d’aiuto sia allo “Spallanzani”, collaborando alla ricerca, sia tornando in Africa, quando, chiaramente, ci saranno le condizioni per farlo».

Nonostante la bella notizia delle dimissioni di Stefano Marongiu, il caso continua comunque a tenere banco anche alla luce di tutte le criticità emerse poco alla volta nel corso di questo mese. A Cagliari si è riunita l’unità di crisi regionale per fare il punto sul caso. All’incontro, voluto e presieduto dall’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, ha partecipato, in qualità di rappresentante del ministero della Salute, anche il direttore generale della prevenzione sanitaria Raniero Guerra. Ma se in Italia la vicenda ha avuto un lieto fine, in Europa e nel resto del mondo l’aria che tira appare ben diversa. Tant’è che il cancelliere tedesco, Angela Merkel, aveva messo tra le questioni prioritarie da affrontare nel G7 appena concluso proprio la discussione su come è stata affrontata, a livello mondiale, la questione Ebola e quali sono le lezioni da imparare per evitare che si ripetano emergenze simili in futuro. I risultati? Deludenti, almeno secondo Medici Senza Frontiere: per Bruce de la Vingne, direttore delle operazioni di MSF, sarebbe stato necessario puntare in maniera nettamente più decisa sulla formazione del personale mentre  per Joanne Liu, presidente internazionale di MSF ha evidenziato i rischi legati alla diffusione di nuove epidemie:  sono infatti saliti ad 87 i casi totali di infezione da virus MERS (Middle East Respiratory Syndrome) che si sono verificati in Corea del Sud. Di questi, 23 sono quelli registrati soltanto negli ultimi giorni, mentre 17 soggetti infetti provengono dallo stesso pronto soccorso dell‘ospedale di Seul dove il primo paziente è stato ricoverato dopo la conferma alla positività al virus MERS.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.