Salute 21 Maggio 2020

Covid-19, come affrontare un eventuale nuovo picco in autunno? Andreoni (Tor Vergata): «Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per tutti»

Il direttore scientifico della Simit: «Vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Contrarre l’influenza stagionale aumenta il rischio di ammalarsi di Covid-19». È questa l’ipotesi avanzata dagli scienziati dell’Università di Hong Kong, in un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Lancet. Secondo i ricercatori “il virus dell’influenza potrebbe facilitare l’ingresso del SARS-CoV-2 nei polmoni, poiché alcuni ceppi influenzali aumenterebbero nelle cellule umane la presenza dei recettori ACE2, ovvero la proteina che permetterebbe l’ingresso del Coronavirus nel corpo umano”.

Aldilà delle ipotesi avanzate dagli scienziati cinesi, anche in occidente sono molti gli esperti che, in previsione di un nuovo picco epidemico durante il prossimo autunno, consigliano di vaccinarsi contro l’influenza stagionale e non solo.

LEGGI ANCHE: «FINALMENTE LA RIVINCITA DELLA SCIENZA». INTERVISTA A MASSIMO ANDREONI, AUTORE DEL LIBRO ANTI-FAKE NEWS “COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA”

Massimo Andreoni, primario del reparto di Malattie Infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma, direttore scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e protagonista del progetto “Covid-19 il virus della paura“, spiega il perché in un’intervista a Sanità Informazione.

Professore, un vaccino contro il Covid-19 non è stato ancora trovato, ma vaccinarsi contro l’influenza cosiddetta stagionale è importante. Per quale motivo?

«Esistono diversi virus che, per sintomi, possono dare quadri molto simili tra di loro, soprattutto quelle infezioni che attaccano le vie respiratorie. Ma se un paziente con polmonite è vaccinato contro l’influenza, l’eventuale diagnosi di SARS-CoV-2 potrà avvenire in modo molto più celere. Per lo stesso motivo, anche sottoporsi alla vaccinazione antipneumococcica accelererà la diagnosi in pazienti che presentano sintomi respiratori. Influenza stagionale e pneumococco, infatti, sono entrambi virus che possono manifestarsi attraverso sintomi simili a quelli del Covid-19».

E chi deve vaccinarsi?

«Tutti, partendo ovviamente dalle fasce più a rischio, ovvero gli over 65 e coloro che soffrono di malattie croniche, cardiopatie, insufficienza renale».

Quando vaccinarsi?

«L’influenza è un virus stagionale che tende a circolare particolarmente nel periodo invernale e all’inizio del periodo primaverile, con una massima incidenza tra novembre ed aprile. Pertanto, di regola, è consigliabile vaccinarsi tra ottobre e novembre. Il prossimo autunno, invece, sarà meglio anticipare un po’. Lo pneumococco circola tutto l’anno e, di conseguenza, è possibile vaccinarsi in qualsiasi momento, anche adesso».

E se dobbiamo vaccinarci tutti, ci saranno dosi a sufficienza per 60 milioni di persone?

«Dobbiamo prevedere e prevenire questo rischio, auspicando che si decida di rendere obbligatorie queste vaccinazioni per tutti e non solo per le cosiddette fasce deboli della popolazione».

Vaccinarci tutti accelererebbe le eventuali diagnosi di Covid-19. Ci sarebbero anche altri benefici?

«Sì. Perché se il Covid-19 dovesse ripresentarsi dovremmo evitare ad ogni costo che il suo picco possa coincidere con quello dell’influenza stagionale. Senza una vaccinazione antinfluenzale diffusa in tutta la popolazione, le due epidemie rischierebbero di coincidere e questa concomitanza metterebbe in grande difficoltà la sanità pubblica».

Vaccinarsi, dunque, eviterebbe di mettere ulteriormente sotto pressione il nostro SSN?

«Certo. Ma è evidente che vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Non diventano meno rilevanti il distanziamento fisico, l’uso della mascherina, il lavaggio frequente delle mani, poiché tutte queste misure sono efficaci a prevenire la circolazione del Covid-19, ma anche di altre infezioni respiratorie. Abbiamo vaccini contro influenza e pneumococco, ma non contro tanti altri virus come quelli parainfluenzali, gli adenovirus, i rinovirus e tutti virus che possono dare manifestazione a livello dell’apparto respiratorio e che circolano, ogni anno, all’interno della popolazione. Per questo, mantenere queste ulteriori misure di precauzione e di prevenzione aiuterà a diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari e renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
L’ingegner Vacca: «Giusto il lockdown, ma le pandemie sono sempre esistite. L’epidemia più terribile è quella dell’ignoranza»
Nel suo ultimo libro “La misura del virus” l’ingegner Roberto Vacca descrive l’equazione di Volterra, modello matematico con cui ha previsto la fine dei decessi da Covid-19 in Italia. Poi sottolinea: «Nel 1957 con l’asiatica morirono in 37 mila. L’epidemia di Covid non è una tragedia epocale»
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli