Salute 15 Maggio 2019

Tiroide, 7 Regioni hanno raggiunto la iodosufficienza ma 6 milioni di italiani ancora ne soffrono

In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide sono stati diffusi i dati raccolti dall’Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia. Paolo Vitti, presidente Società Italiana di Endocrinologia (SIE): «Fino a qualche anno fa tutta l’Italia era iodo-carente»

Immagine articolo

“Poco sale ma iodato” è il mantra degli specialisti che in vista della Settimana Mondiale della Tiroide, dal 20 al 26 maggio, si sono riuniti presso il Ministero della Salute per lanciare la nuova campagna di sensibilizzazione “AMO LA MIA TIROIDE….e faccio la cosa giusta”. Per l’occasione sono stati inoltre diffusi i dati dell’indagine dell’Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia (OSNAMI) attivo presso l’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con gli Osservatori Regionali per la Prevenzione del Gozzo.

Sono oltre 6 milioni gli italiani con un problema a questa ghiandola. Si tratta del 10% della popolazione italiana e in primis le donne. «Durante questa settimana faremo una grande pubblicità sulle patologie tiroidee, soprattutto per quello che riguarda la prevenzione delle principali patologie come il gozzo, i noduli e l’ipertiroidismo», spiega Paolo Vitti, presidente Società Italiana di Endocrinologia (SIE). «Si parlerà di diagnostica precoce, di patologie importanti come il tumore della tiroide. Si parlerà di come seguire le patologie croniche tiroidee. Poi rivolgeremo uno sguardo particolare alla prevenzione, soprattutto in gruppi particolari di popolazione come i neonati che sono sottoposti allo screening congenito e la prevenzione della disfunzione tiroidea nelle donne in gravidanza, perché in gravidanza attualmente le quantità di iodio a disposizione nell’alimentazione non sono sufficienti, c’è bisogno di introdurre degli integratori che favoriscano un adeguato contenuto di iodio e permettano un normale funzionamento tiroideo, con nascita di bambini che abbiano un adeguato sviluppo somatico e celebrale».

In Italia 7 Regioni hanno intanto raggiunto la iodosufficienza, come rilevato dall’indagine OSMANI condotta su 9 Regioni rispetto agli anni 2015-2019, con una significativa riduzione della frequenza di gozzo in età scolare. I numeri infatti evidenziano che in Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia e Marche il gozzo in età prescolare risulta sconfitto mentre è appena al di sopra del 5,0% nella Regione Umbria (percentuale indicata dall’OMS al di sotto della quale si può parlare di iodosufficienza).

LEGGI:LISTE D’ATTESA, REPORT FP CGIL: IN MEDIA 60 GIORNI PER UNA VISITA NEL PUBBLICO

I dati dell’OSNAMI riportano poi un aumento dell’uso di sale iodato nelle mense scolastiche in un quadro generale di complessiva riduzione nel consumo del sale. «Si tratta di un ottimo risultato, – commenta il presidente SIE – perché fino a qualche anno fa tutta l’Italia era iodo-carente, ma grazie a tutto il processo di sensibilizzazione lanciato dal Ministero della Salute, l’informazione diffusa dai giornali e nelle scuole sulla iodo-profilassi, abbiamo raggiunto uno stato di nutrizione iodica sufficiente che andrà estesa a tutto quanto il Paese».

«In questa settimana sarà possibile contattare i vari centri di tiroidologia in tutta Italia per la prevenzione, – conclude Vitti – per fare ecografie, per chiedere consigli per quello che riguarda lo stile di vita, l’alimentazione da fare e aiutarli anche per eventuali diagnosi precoci».

Articoli correlati
Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»
A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»
“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»
La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
Noduli della tiroide, donne colpite 5 volte in più degli uomini. Monito di AME: «Benigni nel 95% dei casi, eccesso di interventi»
Guglielmi (Regina Apostolorum): “Ogni anno 40mila interventi chirurgici, ma molti sono inutili o addirittura dannosi”. Papini (AME): “Con esami precoci possiamo capire se il nodulo è benigno o se servono ulteriori approfondimenti”
Il presidente ISS Brusaferro: «In campo contro antibiotico-resistenza e rischi sigaretta elettronica»
Il nuovo presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «È una bella esperienza. Qui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche del nostro Paese»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano