Salute 4 Maggio 2018 17:20

Sicurezza dati sanitari, Gabbrielli (ISS): «Giusto proteggerli ma attenzione a non comprometterne l’utilizzo per la ricerca»

L’aggiornamento alla normativa della privacy in arrivo per il 25 maggio dovrà riuscire a mantenere un corretto equilibrio fra protezione e progresso. «La medicina del futuro dipende dai Big data» così Francesco Gabbrielli, Direttore del Centro Nazionale per la Telemedicina dell’Istituto Superiore di Sanità

Sicurezza dati sanitari, Gabbrielli (ISS): «Giusto proteggerli ma attenzione a non comprometterne l’utilizzo per la ricerca»

La protezione dei dati sanitari è elemento imprescindibile per il corretto rispetto della privacy, tuttavia il trattamento d’informazioni sensibili è allo stesso tempo fondamentale per perseguire finalità di ricerca scientifica. Il regolamento europeo, che sarà operativo dal prossimo 25 maggio, rivoluzionerà il trattamento dei dati e dovrà riuscire a coniugare la sicurezza di questi con lo sviluppo e il progresso dettato dalla scienza. Ad approfondire il tema è Francesco Gabbrielli, Direttore del Centro Nazionale per la Telemedicina e le Nuove Tecnologie Assistenziali dell’Istituto Superiore di Sanità.

Sicurezza dei dati sanitari: di cosa parliamo?

«La sicurezza è un problema che dobbiamo affrontare, i dati sanitari (ma in generale tutti i dati) costituiscono un patrimonio: vengono generati dalle attività del Servizio Sanitario Nazionale, quindi sono da considerare di proprietà del paziente, ma rappresentano anche un patrimonio del SSN utile per la ricerca. È ovvio che queste informazioni sensibili vadano difese da un uso improprio, ma allo stesso tempo bisogna fare attenzione che siano bene incanalate e bene indirizzate rispetto alle questioni etiche oltre a quelle di ricerca e di progresso. Sappiamo che i cyber attacchi verso dati sanitari progressivamente stanno crescendo, proprio per questo l’Istituto Superiore di Sanità, insieme alla Polizia Postale e a vari esperti italiani del settore, ha fondato un gruppo di Cyber security che studia il fenomeno ed elabora strategie di difesa per ospedali e strutture assistenziali. La finalità è innanzitutto garantire la giusta protezione e anche la salvaguardia di queste informazioni preziose per il progresso».

TI POTREBBE INTERESSARE: FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO, MORUZZI (ASSINTER): «ANCORA DISPARITÀ TRA NORD E SUD ITALIA. REGIONI SI ADEGUINO» 

Sicurezza e progresso: due limiti che spesso entrano in conflitto?

«È fondamentale mantenere un corretto equilibrio tra la sicurezza delle informazioni sensibili e la possibilità di sfruttarle al meglio con finalità scientifiche.  In ambito biomedico, la condivisione delle informazioni è fondamentale per la ricerca, soprattutto oggi con le potenze di calcolo di cui siamo dotati e che sempre di più progrediranno, abbiamo la possibilità di modificare il modo stesso di fare medicina. Abbiamo la possibilità di fare di più di quello che facciamo adesso, nuove terapie basate su ulteriori possibilità generate dal fatto che siamo capaci di utilizzare in tempi rapidissimi un’enorme quantità di dati che prima non potevamo fare. Questo renderà possibile sviluppare nuove soluzioni e quindi la possibilità di creare nuove cure per i pazienti. Pensiamo solo all’ambito dell’oncologia o delle malattie rare quanto lo sviluppo e il progresso potrebbero fare per trovare nuove tecniche di diagnosi e di cura».

Con la nuova normativa sulla privacy è possibile che attacchi e utilizzi illeciti diminuiscano?

«I dati in rete corrono sempre dei pericoli, portare a zero questo rischio è pressoché impossibile, tuttavia è possibile diminuirne la probabilità. Di quale rischio stiamo parlando? Del rischio che qualcuno si appropri dei nostri dati e li usi per scopi non leciti o estremamente discutibili da un punto di vista etico e morale. Noi dobbiamo proteggerci da questo ma dobbiamo fare attenzione a farlo nel modo giusto per non compromettere il futuro».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Emofilia: nasce REmoTe, il progetto che porta i centri a casa dei pazienti
REmoTe è il progetto di telemedicina nell’ambito delle malattie emorragiche congenite (MEC) e in particolare dell’emofilia
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Che fine farà dopo la pandemia la teledermatologia? Rubegni: «Libera scelta al paziente»
Negli Usa i dermatologi sono favorevoli ad utilizzare la telemedicina anche ad emergenza rientrata. L’esperto italiano: «Sarà compito degli specialisti indicare quali tipologie di visite possono essere svolte a distanza e dovere del Sistema Sanitario assicurarne la fattibilità»
di Isabella Faggiano
Nuovo report Cabina di regia: «Miglioramento generale del rischio. Nessuna Regione a rischio alto»
Con l’ultima ordinanza del Ministro Speranza Valle d'Aosta in rosso e la Sardegna in arancione. Brusaferro: «Il virus muta in continuazione ma non tutte le varianti devono preoccupare». Rezza: «Aperture graduali e caute. Cogliere i segnali di allarme»
Rianimazione, si punta sui social in attesa di entrare a scuola
Le nuove linee guida di ILCOR per 2021-2025 puntano su app, pagine social, canali YouTube a supporto della medicina. Grieco (Kids Save Lives) lancia un appello alle istituzioni: «Da mesi c’è una legge ferma in Senato che introduce la rianimazione cardio polmonare nelle scuole e la diffusione della defibrillazione esterna automatizzata, è ora di sbloccarla»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...