Salute 4 Aprile 2019 12:38

#StorieRare | La sindrome di Prader-Willi, quei bambini che non riescono a smettere di mangiare

Eugenio Grimaldi, presidente dell’Associazione Prader-Willi Campania e padre di una bambina affetta dalla sindrome: «Non scambiateli per bambini obesi con disturbi alimentari. Iperfagia e senso di non sazietà possono essere dovuti alla malattia genetica rara»

All’inizio hanno difficoltà a mangiare, poi non possono più farne a meno e bambini di 7-8 anni arrivano a pesare fino a 200 chili. (Troppo) spesso scambiati per bimbi che soffrono di disturbi alimentari, sono invece affetti dalla sindrome di Prader-Willi, una malattia genetica rara che colpisce un nato ogni 25mila, caratterizzata da iperfagia e mancanza di sazietà, difficoltà di apprendimento, disturbi comportamentali o problemi psichiatrici gravi. I primi due anni di vita di questi bambini sono caratterizzati da problemi alla deglutizione e all’allattamento; poi, l’obesità causata dall’iperfagia è la causa più importante di morbidità e mortalità.

LEGGI ANCHE: #STORIERARE, LUCA E LA DISTROFIA DI DUCHENNE: «OGNI GIORNO È UNA SFIDA, MA LA MALATTIA NON MI HA IMPEDITO DI VIAGGIARE»

«Abbiamo scoperto che nostra figlia è affetta dalla sindrome quasi subito – ci ha raccontato Eugenio Grimaldi, presidente dell’Associazione Prader-Willi Campania, che ha ritirato il Premio OMAR per la migliore divulgazione attraverso video per lo spot “Ciak! Molto bene!” per la capacità di rappresentare in maniera inedita e originale la reazione umana di fronte ad una malattia rara e sconosciuta -. Arrivare velocemente alla diagnosi è stato molto importante, perché prima si agisce meglio è. Si limitano i danni – prosegue – perché conoscendo e affrontando la sindrome di Prader-Willi gli specialisti possono alleviare determinate difficoltà».

La sindrome infatti non è ancora curabile, ma la somministrazione dell’ormone della crescita GH sin dai primi mesi di vita sta dando ottimi risultati: «Non elimina il senso di non sazietà, ma è stato scientificamente provato che chi assume l’ormone somatotropo può avere una qualità di vita nettamente migliore», specifica Grimaldi. Come in tante altre malattie, la diagnosi precoce è quindi fondamentale. E per questo l’Associazione Prader-Willi Campania lavora per far conoscere la sindrome il più possibile.

«Per le famiglie di un bambino affetto dalla sindrome – aggiunge il presidente dell’Associazione – gestire la quotidianità non è semplice. Organizziamo quindi dei percorsi di aiuto per i genitori e lottiamo per rendere più nota e quindi facilmente riconoscibile la sindrome. Così – conclude – cerchiamo di offrire un futuro migliore ai nostri figli».

LEGGI ANCHE: #STORIERARE DI TALASSEMIA: «SIAMO MALATI, MA TRA TRSFUSIONI E TERAPIE CERCHIAMO UNA VITA NORMALE»

Articoli correlati
Malattie rare, approvato all’unanimità il Testo unico in Commissione al Senato. Macchia (Omar): «Notizia bellissima»
Il passaggio in Aula dovrebbe essere «soltanto una formalità». La soddisfazione del Sottosegretario Sileri e della Presidente della commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama Annamaria Parente
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
Green Pass, rush finale alla Camera. Malattie rare e riforma emergenza sanitaria in agenda
Via libera di Montecitorio atteso in settimana, ma già si parla di un nuovo provvedimento per estendere il certificato Covid. In Commissione Affari sociali il decreto per l’esercizio in sicurezza dell’anno scolastico. FNOMCeO audita in commissione Sanità sul sistema di emergenza-urgenza sanitaria e disciplina dell'autista soccorritore
di Francesco Torre
Regimenti (Fi): «Commissione Ue crei un fondo per produrre “medicinali orfani”
«Se chi produce farmaci deve fare i conti con i bilanci e gli alti costi per la ricerca e la produzione, le istituzioni hanno l’obbligo di farsi carico del problema»
Covid, Omar: «Su Green pass Ministero e Cts chiariscano il destino dei non vaccinabili»
L’Osservatorio malattie rare: «Come dovrà essere fatto certificato alternativo? Da chi? Una volta indicati sono in condizioni di farlo?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...