Salute 16 Luglio 2020

Ceppo europeo e poco mutevole: da Niguarda e San Matteo la “carta d’identità” del Covid

Il direttore scientifico Carlo Federico Perno: «Virus destinato a restare. Attenzione alle frontiere, se rientra a settembre sarà ancora emergenza»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Distanziamento sociale e controllo delle frontiere e dei flussi migratori per evitare che in autunno si riaccenda la miccia e riesploda l’emergenza. Un appello agli italiani e alla politica del professor Carlo Federico Perno, responsabile scientifico del più grande studio realizzato fino ad oggi sul sequenziamento del coronavirus in una stessa area geografica. La zona presa in esame è la Lombardia e a realizzarlo sono stati i ricercatori dell’Ospedale Niguarda di Milano e del San Matteo di Pavia con il sostegno di Fondazione Cariplo.

«Abbiamo sequenziato tutto il virus presente nei pazienti ed abbiamo avuto una serie di indicazioni – spiega il professor Perno, in forza al Niguarda nei mesi scorsi ed oggi direttore di biologia dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma -. Il virus era già presente in Lombardia, quando è stato scoperto a Codogno, da almeno un mese. Non solo: è rimasto uguale, nella sua consistenza, mentre la malattia ora è meno invasiva perché, grazie ad una maggiore consapevolezza, viene affrontata prima. Questo è un elemento che ci permette di pensare che un vaccino possa essere efficace».

«Infine, abbiamo rilevato che in Lombardia dal mese di gennaio girava un virus di due ceppi differenti, uno a sud, nella zona di Codogno e Cremona, e l’altro più a nord tra Brescia e Bergamo. Questo significa che le entrate del virus sono state molteplici, quasi nello stesso periodo. Il problema è che la Lombardia, per le sue caratteristiche economiche ed industriali, si è terribilmente prestata ad attivare autostrade multiple per il virus che è stato difficile da gestire. Ragione per cui oggi dobbiamo evitare assolutamente che rientri dalle frontiere, proveniente dai Paesi dove è attualmente endemico – ammette Perno -, altrimenti riavremo l’ondata autunnale. Molto dipende da noi e dalle nostre scelte personali e politiche».

I DUE CEPPI LOMBARDI

Proprio analizzando i dati raccolti tra il 22 febbraio e il 4 aprile 2020, che hanno fatto emergere due ceppi: con la lettera A viene identificato quello più a nord che ha investito Bergamo e comuni limitrofi, e con B quello riferibile a Cremona e Lodi. Appare evidente che gli scambi commerciali che caratterizzano la Lombardia siano stati il lascia passare di un virus che a fine gennaio circolava già, nelle due varianti, sul territorio Lombardo.

Due ceppi comunque molto simili (solo 7 mutazioni su 30 mila basi di genoma virale li differenziano), il che significa una stabilità del virus che ben si presta ad essere trattata da un vaccino che, a conti fatti, sembra essere la via maestra per vincere la battaglia contro il coronavirus. «È la strada privilegiata, perché questo virus che è strutturato per restare a lungo, ha due cugini: la SARS che risale al 2003 ed è morto e sepolto e quello che si chiama MERS che non riesce a fare il salto di specie e quindi è debole dal punto di vista della trasmissione. Differente il Covid che invece si trasmette molto bene, ed è fatto per restare. Quindi il vaccino è la risposta giusta, ma non l’unica, perché se noi riuscissimo a mantenere i criteri di distanziamento sociale che impediscono al virus di trasmettersi, potremmo ottenere ottimi risultati anche senza il vaccino o in attesa».

Dare una tempistica alla realizzazione del vaccino è impossibile. Lo stesso Perno non è in grado di esporsi e ricorda che «ci vogliono anni per testare la validità di anticorpi in grado di bloccare un virus. E soprattutto – aggiunge – i test devono essere fatti su individui sani quindi in primis deve essere sicuro ed efficace e deve essere certificato. Sono dubbioso, ma mi auguro di avere torto, visto che qualcuno sostiene che avremo un vaccino a fine anno. Spero arrivi per il 2021, ma soprattutto che funzioni e sia sicuro. La mia paura è che la fretta possa generare danni peggiori che non avere il vaccino».

Segnali positivi arrivano però dalle cure, come la terapia del plasma che per Perno resta, ad oggi, una delle più convincenti, anche se deve essere ancora rifinita. «Si tratta di uno strumento eccellente se viene usato bene – chiosa -. Noi ancora oggi non sappiamo con certezza quante persone hanno anticorpi neutralizzanti dopo l’infezione. La sfida più imminente quindi è riuscire ad individuare chi li produce, altrimenti l’uso del plasma diventa inutile».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...