Salute 4 Aprile 2019

#StorieRare | La sindrome di Prader-Willi, quei bambini che non riescono a smettere di mangiare

Eugenio Grimaldi, presidente dell’Associazione Prader-Willi Campania e padre di una bambina affetta dalla sindrome: «Non scambiateli per bambini obesi con disturbi alimentari. Iperfagia e senso di non sazietà possono essere dovuti alla malattia genetica rara»

All’inizio hanno difficoltà a mangiare, poi non possono più farne a meno e bambini di 7-8 anni arrivano a pesare fino a 200 chili. (Troppo) spesso scambiati per bimbi che soffrono di disturbi alimentari, sono invece affetti dalla sindrome di Prader-Willi, una malattia genetica rara che colpisce un nato ogni 25mila, caratterizzata da iperfagia e mancanza di sazietà, difficoltà di apprendimento, disturbi comportamentali o problemi psichiatrici gravi. I primi due anni di vita di questi bambini sono caratterizzati da problemi alla deglutizione e all’allattamento; poi, l’obesità causata dall’iperfagia è la causa più importante di morbidità e mortalità.

LEGGI ANCHE: #STORIERARE, LUCA E LA DISTROFIA DI DUCHENNE: «OGNI GIORNO È UNA SFIDA, MA LA MALATTIA NON MI HA IMPEDITO DI VIAGGIARE»

«Abbiamo scoperto che nostra figlia è affetta dalla sindrome quasi subito – ci ha raccontato Eugenio Grimaldi, presidente dell’Associazione Prader-Willi Campania, che ha ritirato il Premio OMAR per la migliore divulgazione attraverso video per lo spot “Ciak! Molto bene!” per la capacità di rappresentare in maniera inedita e originale la reazione umana di fronte ad una malattia rara e sconosciuta -. Arrivare velocemente alla diagnosi è stato molto importante, perché prima si agisce meglio è. Si limitano i danni – prosegue – perché conoscendo e affrontando la sindrome di Prader-Willi gli specialisti possono alleviare determinate difficoltà».

La sindrome infatti non è ancora curabile, ma la somministrazione dell’ormone della crescita GH sin dai primi mesi di vita sta dando ottimi risultati: «Non elimina il senso di non sazietà, ma è stato scientificamente provato che chi assume l’ormone somatotropo può avere una qualità di vita nettamente migliore», specifica Grimaldi. Come in tante altre malattie, la diagnosi precoce è quindi fondamentale. E per questo l’Associazione Prader-Willi Campania lavora per far conoscere la sindrome il più possibile.

«Per le famiglie di un bambino affetto dalla sindrome – aggiunge il presidente dell’Associazione – gestire la quotidianità non è semplice. Organizziamo quindi dei percorsi di aiuto per i genitori e lottiamo per rendere più nota e quindi facilmente riconoscibile la sindrome. Così – conclude – cerchiamo di offrire un futuro migliore ai nostri figli».

LEGGI ANCHE: #STORIERARE DI TALASSEMIA: «SIAMO MALATI, MA TRA TRSFUSIONI E TERAPIE CERCHIAMO UNA VITA NORMALE»

Articoli correlati
PCDH19, la voce di famiglie e ricercatori: «Speriamo in un trattamento, ma servono tempo e finanziamenti»
La malattia rara provoca attacchi epilettici, ritardi cognitivi, disturbi comportamentali e dello spettro autistico. La presidente della Onlus "Insieme per la ricerca PCDH19": «Colpisce soprattutto le bambine. In Italia le diagnosi sono solo 80»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
Malattie rare, il ruolo del “Sibling”. Bartoli (Omar): «Hanno una marcia in più, molti si dedicano alle professioni del sociale»
La survey dell’Osservatorio Malattie Rare ha dato voce e visibilità ai genitori dei pazienti e ai Sibling, fratelli e sorelle di bambini o adulti affetti da malattia rara. «È emersa una situazione molto sfaccettata che dipende anche dalla gravità della patologia»
#StorieRare | Beatrice, mamma di un bambino affetto da SMA: «Una fortuna che sia nato in Italia»
Orlando ha quasi 6 anni. A 10 mesi gli è stata diagnosticata l’Atrofia Muscolare Spinale di tipo 2. Ma da allora nel mondo SMA sono cambiate tante cose: c’è un farmaco specifico per la malattia a carico del Ssn, in alcune Regioni c’è uno screening neonatale gratuito e la ricerca promette ulteriori passi avanti
Rapporto OSSFOR, Berni (Rete Toscana): «Assistenza farmaceutica e ricoveri ospedalieri maggior spesa per malati rari»
«Il Dpcm sui nuovi Lea non ci ha colto impreparati: la maggior parte dei nuovi codici di esenzione erano già entrati nei nostri Lea aggiuntivi regionali. Un vantaggio per i pazienti e la programmazione sanitaria» così la Responsabile della Rete Malattie Rare Toscana Cecilia Berni a Sanità Informazione
Malattie rare, al via la conferenza sulla sindrome da mutazioni a carico del gene PCDH19 all’università eCampus di Roma
Il 22 e 23 Novembre 2019,  presso l’Università eCampus di Roma, l’Associazione “Insieme per la Ricerca PCDH19 Onlus” rinnova l’appuntamento biennale con la Conferenza mondiale sulla sindrome causata da mutazioni a carico del gene PCDH19. Tale patologia, notificata nel registro delle malattie rare, colpisce quasi esclusivamente bambine fin dai primi mesi di vita determinando un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...