Salute 21 Maggio 2020 12:15

Covid-19, come affrontare un eventuale nuovo picco in autunno? Andreoni (Tor Vergata): «Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per tutti»

Il direttore scientifico della Simit: «Vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2»

di Isabella Faggiano
Covid-19, come affrontare un eventuale nuovo picco in autunno? Andreoni (Tor Vergata): «Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per tutti»

«Contrarre l’influenza stagionale aumenta il rischio di ammalarsi di Covid-19». È questa l’ipotesi avanzata dagli scienziati dell’Università di Hong Kong, in un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Lancet. Secondo i ricercatori “il virus dell’influenza potrebbe facilitare l’ingresso del SARS-CoV-2 nei polmoni, poiché alcuni ceppi influenzali aumenterebbero nelle cellule umane la presenza dei recettori ACE2, ovvero la proteina che permetterebbe l’ingresso del Coronavirus nel corpo umano”.

Aldilà delle ipotesi avanzate dagli scienziati cinesi, anche in occidente sono molti gli esperti che, in previsione di un nuovo picco epidemico durante il prossimo autunno, consigliano di vaccinarsi contro l’influenza stagionale e non solo.

LEGGI ANCHE: «FINALMENTE LA RIVINCITA DELLA SCIENZA». INTERVISTA A MASSIMO ANDREONI, AUTORE DEL LIBRO ANTI-FAKE NEWS “COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA”

Massimo Andreoni, primario del reparto di Malattie Infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma, direttore scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e protagonista del progetto “Covid-19 il virus della paura“, spiega il perché in un’intervista a Sanità Informazione.

Professore, un vaccino contro il Covid-19 non è stato ancora trovato, ma vaccinarsi contro l’influenza cosiddetta stagionale è importante. Per quale motivo?

«Esistono diversi virus che, per sintomi, possono dare quadri molto simili tra di loro, soprattutto quelle infezioni che attaccano le vie respiratorie. Ma se un paziente con polmonite è vaccinato contro l’influenza, l’eventuale diagnosi di SARS-CoV-2 potrà avvenire in modo molto più celere. Per lo stesso motivo, anche sottoporsi alla vaccinazione antipneumococcica accelererà la diagnosi in pazienti che presentano sintomi respiratori. Influenza stagionale e pneumococco, infatti, sono entrambi virus che possono manifestarsi attraverso sintomi simili a quelli del Covid-19».

E chi deve vaccinarsi?

«Tutti, partendo ovviamente dalle fasce più a rischio, ovvero gli over 65 e coloro che soffrono di malattie croniche, cardiopatie, insufficienza renale».

Quando vaccinarsi?

«L’influenza è un virus stagionale che tende a circolare particolarmente nel periodo invernale e all’inizio del periodo primaverile, con una massima incidenza tra novembre ed aprile. Pertanto, di regola, è consigliabile vaccinarsi tra ottobre e novembre. Il prossimo autunno, invece, sarà meglio anticipare un po’. Lo pneumococco circola tutto l’anno e, di conseguenza, è possibile vaccinarsi in qualsiasi momento, anche adesso».

E se dobbiamo vaccinarci tutti, ci saranno dosi a sufficienza per 60 milioni di persone?

«Dobbiamo prevedere e prevenire questo rischio, auspicando che si decida di rendere obbligatorie queste vaccinazioni per tutti e non solo per le cosiddette fasce deboli della popolazione».

Vaccinarci tutti accelererebbe le eventuali diagnosi di Covid-19. Ci sarebbero anche altri benefici?

«Sì. Perché se il Covid-19 dovesse ripresentarsi dovremmo evitare ad ogni costo che il suo picco possa coincidere con quello dell’influenza stagionale. Senza una vaccinazione antinfluenzale diffusa in tutta la popolazione, le due epidemie rischierebbero di coincidere e questa concomitanza metterebbe in grande difficoltà la sanità pubblica».

Vaccinarsi, dunque, eviterebbe di mettere ulteriormente sotto pressione il nostro SSN?

«Certo. Ma è evidente che vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Non diventano meno rilevanti il distanziamento fisico, l’uso della mascherina, il lavaggio frequente delle mani, poiché tutte queste misure sono efficaci a prevenire la circolazione del Covid-19, ma anche di altre infezioni respiratorie. Abbiamo vaccini contro influenza e pneumococco, ma non contro tanti altri virus come quelli parainfluenzali, gli adenovirus, i rinovirus e tutti virus che possono dare manifestazione a livello dell’apparto respiratorio e che circolano, ogni anno, all’interno della popolazione. Per questo, mantenere queste ulteriori misure di precauzione e di prevenzione aiuterà a diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari e renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Ma le campagne vaccinali funzionano sui social?
Con l’espressione shitstorm (letteralmente “tempesta di cacca”) si intende quel fenomeno con il quale un numero piuttosto consistente di persone manifesta il proprio dissenso nei confronti di un’altra persona (o di un gruppo), di una organizzazione o di una azienda. Questa tempesta di insulti e/o commenti denigratori si realizza in rete, generalmente sui social media, sui blog o su altre piattaforme che consentono l’interazione
di Nicola Draoli, Consigliere Comitato Centrale FNOPI
Vaccini e prevenzione primaria, i consigli dei pediatri per proteggere i bambini dalla “triade” influenza-RSV-Covid
Siamo vicinissimi a una nuova stagione che rischia di mettere a dura prova i bambini, le famiglie e gli ospedali. Tra il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS), l'influenza e il Covid, si temono ancora una volta gli effetti di questa pericolosa "triade". A dare indicazioni utili su come proteggere i più piccoli sono stati gli specialisti della Società Italiana di Pediatria
Aviaria: il Brasile dichiara emergenza sanitaria animale
Sei mesi dopo aver riscontrato diversi casi di influenza aviaria negli uccelli selvatici, il Brasile ha dichiarato lo stati di emergenza sanitaria. Sette casi sono stati segnalati nello stato di Espirito Santo, con un altro scoperto nello stato di Rio de Janeiro. La dichiarazione di emergenza rende più facile per il governo adottare misure per fermare la diffusione del virus altamente infettivo H5N1
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.