Salute 27 Luglio 2020

«Siamo noi la seconda ondata». Sul Guardian lo sfogo di una malata di Covid a lungo termine

La storia di Jemma Kennedy, malata da oltre due mesi di Covid-19: gli strascichi del virus e la condizione cronica di chi non torna a star bene

Immagine articolo

«Dimenticatevi la seconda ondata di Covid-19. Siamo noi che non riusciamo a guarire, la seconda ondata». Jemma Kennedy, giornalista e scrittrice, si sfoga sul Guardian richiamando l’attenzione e chiedendo più aiuto. C’è una fetta di malati a lungo termine di coronavirus che supera la malattia dopo molto tempo, di solito non si ammala gravemente ma il tampone continua a restare positivo per mesi. E il post malattia diventa un calvario. Li chiamano “long-haulers”, i “duri a guarire”. Persone per cui il virus si trasforma in un incubo di sintomi eterni, che a volte lasciano nel corpo condizioni croniche.

«Mi sono ammalata a metà marzo. La mia diagnosi rivelava una “forma debole” di Covid-19 – scrive – ma il mio corpo mi diceva diversamente». Jemma è stata positiva per oltre 2 mesi. «Per 6 settimane sembrava che ogni cellula del mio corpo fosse stata avvelenata, insieme a un costante dolore al petto e al fiato corto». A maggio sembrava fosse guarita, «solo per essere di nuovo colpita da una botta di fatica post-virale che mi sembrava forte quasi quanto il virus».

La scrittrice si descrive come una persona sana, che prima del virus si prendeva cura del suo corpo con attenzione. Buon cibo, esercizio e piacevoli nottate di sonno. Ora «il mio cuore di notte fa le piroette tra le mie costole. Dormire è difficilissimo e spesso devo farlo da seduta, per evitare il fortissimo dolore ai polmoni che mi dà la posizione supina». Mesi e mesi di gastroenterite le hanno lasciato una colite lieve ma costante, che la obbliga a un regime alimentare molto rigido. «Mi fa male la testa, mi prude la pelle, la stanchezza mi ricopre come una coperta pesantissima».

I medici non sanno come trattare questa forma di virus. Né cosa consigliare ai pazienti che si ritrovano a essere “malati a lungo termine”. Molti sono giovani e faticano ad accettare la potenziale cronicità degli strascichi di Covid-19. Kennedy parla anche dei terribili effetti psicologici di questa situazione. Depressione, ansia e senso di abbandono per avere un disturbo che nessuno sa ancora curare, in una forma che nessuno sa spiegare.

«La scorsa settimana – prosegue – mi sono arresa e sono stata a letto tutto il giorno. Mio marito, che ora deve vestirmi, lavarmi e in parte anche darmi da mangiare, mi ha guardata con una sofferenza rassegnata. “Non so come aiutarti”, ha detto». La scrittrice chiede aiuto per sé e per chiunque si trovi nella sua situazione, ma in condizioni economiche peggiori. I sintomi sono invalidanti e non permettono di lavorare come si poteva fare prima, per chi ha figli a carico si trasforma in una vera disabilità.

«Abbiamo bisogno di rassicurazioni e aiuto. Non possiamo essere lasciati ai settori volontari e di carità per condurre delle ricerche o avere supporto, come è successo con la sindrome da fatica cronica». Sopratutto, deve essere chiaro ai giovani che da questa forma loro non sono al sicuro. «La nostra storia post-Covid potrebbe non finire, ma mentre ci lecchiamo le ferite, serva almeno come un avvertimento per le persone sane che pensano che il peggio sia finito. Per alcuni potrebbe essere solo l’inizio.»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
OMCeO Milano, un libro per raccontarne storia e prospettive. Rossi: «Serve un piano pandemico»
Il presidente dell'Ordine dei Medici: «13% di medici milanesi colpiti da Covid, troppi. Impariamo dagli errori del passato. Non si risparmia sulla sanità»
di Federica Bosco
Magi (OMCeO Roma): «Prima che sia emergenza vera le Regioni si dotino dei Dpi per tutelare medici e pazienti»
«In questo modo eviteremo anche la chiusura degli ambulatori ospedalieri e territoriali e la conseguente sospensione delle cure a milioni di cronici - dichiara il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi - è necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri colleghi e tutelare i pazienti»
Coronavirus, decine di migliaia di studi pubblicati: «Così sono infruibili»
Una squadra di ricerca applica algoritmi di machine learning a oltre 30mila pubblicazioni. La scoperta? «Studi genetici, biomolecolari e test di laboratorio sono sottorappresentati»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...