Salute 20 Maggio 2019

Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia

Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell’Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»

Immagine articolo

Al via la Settimana Mondiale della Tiroide. In diverse città d’Italia, dal 20 al 26 maggio, sarà possibile partecipare ad incontri informativi, convegni, effettuare screening ed ecografie gratuitamente. “Amo la mia tiroide…e faccio la cosa giusta”, è lo slogan scelto per l’edizione 2019, il cui obiettivo, spiega Antonella Olivieri, responsabile scientifico Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia (OSNAMI), è quello di «garantire un’adeguata nutrizione iodica alla popolazione». L’iniziativa è patrocinata dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità.

«La prevenzione è importantissima, – spiega ai nostri microfoni Antonella Olivieri, responsabile scientifico Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia (OSNAMI) dell’Istituto Superiore di Sanità – ma soprattutto è facile, efficace e anche economico attuare un programma di prevenzione per le patologie tiroidee. Come si fa? È sufficiente garantire un’adeguata nutrizione iodica alla popolazione e questo perché lo iodo è il costituente fondamentale degli ormoni della tiroide che sono importantissimi per lo sviluppo del sistema nervoso centrale e per l’accrescimento durante la vita fetale e l’infanzia, nella vita adulta per il controllo dell’equilibrio metabolico.

L’Italia ha perseguito questo obiettivo di prevenzione grazie all’approvazione nel 2005 della legge n.55 che di fatto ha introdotto un programma di iodo-profilassi su base volontaria che prevede la vendita obbligatoria di sale iodato in tutti i punti vendita e l’utilizzo del sale iodato nella ristorazione collettiva, quindi anche nelle mense scolastiche e l’utilizzo del sale iodato anche nell’industria alimentare.

LEGGI: TIROIDE, 7 REGIONI HANNO RAGGIUNTO LA IODOSUFFICIENZA MA 6 MILIONI DI ITALIANI ANCORA NE SOFFRONO

All’Istituto Superiore di Sanità è affidato il compito di valutare periodicamente l’efficienza e l’efficacia della iodo-profilassi, quindi quanto iodio arriva alla popolazione e come si riducono le patologie connesse alla carenza nutrizionale di iodo. Gli ultimi dati dell’Osservatorio nazionale dell’ISS ci dicono che l’Italia ha raggiunto la iodo-sufficienza. I dati riguardano 7 regioni rappresentative del nord, centro e sud Italia, ma forse il dato più importante è il raggiungimento della sconfitta del Gozzo in età scolare in 6 di queste 7 regioni. Solo l’Umbria è ancora al limite del raggiungimento di questo obiettivo importante (ndr. La soglia del 5% di presenza della malattia nella popolazione presa in esame).

Quindi che dobbiamo fare per il futuro? Verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodo, –  continua Olivieri – perché ricordiamo che in gravidanza il fabbisogno di iodio è aumentato rispetto alla condizione di non gravidanza. Questo per garantire un’adeguata attività della tiroide sia per la mamma che per il bambino. Il secondo obiettivo è quello di garantire sostenibilità al programma di prevenzione e questo si fa diffondendo quanto più possibile la cultura della prevenzione ed è in quest’ottica che è stato siglato il protocollo d’intesa con il Miur, tra ISS e società scientifiche e associazioni dei pazienti. Un programma che porta la iodo-profilassi nelle scuole italiane, primarie e secondarie di primo e secondo grado».

Articoli correlati
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»
Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
Ricerca, pochi fondi ma tante eccellenze. Leonardi (Carlo Besta): «Qui è difficile ma vale la pena restare»
Insignita del premio 100 eccellenze italiane, la ricercatrice Matilde Leonardi racconta la sua esperienza: «Da più di 30 anni mi occupo di ricerca sulla disabilità in Italia e nel mondo»
Giornata contro la violenza sulle donne, le ostetriche: il 30% dei maltrattamenti ha inizio in gravidanza
Aumentano negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate: 4.886 unità nel 2018, con una crescita del 5,4% sul 2017. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO): «Ostetriche da sempre sentinelle di episodi di violenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...