Formazione 19 Maggio 2020

Covid-19, on line la prima collana formativa. Zucchiatti (Sanità in-Formazione): «Nozioni fondamentali per prevenire il contagio»

Consulcesi, attraverso il provider, ha realizzato una raccolta di materiale formativo indirizzato a tutti i professionisti sanitari: «I corsi ECM FAD della collana Covid-19 sono costruiti sulla base delle evidenze scientifiche attualmente disponibili e delle fonti ufficiali di informazione e aggiornamento»

Immagine articolo

Il Covid-19 ha preso il mondo intero alla sprovvista e nel giro di pochi mesi lo ha ingabbiato. Sembra passata un’eternità, ma risale a solo quattro mesi fa la dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in cui si comunicava l’individuazione di un nuovo ceppo di coronavirus mai identificato prima nell’uomo. Si parlerà di pandemia solo due mesi dopo, l’11 marzo 2020. Quel che è successo da allora lo conosciamo tutti.

Quel che non sappiamo, però, è ancora tanto. In particolare, sappiamo molto poco del virus SARS-CoV-2, delle sue caratteristiche e dei modi e degli strumenti più adatti per affrontarlo, non esistendo ancora cure né best practice da attuare. La storia, insomma, la stiamo scrivendo oggi, giorno dopo giorno. Per questo risulta fondamentale raccogliere tutto ciò che sappiamo e che impariamo strada facendo per arrivare, si spera il prima possibile, ad avere una letteratura abbastanza ampia per affrontare il nemico al meglio.

È questo lo scopo della collana formativa che Consulcesi, attraverso il provider ECM Sanità in-Formazione, ha messo a punto nelle ultime settimane, in cui sono raccolte informazioni utili e raccomandazioni per gli operatori sanitari, impegnati in prima linea nell’attuale emergenza. Ne abbiamo parlato con Alessandra Zucchiatti, amministratore delegato di Sanità in-Formazione.

LEGGI ANCHE: MEDICI SENTINELLE ANTI-VIRUS, CONSULCESI LANCIA LA PRIMA COLLANA ECM SUL COVID-19

Dottoressa Zucchiatti, qual è lo scopo di questa collana Covid-19?

«I corsi ECM FAD della collana Covid-19 sono costruiti sulla base delle evidenze scientifiche attualmente disponibili e delle fonti ufficiali di informazione e aggiornamento. L’importanza dei contenuti della collana e la fondamentale attività di aggiornamento sul Covid-19 è confermata dall’indicazione di tematica di interesse nazionale a carattere d’urgenza da parte della Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Grazie ai percorsi formativi della collana, sono proposte nozioni utili per adottare le giuste misure preventive, come l’individuazione precoce dei casi e il loro isolamento, fondamentali per contrastare la diffusione del virus; un pericolo reale ma invisibile che porta alla rottura delle abitudini e alla riprogettazione del futuro. Particolare attenzione è riservata agli aspetti psicologici legati alla pandemia da coronavirus».

Cosa contiene la collana?

«Partiamo con un corso dal titolo “Covid-19, l’esperienza cinese: prevenzione, diagnosi e trattamento” che vuole formare il personale sanitario e i medici che si trovano ad affrontare l’emergenza Covid-19 soffermandosi sui concetti utili alla corretta gestione del paziente e alla prevenzione in modo da ridurre al minimo o annullare il rischio di contagio. Insieme alle informazioni che descrivono modalità di contagio e relativo impatto epidemiologico vengono fornite nozioni relative alla corretta terapia medica, basate sull’esperienza a livello internazionale e in particolare su quella cinese. Una sezione, in particolare, tratta della corretta gestione infermieristica delineando i vari tipi di trattamento e assistenza che questa particolare categoria si trova a fornire».

Gli altri corsi di cosa trattano?

«Ci occuperemo, con il secondo corso, di focalizzare le linee guida seguite in Italia per l’individuazione e l’adozione delle misure di prevenzione necessarie per consentire a tutti gli operatori sanitari di lavorare in sicurezza. Misure più che mai fondamentali considerato che ogni giorno questi lavoratori sono a contatto con pazienti potenzialmente infetti, molti dei quali sono asintomatici, e dunque difficili da riconoscere da una prima osservazione come soggetti che hanno contratto il virus. In un momento storico nel quale ogni paziente è potenzialmente positivo al nuovo coronavirus, è quindi necessario rivedere e adeguare le linee guida internazionali riguardanti il Basic Life Support & Defibrillation. La rianimazione cardio-polmonare infatti, è una procedura che espone al rischio infettivo il soccorritore. Ci occuperemo di approfondire le ultime linee guida e raccomandazioni internazionali appena emanate, per permettere di eseguire una rianimazione cardio polmonare efficace per la vittima e sicura per l’operatore. Un particolare focus sarà quindi dedicato ai soccorsi extra-ospedalieri che, spesso, non garantiscono ai soccorritori dispositivi di protezione individuale appropriati. Inoltre, saranno analizzati studi preliminari condotti su pazienti Covid-19 positivi sottoposti a procedure di rianimazione».

Altri focus particolari?

«L’attuale situazione sanitaria a livello globale con la pandemia da Covid-19 ha determinato delle misure drastiche di distanziamento sociale e riduzione di accesso agli ambulatori di Pediatria e specialistici con conseguente disagio per i pazienti allergici e modifiche di atteggiamento prescrittivo da parte dei sanitari, a volte non proprio appropriati con conseguente ridotta aderenza alle terapie. Tracceremo, alla luce delle linee guida, un percorso diagnostico e terapeutico per le malattie allergiche che tenga conto da un lato della complessità della patologia con le sue potenziali complicanze e dall’altro della necessità di soddisfare le misure di prevenzione imposte dalla pandemia».

Parte fondamentale di questo progetto, però, è un docufilm. Ce ne parli.

«Esatto, è il prodotto su cui abbiamo puntato di più. Si tratta di un lavoro scientificamente preciso e dettagliato, in cui abbiamo interpellato i principali esperti e le istituzioni più autorevoli del settore. Un’idea ambiziosa che siamo sicuri i medici, i professionisti sanitari, ma anche chiunque voglia semplicemente saperne di più sull’argomento, apprezzeranno tantissimo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
Emergenza Covid-19, Mattarella consegna onorificenze al merito ai cittadini che si sono distinti
«Tutti siamo chiamati a contribuire a sconfiggere la pandemia e la diffusione del contagio e del virus». Così il Presidente Mattarella in occasione della consegna al Quirinale delle onorificenze di Cavaliere dell'OMRI ai cittadini che si sono distinti durante la pandemia
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...